La paradossale condanna di Carlo Ruta

1 settembre 2008
Gianni Monaco

La paradossale condanna di Carlo Ruta
In un paese, l’Italia, dove l’articolo 21 sembra sempre più svuotarsi di significato per divenire, nella realtà, vuota retorica, speriamo ci siano ancora i margini per commentare una sentenza giudiziaria e, possibilmente, dissentire. Quella del Tribunale di Modica, appena depositata (e datata 8 maggio 2008), che condanna lo storico pozzallese Carlo Ruta per “stampa clandestina” contiene tre evidenti paradossi.
Il primo. Il sito www.accadeinsicilia.net viene definito, dalla sentenza, “quotidiano” d’informazione perché, come ha riscontrato la polizia postale, alcuni degli articoli pubblicati riportano le seguenti date: 27.11.2004, 25.11.2004, 15.11.2004, 17.11.2004, 10.11.2004, 6.11.2004, 3.11.2004, 1.11.2004, 30.10.2004, 28.10.2004, 14.10.2004, 13.10.2004. In pratica tra il 13 ottobre e il 27 novembre - è stato dimostrato - 12 articoli sono apparsi sul sito. 12 articoli in un mese e mezzo. Un po’ pochi per trattarsi di un quotidiano! Un po’ troppi per parlare di aggiornamento periodico settimanale! Dove sarebbe, dunque, la famosa periodicità fissa e, dunque, la necessità della registrazione al tribunale?
Secondo paradosso. Nella sentenza è scritto che, siccome il sito accadeinsicilia.net aveva veniva definito dallo stesso Ruta “ giornale di informazione civile”, si trattava “letteralmente” di “quotidiano d’informazione”. Non è assolutamente così. Anche un settimanale o mensile vengono definiti “giornale”! Basta leggere qualsiasi vocabolario, anche on line (ad es. http://www.demauroparavia.it/48763), per verificare come “giornale” può volere dire sia “quotidiano” che “rivista”! Ad ogni modo, in assenza di periodicità, il sito di Ruta non poteva essere considerato nessuno dei due, come la legislazione sull’editoria spiega in maniera chiarissima.
Il terzo paradosso di tutta questa vicenda. Probabilmente il principale. E’ mai possibile che in un territorio, quello della Sicilia sud-orientale, dove corruzione, affarismo, clientelismo e lavoro nero dilagano, a essere condannato sia un cittadino onesto che ha fatto della battaglia della legalità una ragione di vita?

Articoli correlati

  • Francesca Borri fermata all'areoporto del Cairo
    MediaWatch
    Ha collaborato con PeaceLink, seguendo le vicende di Taranto e dell'ILVA

    Francesca Borri fermata all'areoporto del Cairo

    Il fermo non ha alcuna motivazione. Le è stato tolto il cellulare rendendo impossibile contattarla. PeaceLink ritiene quest'azione un evidente abuso di potere e auspica che al più presto la situazione venga risolta consentendole di svolgere liberamente la sua attività di giornalista.
    11 ottobre 2019 - Redazione PeaceLink
  • Abruzzo, l'Alexander Dumas del malaffare?
    PeaceLink Abruzzo

    Abruzzo, l'Alexander Dumas del malaffare?

    Nei giorni in cui l'attenzione era rivolta verso la conclusione del processo "Sanitopoli" un nuovo ciclone giudiziario ha investito ACA(l'Azienda che gestisce il servizio idrico pescarese), Ater Chieti e persino un colonello dell'esercito.
    23 luglio 2013 - Alessio Di Florio
  • Imponente manifestazione a Taranto contro il decreto Salva-Ilva
    Ecologia
    Decreto-legge Salva-Ilva o Ammazza-Taranto?

    Imponente manifestazione a Taranto contro il decreto Salva-Ilva

    I media nazionali non parlano della manifestazione del 15 dicembre e l'opinione pubblica è in parte convinta che la popolazione di Taranto gradisca il provvedimento del Governo che interferisce pesantemente con l'attività dei magistrati. Per sgombrare il campo da equivoci, basta sapere che molti nella città lo hanno battezzato decreto "Ammazza-Taranto"; pensano sia possibile puntare invece su salute, ambiente, cultura e reddito.
    18 dicembre 2012 - Lidia Giannotti
  • Le querele possono mettere a rischio le voci scomode
    Sociale

    Le querele possono mettere a rischio le voci scomode

    Antonio Mazzeo, Carlo Ruta, Pino Maniaci, sono solo alcuni dei tantissimi giornalisti liberi che si sono scontrati negli anni con i poteri porti. Tra le armi che questi poteri usano per tentare(senza riuscirci!!) di "metterli a tacere" la querela è tra le privilegiate
    13 ottobre 2012 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)