Blogger egiziano sotto processo

Prosegue la campagna di Amnesty International contro la repressione su Internet
7 febbraio 2007
Fonte: Amnesty International

Amnesty International ha chiesto oggi l'immediato e incondizionato
rilascio di Karim Amer, il primo blogger egiziano rinviato a processo
per
aver scritto testi critici nei confronti delle autorita' religiose
dell'universita' al-Azhar, del presidente Mubarak e dell'Islam.

Amer, ex studente di al-Azhar, rischia fino a 10 anni di carcere per
'diffusione di informazioni lesive dell'ordine pubblico e dannose nei
confronti della reputazione del paese', 'incitamento all'odio verso
l'Islam' e 'diffamazione del presidente della Repubblica'.

'Il processo di Amer sembra avere lo scopo di mettere in guardia altri
blogger che osano criticare il governo o usano i loro blog per
diffondere
informazioni che le autorita' considerano una minaccia alla reputazione
del paese' - ha dichiarato Malcolm Smart, direttore del programma
Africa
del Nord e Medio Oriente di Amnesty International. 'Siamo in una fase
molto pericolosa, poiche' sempre piu' spesso i blogger egiziani postano
informazioni sulle violazioni dei diritti umani nel paese, come la
tortura
e la violenza della polizia durante le manifestazioni pacifiche'.

Il processo, che riprende oggi, e' iniziato il 18 gennaio di fronte al
tribunale di Maharram Bek, ad Alessandria. Amer e' stato incriminato
per
violazione degli articoli 102, 176 e 179 del codice penale. Amnesty
International chiede da tempo al governo del Cairo di abolire queste e
altre norme che, in violazione degli standard internazionali, prevedono
pene detentive per il mero esercizio dei diritti alla liberta'
d'espressione, pensiero, coscienza e religione.

'Consideriamo Karim Amer un prigioniero di coscienza, processato solo
per
l'espressione pacifica delle sue opinioni sull'Islam e sulle autorita'
religiose di al-Azhar. Per questo, chiediamo il suo immediato e
incondizionato rilascio' - ha precisato Smart.

Amer era gia' stato in carcere nell'ottobre 2005, per 12 giorni, sempre
a
causa dei contenuti del suo blog, karam903.blogpot.com. In
quell'occasione, aveva postato commenti sull'Islam e sulla violenza
religiosa esplosa nel quartiere di Maharram Bek, ad Alessandria, dopo
che
in una chiesa copta era stato proiettato un video ritenuto
anti-islamico.

Alcuni mesi dopo il rilascio, nel marzo 2006, Amer era stato espulso
dall'universita' di al-Azhar per aver usato 'espressioni blasfeme' nei
confronti dell'Islam. In seguito, il 7 novembre, sempre su iniziativa
delle autorita' religiose dell'universita', il pubblico ministero di
Maharram Bek aveva ordinato il suo arresto, fino all'apertura del
processo. Durante il periodo di detenzione, Amer e' rimasto in
isolamento
e ha potuto vedere i suoi familiari solo la settimana scorsa.

Quello di Karim Amer e' uno dei tanti casi di prigionieri di coscienza
incarcerati solo per aver esercitato, attraverso Internet, il diritto
alla
liberta' d'espressione. In loro favore, Amnesty International ha
lanciato
la campagna mondiale irrepressible.info. Nell'ambito di questa
campagna,
la Sezione Italiana ha diffuso in questi giorni un nuovo rapporto,
intitolato 'La rete che cattura', nel quale denuncia tra l'altro la
collaborazione di Yahoo!, Microsoft e Google nella repressione del
dissenso in Cina.

Articoli correlati

  • Cile: la battaglia di Santiago
    Latina
    Un intero paese in piazza contro il caro trasporti

    Cile: la battaglia di Santiago

    La polizia del presidente Piñera reprime senza pietà, ma la rivolta ha come obiettivo il modello economico neoliberista e non si placa
    21 ottobre 2019 - David Lifodi
  • Ecuador: Abrogato il "paquetazo" (+ audio intervista)
    Latina

    Ecuador: Abrogato il "paquetazo" (+ audio intervista)

    È solo l'inizio e la repressione deve terminare
    15 ottobre 2019 - Giorgio Trucchi
  • Francesca Borri fermata all'areoporto del Cairo
    MediaWatch
    Ha collaborato con PeaceLink, seguendo le vicende di Taranto e dell'ILVA

    Francesca Borri fermata all'areoporto del Cairo

    Il fermo non ha alcuna motivazione. Le è stato tolto il cellulare rendendo impossibile contattarla. PeaceLink ritiene quest'azione un evidente abuso di potere e auspica che al più presto la situazione venga risolta consentendole di svolgere liberamente la sua attività di giornalista.
    11 ottobre 2019 - Redazione PeaceLink
  • Epidemia mortale
    Latina

    Epidemia mortale

    Tre attiviste per la difesa della terra e i beni comuni assassinate negli ultimi giorni
    23 settembre 2019 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)