Villa Salati - Paestum (SA) 14/15/16/17 settembre 2006

Mediterraneo Video Festival - nona edizione

Il Mediterraneo Video Festival sceglie come tema della nona edizione il dialogo tra i popoli e istituisce il premio Roberto Rossellini per la Pace al miglior documentario che contribuisce alla tolleranza, all’amicizia tra religioni e culture in occasione del centenario della nascita del maestro del cinema.
14 settembre 2006
Mediterraneo Video Festival - nona edizione - Villa Salati - Paestum (SA) 14/15/16/17 settembre 2006

Il Festival:
Il Mediterraneo Video Festival sceglie come tema della nona edizione il dialogo tra i popoli e istituisce il premio Roberto Rossellini per la Pace al miglior documentario che contribuisce alla tolleranza, all'amicizia tra religioni e culture in occasione del centenario della nascita del maestro del cinema.
Il festival ha ottenuto, nel corso degli anni, un ottimo successo per il suo impegno nell'ambito della valorizzazione del paesaggio culturale, oltre che per la qualità della scelta artistica delle proposte cinematografiche provenienti da vari paesi europei e da aree del bacino del mediterraneo. Sono tantissime le opere che pongono al centro tematiche di grande attualità o che fanno emergere aspetti e problematiche a noi sconosciute per mancanza di informazione e conoscenza. Anche quest'anno il Festival ha favorito una selezione di documentari che nei contenuti e nelle storie raccontate contribuiscono alla conoscenza , al recupero e al rispetto delle identità dei popoli.
Il Mediterraneo Video Festival è nato nel 1998 a Velia in occasione della Convenzione Europea del Paesaggio presentata dal Consiglio d'Europa. Nel corso degli anni ha favorito una serie di relazioni e scambi con le altre aree di cultura mediterranea ed ha ottenuto il patrocinio dell'UNESCO. Per questa 9 edizione il Mediterraneo Video Festival ha scelto di navigare con Zingara ( da giugno a ottobre 2006) lungo le coste del Mediterraneo. Zingara è il nome di una barca che da cinque anni naviga lungo le coste mediterranee con l'obiettivo di portare un messaggio di dialogo tra le etnie e le culture dei paesi che si affacciano su questo mare.
In ogni tappa della crociera, - che toccherà le coste dell' Isola di Malta, Linosa, Lampedusa, Pantelleria, Cap Bon, Tunisi, Biserte, il Golfo di Tunisi, Mazara Del Vallo, le isole Egadi , Palermo e infine Agropoli , dove a metà settembre verrà accolta dal MedVideoFestival - sono previsti una serie di eventi artistici, cinema, musica e arte, come occasione per diffondere il progetto e per favorire incontri pubblici e relazioni con le personalità artistiche dei vari paesi ospitanti.

Il concorso
Il Mediterraneo Video Festival , rassegna internazionale del cinema documentario del Mediterraneo, rinnova il suo appuntamento a Paestum con il cinema documentario d'autore. 21 i film della selezione ufficiale tra italiani e stranieri, tra cui molte anteprime nazionali. Due sezioni in concorso.

La Giuria:
Per i lungometraggi la giuria è composta da Wilma Labate (presidente) , Renzo Rossellini (regista-produttore) , Giovanni Bogani (giornalista), Silvana Silvestri (giornalista) Tamara Alessi (Story Finders).
Per i cortometraggi è composta da Stefano Missio (presidente), Luca Gasparini (regista), Ginevra Natale (sceneggiatrice)
Il Mediterraneo Video Festival è certamente un festival diverso dagli altri, svolge un' accurata ricerca nell'ambito del cinema documentario, favorendo la promozione di opere provenienti da varie aree del Mediterraneo , ma soprattutto svolge un ruolo disensibilizzazione su argomenti di scottante attualità che riguardano i cambiamenti socio-culturali e politici del mondo. Un Festival sempre più teso ad un visione del reale, dove attraverso le storie e le immagini si raccontano frammenti di paesaggio, si identificano luoghi e si guarda con attenzione allo spirito più intimo della cultura popolare.

Le novità della IX edizione

Tra le novità di quest'anno:
Premio Roberto Rossellini rivolto ai documentari della sezione internazionale che dialogano in tema di pace; presentazione del progetto Immagini senza Frontiera” vuole essere il porto franco delle comunicazione audiovisiva che vivrà del lavoro di diffusione delle immagini che arriveranno, via internet dall'intero pianeta e diffonda immagini per sensibilizzare sui problemi della società globale. Osserva il mondo ed invia un immagine al Festival. Dal sito del MedFest, festival internazionale del cinema reale del mediterraneo, lanciamo un appello a tutti coloro che hanno uno strumento per fotografare o realizzare immagini in movimento affinché le facciano pervenire al Sito di Immagini senza frontiera www.immaginisenzafrontiera.eu.

Rassegne:
Tra gli eventi una rassegna dedicata ad Alberto Grifi, considerato tra i primissimi autori di quello che fu chiamato”cinema sperimentale italiano”. Riconosciuto in tutto il mondo , ha lavorato per programmi Rai (Mixer e altre testate) e ha realizzato documenti filmati negli USA, in America Latina, Africa, Australia e Sud Est Asiatico.

Gli incontri sul cinema d'autore vedranno la presenza dei registi:
Wilma Labate , con il documentario “Ciro il Piccolo”; Marco Turco , con il film “I n un altro Paese” , Paolo Pisanelli con Il sibilo lungo della taranta ”, Guido Votano con il suo ultimo lavoro dal titolo “Altri occhi”. Premio speciale Mediterraneo Video festival 2006 al regista e produttore tunisino Abdellatif Ben Ammar , aiuto regista di Roberto Rossellini nel film il Messia; a Giuseppe Piccioni, a Marco Turco per il documentario “In un Altro Paese”, a Renzo Rossellini in memoria del centenario di Roberto Rossellini, ad Alberto Grifi.

Mostre ed Eventi
Nel corso del Festival sarà allestita la mostra fotografica “ Inattesi ” di Stephanie Gengotti, allieva di Menczer, direttore di fotografia del cinema italiano e internazionale e la video istallazione Magical World dell'artista svedese Johanna Billing che viene presentato al festival nell'ambito del progetto europeo in progress on-access

Allegati

Articoli correlati

  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
  • Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti
    Pace
    Sabato 25 gennaio 2020 giornata di mobilitazione internazionale per la pace

    Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti

    “La guerra è un male assoluto e va ‘ripudiata’, come recita la nostra Costituzione all’Art. 11: essa non deve più essere considerata una scelta possibile da parte della politica e della diplomazia”.
    15 gennaio 2020
  • PeaceLink For Future
    PeaceLink
    Seminario formativo sulla cittadinanza attiva

    PeaceLink For Future

    Pace, ecologia e solidarietà e cittadinanza digitale. Come fare giornalismo dal basso per dare voce alla società civile. Incontro nazionale di PeaceLink il 9 e 10 novembre. In questa pagina web trovate il form per registrarsi online.
  • La Colombia stanca di guerra
    Latina
    Lo Stato fa di tutto per allontanare le pace

    La Colombia stanca di guerra

    Prosegue il dibattito sulla scelta di una parte delle Farc di riprendere le armi
    18 settembre 2019 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.32 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)