Ad Imperia statue parlanti contro la guerra

Anche una città può trasformarsi in un mezzo comunicazione indipendente contro la guerra
26 marzo 2003
Marco Trotta

C'è un altro modo per fare comunicazione indipendente. Far parlare le città attraverso le proprie statue. Un'idea che ha avuto successo anche altrove. A Bologna, ad esempio, prima del G8 e durante le manifestazioni pacifiste contro questa nuova guerra.
Il sito italiano per boicottare la ESSO è questo: www.greenpeace.it/stopesso

Marco Trotta

 

comunicato stampa 25/03/2003

 

ANCHE LE STATUE
CONTRO LA GUERRA GLOBALE PERMANENTE

 

 

DE AMICIS: "Chi fa la guerra non ha CUORE"

I CADUTI: "Mai più guerre"

IL PARTIGIANO CASCIONE: "Ho combattuto per non vedere più guerre"

IL FILANTROPO RAINERI: "Non vedo l'ora che finisca la guerra"

GARIBALDI: "DISOBBEDISCO"

IL CANNONE: "Mettete dei fiori nei vostri cannoni"

S.LEONARDO: "Il miracolo fatelo voi: fermate la guerra"

I PUTTI DELLA FONTANA:"Boicottate la Esso"

 

Oggi 25 marzo 2003, nel secondo anno di Guerra Globale Permanente, a Imperia anche le statue hanno preso posizione contro la guerra.
Anche le statue di Imperia esprimono il proprio NO alla guerra in Iraq, ennesimo atto della guerra globale permanente dichiarata dall‚Impero, che miete vittime per difendere e rafforzare il proprio potere ed i propri interessi economici.
Una guerra che vuole entrare nella normalità delle nostre case, delle nostre vite, che ci vorrebbe ridurre a statue indifferenti e passive, sopraffatti ed incantati dalla propaganda.
Ebbene oggi anche le statue si ribellano a questa guerra!

 



Info: talpaeorologio@tiscalinet.it

Articoli correlati

  • "War is Over!", il corto di animazione ispirato alla celebre canzone
    Cultura
    Sean Ono Lennon sul palco degli Oscar 2024

    "War is Over!", il corto di animazione ispirato alla celebre canzone

    La guerra, gli scacchi, due sconosciuti che si affrontano in una partita a distanza
    La storia si preannuncia toccante e potrà servire a stimolare dibattiti e passi in avanti nella risoluzione dei vari conflitti, piccoli e grandi, "if you want it"
    18 marzo 2024 - Maria Pastore
  • Il MIR Italia critica la manifestazione su "Pace, Sicurezza e Prosperità"
    Pace
    Polemiche a Palermo per l'evento in programma dal 17 al 20 marzo

    Il MIR Italia critica la manifestazione su "Pace, Sicurezza e Prosperità"

    L'iniziativa si apre con la fanfara del 6º Reggimento Bersaglieri e prevede interventi di istituzioni militari come il Royal Military College e la United States Military Academy. "Così si formano gli studenti alla cultura militarista", protesta il Movimento Internazionale della Riconciliazione
    16 marzo 2024 - Redazione PeaceLink
  • Appello per l'annullamento del Forum per la pace gestito dai militari
    Pace
    L'iniziativa a Palermo si intitola “Peace Security & Prosperity”

    Appello per l'annullamento del Forum per la pace gestito dai militari

    Si punta ad arruolare culturalmente e professionalmente i giovani delle scuole. Quantomeno ambiguo sembra essere stato il ‘reclutamento’ del vescovo di Palermo, mons. Corrado Lorefice che non aveva mai acconsentito ad essere inserito all’interno del programma del Forum.
    16 marzo 2024 - Andrea Cozzo
  • Per l’educazione e la promozione per la Pace piantiamo un ulivo
    Pace
    Possiamo diventare semi di pace

    Per l’educazione e la promozione per la Pace piantiamo un ulivo

    Ho deciso di inviare una richiesta a più di 300 sindaci italiani chiedendo a loro che venga piantato l’ulivo della pace. “Restiamo umani”, sensibilizziamo, educhiamo, promuoviamo la pace nelle scuole e tramite le nostre azioni politiche per il governo delle nostre Città.
    9 marzo 2024 - Cheikh Tidiane Gaye
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)