La pace in Iraq, una menzogna mediatica

18 aprile 2004 - Loris Mazzetti
Fonte: Articolo 21 - 17 aprile 2004

Ci sono frasi che rimarranno per sempre come quella della mamma di Fabrizio Quattrocchi: “Prima di ribadire dichiarazioni di forza, il Governo avrebbe dovuto trattare con i rapitori. Invece ha giocato con la pelle di chi si trova in Iraq”.
Sono domande che non possono avere una risposta ma che incidono lasciando un segno profondo nelle coscienze.
Non so se il Governo ha fatto tutto quello che era in suo potere per salvare Fabrizio, mi auguro che lo stia facendo, almeno, per gli altri tre italiani vivi. Alcune cose sono certe: il consigliere diplomatico di Palazzo Ghigi, l’ambasciatore Castellaneta, e’ partito in ritardo e soprattutto solo dopo la prima esecuzione, il ministro degli Esteri, Frattini, non doveva rimanere nel salotto di Porta a Porta e Bruno Vespa non doveva strumentalizzare alcuni famigliari, come dichiarato dalla sorella di Maurizio Agliana che la loro presenza era stata richiesta espressamente a difesa dell’immagine dei quattro sequestrati.
In fine, l’imbarazzante dichiarazione del giorno dopo della sorella Graziella: “Che Fabrizio era morto lo abbiamo saputo dalla televisione”, liquidata, anche da un giornalista di una nota trasmissione di Radio Uno nel tentativo di giustificare la Farnesina, come un disguido tecnico che puo’ capitare.
Come possiamo definire quello che abbiamo visto mercoledi’ sera su Rai Uno: reality show dell’angoscia? Il grande fratello della guerra oppure la roulette cinese? Decidete voi.
Una cosa e’ certa abbiamo assistito a una pagina vergognosa che rimarra’ nella storia dei secondi cinquant’ anni della Rai e scrivo questo con tutto l’imbarazzo che il mio ruolo di giornalista, di regista, di dirigente di questa azienda comporta.
Ma con me si devono vergognare quanti, oggi in risposta alle critiche, portano a giustificazione i numeri dell’alto ascolto, e chi sostiene, sempre a giustificazione, che si deve fare la televisione che la gente vuole. Si vergogni chi e’ rimasto seduto in quel salotto e si e’ reso protagonista nel reality show dell’angoscia. Soprattutto deve tacere, chi privo di etica pubblica, ha deciso di strumentalizzare per fini “spettacolari” il dramma di quelle persone.
Stare qui a scrivere di Bruno Vespa, discutere delle sue responsabilita’, oppure fare come alcuni che hanno chiesto di radiarlo dall’albo dei giornalisti, mi sembra veramente inutile, perche’ oggi, ce ne dobbiamo fare una ragione, la televisione e’ determinata dai numeri e non dai contenuti, purtroppo si discute della quantita’ e non della qualita’. Vespa fa Vespa, lo faceva ieri e lo fara’ anche domani. Grazie a tutti quelli che per sedersi sulle sue bianche poltrone scendono a compromessi con la sua trasmissione e la loro coscienza, compresi anche quelli del centro sinistra.
Non dimentichiamo la definizione data da Andreotti di Porta a Porta “Il terzo ramo del Parlamento”.
Con Vespa deve discutere, eventualmente, solo la sua etica professionale, Vespa fa quello che altri gli permettono di fare.
Mi preme porre alla vostra attenzione altro e ben piu’ importante, secondo me, perche’ sottovalutata e anche mal posta dall’informazione: la menzogna mediatica della guerra. Tutto quello che e’ accaduto nel passato e che sta accadendo ha lo scopo di nascondere la verita’.
Questa guerra vive sulla menzogna e noi, i giornalisti, quelli che dovremmo vigilare, che dovrebbero raccontare come stanno veramente le cose siamo diventati i portavoce di una mente distorta che ha inventato la guerra preventiva spacciandola per pace, e noi, genufletti al servizio del potere della politica lo abbiamo reso credibile.
Non e’ un fatto di propaganda, la propaganda e’ sempre esistita, ci siamo dimenticati di un certo Goebbels? Ci siamo dimenticati delle immagini storiche della conquista di Rimini durante la seconda guerra mondiale? I filmati dell’epoca, la citta’ fu abbandonata dai tedeschi e presa dai neozelandesi in un giorno di piaggia, raccontano invece che i primi ad entrare furono i greci in una giornata di sole.
Ci siamo dimenticati dello sbarco americano in Somaglia che fu fatto ripetere per ragioni televisive o piu’ vicino a noi, la caduta della statua di Saddam a Bagdad come simbolo della fine della guerra, raccontata recentemente da un iracheno usato come ‘comparsa” dagli americani che, sempre per ragioni di ripresa televisiva, facevano spostare la folla in funzione dell’inquadratura per far passare alla storia che la piazza era gremita dal popolo iracheno liberato?
Tutto questo puo’ ancora passare ma quello che non e’ accettabile e’ di impedire in televisione l’uso della parola guerra, assistere a ministri che bacchettano in diretta tv giornaliste, che sono sul campo e che dovrebbero essere testimoni di cio’ che sta accadendo, perche’ usano la parola resistenza di un popolo, senza che nessuno dei presenti dica qualcosa in difesa.
Viviamo in un paese che e’ diventato ridicolo agli occhi del mondo, che oggi strumentalizza la morte di un uomo facendolo diventare un eroe: per quale ideale e’ morto?, quali vite ha salvato con la sua morte? Lasciamolo in pace e rispettiamo il dolore della sua famiglia e rispondiamo con fatti concreti a quelle mamme che oggi gridano che sono state lasciate sole.
Uniti per essere ipocriti? Io non mi siedo allo stesso tavolo con chi mi impedisce di conoscere la verita’, non ci sono le premesse, non ci sto con chi di fronte ad un dramma come questo se ne sta seduto in un salotto televisivo oppure con chi rimane o chi parte per la vacanza mentre quatto italiani sono in mano ai sequestratori in Iraq. Ma ancora piu’ gravi sono le prime parole, giunte dalla Sardegna del premier, quando ha saputo dell’esecuzione: “Hanno spezzato una vita, hanno incrinato i nostri valori”. Purtroppo la vita l’hanno spezzata sul serio, ma i valori, i miei valori quelli dati da una famiglia anti fascista, onesta, laboriosa, non sono stati incrinati, sono intatti e me li tengo tutti.
Ma il mostro televisivo che questa politica ha creato continua a triturare tutto, come ha scritto Curzio Maltese: “Fagocita ogni cosa e riduce tutto a un comune pietrisco di banalita’ dove tragedia e pettegolezzo si mescolano”.
Sapeva il ministro Frattini dell’italiano ucciso?
Questa e’ l’unica verita’, tutto il resto, a parte la morte di Fabrizio Quattrocchi e’ pura menzogna mediatica.

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.21 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)