Bloggers

E la guerra corre sul web

22 luglio 2006
Annalena Di Giovanni
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

«E allora, che facciamo?» «Io mi arrendo, non scorgo alcuna speranza di pace per la regione. Qualcuno ha qualche idea un minimo realistica che possa funzionare?»
Sembra paradossale ma, sotto i missili e le sirene, i bloggers dibattono sul da farsi. Sono israeliani, libanesi, palestinesi. Sunniti, sciiti, ortodossi, atei, di destra e di sinistra. Un fenomeno così improvviso e torrenziale che nella stampa internazionale si è subito aperta la caccia al blog: le testate britanniche per prime si sono precipitate a chiedere il permesso di utilizzare e riportare regolarmente gli aggiornamenti dei vari blogs.
Fra quelli che raccontano in tempo reale il conflitto, il più gettonato sul fronte libanese è http://www.lebanesebloggers.blogspot.com, al quale partecipano una serie di volontari che analizzano in tempo reale non soltanto la situazione strettamente bellica ma anche la copertura che ne fanno i media di tutto il mondo. A fornire informazioni dal sud del Libano c'è anche http://www.angryarab.blogspot.com, di Asa'd, che scrive da Khiam (località famosa per il centro di tortura e detenzione che gli israeliani vi gestirono negli anni '90); un blog duro, immediato e ricco di foto, nel quale l'assenza di filtri sui commenti garantisce la resa brutale di quel che scuote l'opinione pubblica araba ed ebraica in questi giorni di guerra.
Dall'altra parte del confine ecco http://www.israelibunker.blogspot.com, che racconta il quotidiano vivere in un bunker nel nord di Israele, rispondendo alle curiosità dei commentatori («No, in genere non bombardano a notte fonda per non compromettere le proprie postazioni. La giornata comincia con le sirene; ho notato un calo di attacchi fra il primo ed il secondo giorno, ma credo che ci riproveranno prima che faccia notte») e guadagnandosi le premure dei fedelissimi lettori, americani ed israeliani, che continuamente mandano preghiere ed auguri per lo stato di salute del misterioso blogger, addirittura chiedendo se sia possibile arruolarsi nell'esercito israeliano per combattere Hezbollah. Coloro che hanno lasciato il proprio paese scrivono dall'estero, torturandosi per la distanza, raccontando le incessanti telefonate a parenti ed amici per sincerarsi sul bilancio di morti e senzatetto. È il caso di http://www.perpetualrefugee.com, singolarmente incisivo e ben scritto, sicuramente degno di una visita. Non mancano i casi di bloggers stranieri ritrovatisi per caso nel mezzo del conflitto: è il caso di Hardig, studente svedese, che su http://www.beirutundersiege.blogspot.com ha fedelmente riportato il conflitto in Libano fino alla sua partenza forzata da Beirut, avvenuta ieri via nave.
Si scontrano ma soprattutto si incontrano, i bloggers del conflitto israelo-libanese: mettono a nudo le reciproche ignoranze sul nemico, scrivono per partito preso, sognano questa o quella pace. E c'è chi ha aperto un blog «universale», trilingue, aperto ad arabi ed israeliani che, nonostante le censure, sembra funzionare. È l'esperimento di http://www.notes.co.il, di origine israeliana, sul quale si legge: «Sono un soldato israeliano sul confine libanese. Questa guerra è già fin troppo deprimente. Sembra che nessuno ricordi come è cominciata. Ed ora, al decimo giorno, sembra che in entrambi i lati di uccidano a vicenda. E sono troppi i civili morti, da entrambi i lati»

Articoli correlati

  • Ti ricorderemo, Gino Strada
    Pace
    Un mese fa moriva Gino Strada

    Ti ricorderemo, Gino Strada

    Ha lasciato un segno nella Storia e nelle nostre coscienze, ci ha esortato a credere in un futuro senza guerre. Lavorava, soffriva per quello che vedeva e si interrogava.
    10 settembre 2021 - Maria Pastore
  • L'esportazione della democrazia e Gino Strada
    Pace
    Afghanistan

    L'esportazione della democrazia e Gino Strada

    Nessuno gli ha dato ascolto, se non la povera gente di cui ha guarito le ferite senza fare distinzione alcuna. Quello che sta succedendo è la bancarotta morale dell'Occidente.
    17 agosto 2021 - Gianfranco Mammone
  • La debacle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange
    Pace
    Non uccidere il messaggero

    La debacle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange

    Il fondatore di Wikileaks ci aveva da tempo avvertito che in Afghanistan le truppe USA/NATO non stavano “guadagnando le menti e i cuori” della popolazione; anzi, si stavano facendo odiare. Ma il messaggio non è stato ascoltato e il messaggero è ora in prigione in attesa di giudizio.
    17 agosto 2021 - Patrick Boylan
  • Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?
    Cultura
    Sul programma televisivo "La Caserma"

    Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?

    Quello che propongono i media a mo' di gioco, nella realtà è molto, molto più triste. Cosa vogliamo raccontare ai nostri ragazzi, la finzione o la realtà?
    26 maggio 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)