Afghanistan: un'animatrice di trasmissione televisiva è stata uccisa da una pallatola nella testa

24 maggio 2005
Fonte: www.rsf.fr

Shaima Rezayee, ex-animatrice del canale televisivo privato hertziano Tolo TV, è stata uccisa il 18 Maggio 2005 nella zona di Char Qala a Kabul. Questo crimine odioso è la prova che la libertà della stampa non è ancora conquistata in Afghanistan.

Reporters sans frontieres (reporters senza confini) reitera la sua domanda presso il presidente Hamid Garzai perché delle misure concrete in favore della libertà di espressione siano prese e perché un’indagine seria e indipendente sia fatta per arrestare e punire gli autori del crimine.

A 24 anni, Shaima Rezayee, animava fino a Marzo una trasmissione musicale. Era fortemente criticata e giudicata anti-islamica dai conservatori. Il scorso 13 Maggio il consiglio degli ulemas aveva fatto pressione sul governo per fare smettere la diffusione dei programmi che giudicavano come “immorali e anti islamici”.

Tolo TV aveva licenziato la giovane signora poco tempo dopo, perché consideravano che la sua personalità non corrispondeva ai criteri del canale.

Tolo TV è stato criticato dai responsabili religiosi che hanno fatto tutto per vietare la sua diffusione.
In Novembre 2004, il consiglio dei ministri presieduto da Hamid Garzai aveva minacciato di togliere la licenzia di Tolo TV a causa dei suoi programmi giudicati “islamicamente scoretto “

Shaima Rezayee è la prima giornalista uccisa in Afghanistan dalla fine della guerra 2001

Note: Tradotto da Charlotte Bonin per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile per scopi non commerciali citando la fonte, l'autore e il traduttore

Articoli correlati

  • Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»
    Cultura
    Quattro giorni di cinema al femminile a Taranto

    Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»

    Storie di donne, testimonianze di vita di registe e attrici che da Afghanistan, Iran, Palestina e Marocco si danno appuntamento a Taranto.
    23 giugno 2022 - Fulvia Gravame
  • Italiani per Hale
    PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    10 ottobre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il futuro di Kabul
    Conflitti
    Un'analisi dell'Afghanistan dopo la sconfitta degli Stati Uniti e della Nato

    Il futuro di Kabul

    Cina, Russia, Pakistan, Qatar e Turchia negoziano con i Talebani per mantenere un ordine che crei un ambiente favorevole tanto ai loro investimenti in infrastrutture e attività estrattive. E vogliono tenere lontane dai propri confini le minacce portate dalle fazioni jihadiste e indipendentiste.
    11 ottobre 2021 - Valeria Poletti
  • "Mettevamo al potere gente che faceva cose peggiori di quelle fatte dai talebani"
    Conflitti
    Gli stupri dei bambini erano la regola: "La notte li sentiamo gridare, ma non possiamo fare nulla"

    "Mettevamo al potere gente che faceva cose peggiori di quelle fatte dai talebani"

    Gli episodi che riportiamo in questa pagina web spiegano perché l'esercito e la polizia afghani non fossero amati dalla popolazione e si siano sbriciolati appena è venuto meno il supporto delle truppe americane e della Nato, nonostante fossero stati fortemente armati, attrezzati e addestrati.
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)