MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

Al-Jazira: direttore emittente chiede spiegazioni a Blair

26 novembre 2005
Fonte: AGIS

Il direttore di 'al-Jazira', Wadhan Khanfar, ha preannunciato una propria lettera a Tony Blair con la quale esigera' spiegazioni dal premier britannico a proposito dell'incontro da questi avuto con George W. Bush nell'aprile dell'anno scorso a Washington, e durante il quale il presidente americano avrebbe messo a parte l'ospite dell'intenzione di far bombardare l'emittente televisiva satellitare con sede in Qatar, a suo dire responsabile di parzialita' a favore del terrorismo islamico, se non addirittura di connivenza. Il proposito di Bush emergerebbe da un memorandum riservato con la trascrizione del colloquio riservato, stralci del quale erano stati divulgati mercoledi' dal quotidiano londinese 'The Daily Mirror'. Khanfar, intervstato dalla radio del network pubblico 'Bbc', ha aggiunto che sollicitera' Blair a rendere di pubblico dominio l'intero testo del documento, malgrado esso sia tuttora secretato e il governo britannico abbia minacciato di denunciare in sede penale qualsiasi testata giornalistica rivelasse ulteriori parti del memorandum; il monito, che configurava un possibile procedimento giudiziario per violazione del segreto di stato, e' stato confermato sia dal 'Daily Mirror' sia da altri due giornali inglesi, 'The Times' e 'The Guardian', che hanno parlato senza mezzi termini di "bavaglio alla stampa" nel Regno Unito. "la lettera", ha spiegato il direttore di 'al-Jazira' alla stazione radiofonica pubblica britannica, "ricordera' che la nostra emittente e' uin funzione ormai da nove anni, che rappredsenta il piu' importante foro della democrazia nel mondo arabo, e che dunque le indiscrezioni di cui siamo venuti a conoscenza sono estremamente preoccupanti. Pertanto", ha proseguito Khanfar, "chiediamo appropriate spiegazioni, e vorremmo prpprio conoscere i fatti". "Dobbiamo sapere se quella discussione sia avvenuta o meno", ha incalzato il giornalista, "se quel memorandum esista davvero oppure no. Il fatto di vietare la pubblicazione di tale documento suscita notevoli preoccupazioni e parecchi dubbi. E' di importanza storica il venire a sapere con esattezza che cosa e' successo", ha concluso Khanfar.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)