Ad Imperia statue parlanti contro la guerra

Anche una città può trasformarsi in un mezzo comunicazione indipendente contro la guerra
26 marzo 2003
Marco Trotta

C'è un altro modo per fare comunicazione indipendente. Far parlare le città attraverso le proprie statue. Un'idea che ha avuto successo anche altrove. A Bologna, ad esempio, prima del G8 e durante le manifestazioni pacifiste contro questa nuova guerra.
Il sito italiano per boicottare la ESSO è questo: www.greenpeace.it/stopesso

Marco Trotta

 

comunicato stampa 25/03/2003

 

ANCHE LE STATUE
CONTRO LA GUERRA GLOBALE PERMANENTE

 

 

DE AMICIS: "Chi fa la guerra non ha CUORE"

I CADUTI: "Mai più guerre"

IL PARTIGIANO CASCIONE: "Ho combattuto per non vedere più guerre"

IL FILANTROPO RAINERI: "Non vedo l'ora che finisca la guerra"

GARIBALDI: "DISOBBEDISCO"

IL CANNONE: "Mettete dei fiori nei vostri cannoni"

S.LEONARDO: "Il miracolo fatelo voi: fermate la guerra"

I PUTTI DELLA FONTANA:"Boicottate la Esso"

 

Oggi 25 marzo 2003, nel secondo anno di Guerra Globale Permanente, a Imperia anche le statue hanno preso posizione contro la guerra.
Anche le statue di Imperia esprimono il proprio NO alla guerra in Iraq, ennesimo atto della guerra globale permanente dichiarata dall‚Impero, che miete vittime per difendere e rafforzare il proprio potere ed i propri interessi economici.
Una guerra che vuole entrare nella normalità delle nostre case, delle nostre vite, che ci vorrebbe ridurre a statue indifferenti e passive, sopraffatti ed incantati dalla propaganda.
Ebbene oggi anche le statue si ribellano a questa guerra!

 



Info: talpaeorologio@tiscalinet.it

Articoli correlati

  • Se il mondo va in guerra
    Cultura
    Poesia

    Se il mondo va in guerra

    Se il mondo va in guerra / voglio solo dirti che ti amo, / che l'amore non basta / in questa terra di fiori e di roghi,/ che dovrebbe esserci / la tua bellezza in ogni angolo
    26 febbraio 2022 - Dale Zaccaria
  • Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari
    Laboratorio di scrittura
    Attenzione a non diffondere notizie "tendenziose" che possano "deprimere lo spirito pubblico"

    Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari

    Se un pacifista distribuisce ai militari dei volantini che "recano nocumento agli interessi nazionali" viene condannato a una pena non inferiore a quindici anni. Non è una legge della Russia di Putin ma l'articolo 265 del codice penale, ancora in vigore in Italia, sul "disfattismo"
    8 giugno 2022 - Alessandro Marescotti
  • Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile
    Pace
    Eirenefest: non solo una fiera di libri, ma soprattutto un ambito di convergenza

    Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile

    Mancano pochi giorni al via del primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza, un mega evento che si terrà a Roma dal 2 al 5 giugno prossimi: un tentativo di sfidare le radici della guerra - egoismo, violenza, sopraffazione - coltivando, tutti insieme, una convergenza di valori opposti.
    22 maggio 2022 - Olivier Turquet
  • Lo sfondone di George W. Bush smaschera la guerra in Iraq e dà ragione a Assange
    Conflitti
    Putin: il nuovo Bush?

    Lo sfondone di George W. Bush smaschera la guerra in Iraq e dà ragione a Assange

    Commettendo ciò che molti giornali chiamano “il lapsus freudiano del secolo”, l’ex presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, ha inavvertitamente definito la propria invasione dell’Iraq nel 2003 come “ingiustificata e brutale.” Proprio ciò che Julian Assange aveva rivelato 12 anni fa.
    23 maggio 2022 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)