Il coraggio di chi vuole la verità, parla Andrea Purgatori

Ustica, quaranta anni di muro di gomma

La Cassazione ha condannato due ministeri (Difesa e Trasporti) a risarcire le vittime sostenendo pertanto la tesi del missile. A distanza di quaranta anni, vi riproponiamo il film "Il muro di gomma"
27 giugno 2020
Redazione PeaceLink

Ustica, vergogna di Stato

“Quella notte del 27 giugno del 1980 si decise di raccontare una grande menzogna agli italiani e al mondo”.

Sono le parole di Daria Bonfietti, presidente dell’Associazione familiari delle vittime di Ustica, a 40 anni dalla strage che causò la morte delle 81 persone che erano a bordo del Dc9 Itavia.

Bonfietti, in un’intervista al Fatto Quotidiano, ripercorre le tappe che hanno segnato uno dei più grandi misteri della storia della Repubblica italiana, fino al raggiungimento della verità storica.

“È importante raccontare ai giovani la verità sulla strage di Ustica perché capiscano che certe battaglie, per i cittadini, sono fondamentali”, dice Daria Bonfietti.

A quaranta anni dalla strage di Ustica, vi riproponiamo il film "Il muro di gomma" in versione integrale.

E' un tributo alle vittime e a chi ha cercato in tutti questi anni la verità.

Eccolo.

La ricerca della verità non è finita. Il muro di gomma ha tutelato i responsabili della strage ma sempre meno è servito a nascondere la realtà dei fatti. 

Andrea Purgatori ha dichiarato: "Dopo 40 anni abbiamo uno scenario e da quello non si torna indietro: non sappiamo esattamente chi ha colpito il Dc-9 ma sappiamo chi volava quella sera sopra Ustica (americani, francesi e libici) e questo è un dato positivo".

I magistrati italiani, ha chiarito Purgatori, "sono stati bravissimi, hanno ricostruito minuto per minuto il volo del Dc9, si vede distintamente che sotto l'aereo o accanto c'era almeno un altro aereo". 

Andrea Purgatori in un'intervista ha dichiarato: "La Nato indica almeno una quindicina di aerei che erano in volo, al contrario di quanto hanno sempre sostenuto i generali dell’aeronautica italiana".

Dopo quaranta anni siamo a un passo dalla verità.

Il muro di gomma c'è ancora ma la tenacia investigativa di Andrea Purgatori in questi anni è andata avanti. E con lui quella dei parenti delle vittime. E c'è da registrare il lavoro del giornalista Pino Finocchiaro, di Rainews. "La voce strozzata del pilota - si legge su Rainews, che ha costruito gli ultimi momenti del volo del DC-9, pulendo le tracce audio - conferma che in cabina di pilotaggio videro arrivare qualcosa: un missile o un velivolo da guerra così come ipotizzato dal giudice istruttore Rosario Priore e dai magistrati di rito civile in tutti i gradi di giudizio".

Quaranta anni di muro di gomma, dunque.

Una vergogna di Stato.

Eppure qualcuno in questi anni ha parlato. Ad esempio nel 1988 un uomo - che dichiarò di essere un operatore radar in servizio la notte della strage - telefonò a Corrado Augias, durante la trasmissione Telefono Giallo. Disse che il DC-9 era stato abbattuto durante una battaglia aerea e che alti ufficiale dell’aviazione avevano ordinato di insabbiare la storia.

Articoli correlati

  • Museo per la memoria di Ustica
    Schede
    Virtual tour

    Museo per la memoria di Ustica

    Il progetto del Museo per la Memoria di Ustica è stato realizzato grazie alla determinazione dell’Associazione dei Parenti delle Vittime della Strage di Ustica presieduta da Daria Bonfietti.
    27 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
  • Piazza della Loggia, la strage neofascista del 28 maggio 1974
    Schede
    L'attentato provocò la morte di 8 persone e il ferimento di altre 102

    Piazza della Loggia, la strage neofascista del 28 maggio 1974

    Fu fatta esplodere una bomba nascosta in un cestino portarifiuti mentre era in corso una manifestazione antifascista e mentre dal palco si condannava, con parole dure, l'azione del Movimento Sociale Italiano
    28 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Schede
    Il testimone di piazza Fontana, Guido Lorenzon

    "Questa omertà pesa e offende"

    "Sono rimasto in piedi, non sono arretrato, non per il sostegno dello Stato ma per la stima di chi mi ha conosciuto e chi mi conosce. La mia testimonianza sta in piedi per energia propria. Le istituzioni quale cittadini preferiscono?"
    Redazione PeaceLink
  • «Patto di omertà tra i vertici Br e i servizi deviati»
    Schede
    La tesi del senatore Sergio Flamigni è che le Brigate Rosse erano funzionali alla loggia P2

    «Patto di omertà tra i vertici Br e i servizi deviati»

    Moro aveva rivelato alle BR l’esistenza di Gladio. Ma, tra gli enigmi, vi è la scomparsa delle registrazioni audio e degli scritti originali di Moro. Nella scoperta del covo BR di via Montenevoso (1990) sono sparite le carte in cui Moro parla della strategia antiguerriglia della Nato
    Vindice Lecis
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)