Reporter inglese arrestato a Gerusalemme: svelo' con Vanunu il riarmo atomico

Non ha ucciso nessuno, non e' un terrorista e la sua colpa e' stata soltanto quella di fare il suo mestiere: il giornalista.
27 maggio 2004
Fonte: L'Unita'

Dopo poco piu' di un mese dall'uscita di prigione di Mordecha Vanunu, Israele ha arrestato mercoledi' scorso Peter Hounam, il giornalista britannico che pubblico' le sue rivelazioni ventun'anni fa sulla fabbricazione segreta di un' arma nucleare in Israele.

L’arresto del reporter autore dello “scoop??stato riportato con molte perplessit?dalla stampa israeliana. L’anziano giornalista del Sunday Times che oggi lavora come freelance ?stato prelevato mercoled?sera da agenti dei servizi di sicurezza dello Shin Bet. La sua camera d’hotel a Gerusalemme ?stata quindi perquisita e lui ?stato portato in un luogo di detenzione segreto. «Quest’arresto ?assolutamente inammissibile e tradisce l’ossessione dei Servizi di sicurezza? ha protestato alla radio di Stato l’avvocato di Hounam, Avigdor Feldmann, che ha presentato un ricorso al Tribunale almeno per sapere dove si trova il suo cliente.

L’ambasciata della Gran Bretagna a Tel Aviv ha espresso la sua preoccupazione e anche l’ambasciatore ha chiesto sia alla polizia che al ministero degli Affari esteri di Tel Aviv di poter incontrare al pi?presto il gionalista detenuto.

Secondo i giornali israeliani ci?che ha fatto scattare le manette per Peter Hounam ?stato il suo progetto di collaborare alla realizzazione di un film sulla vicenda di Vanunu per conto della Bbc, nel quale si veniva ricostruita la vicenda dell’aresenale nucleare e dei contatti di Vanunu dopo la sua liberazione.Lo Shin Bet avrebbe infatti sequestrato la cassetta video di Vanunu con una intervista rilasciata da un cittadino israelinano sottoposto a divieto di parola con gli stranieri.

«Vanunu ha sempre delle informazioni potenzialmente pregiudizievoli e che non devono trapelare?ha detto il presidente della commissione esteri e Difesa del Parlamento israeliano, la Knesset,
Youval Steinitz.

Vanunu era stato condannato nel 1986 a diciotto anni di reclusione per tradimento per aver fornito le informazioni al Sunday Times sulla centrale nucleare di Dimona dove lavorava come ingegnere atomico. E anche dopo la sua liberazione, a Vanunu ?stato proibito di parlare del suo lavoro l?con stranieri senza prima avere una speciale autorizzazione. Israele a tutt’oggi continua a negare di avere armi nucleari mentre secondo gli esperti, dopo le rivelazioni di Vanunu, Tel Aviv avrebbe da 100 a 200 bombe nucleari.

Note: http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=HP&TOPIC_TIPO=&TOPIC_ID=34878

Articoli correlati

  • Dialoghi con Moni Ovadia
    Pace
    Riflessioni sulle minacce alla pace

    Dialoghi con Moni Ovadia

    Su Israele parla di "politica del totale dispregio per le risoluzioni internazionali e, conseguentemente, per le istituzioni internazionali preposte alla pace". E sulla situazione internazionale dice: "Bisogna che la smettiamo per prima cosa di concedere cittadinanza ai linguaggi dell’odio".
    15 aprile 2020 - Laura Tussi
  • Militarismo e cambiamenti climatici - The Elephant in the Living Room
    Disarmo
    il settore militare non solo inquina, ma contamina, trasfigura e rade al suolo

    Militarismo e cambiamenti climatici - The Elephant in the Living Room

    “E’ stato stimato che Il 20% di tutto il degrado ambientale nel mondo è dovuto agli eserciti e alle relative attività militari”
    31 ottobre 2019 - Rossana De Simone
  • L’importante ruolo di Israele nell’escalation del conflitto tra India e Pakistan
    Conflitti
    Le “bombe intelligenti” di fabbricazione israeliana sono state impiegate dall’aviazione indiana

    L’importante ruolo di Israele nell’escalation del conflitto tra India e Pakistan

    Da mesi Israele è assiduamente impegnata in un allineamento con il governo nazionalista indiano
    18 marzo 2019 - Robert Fisk
  • Con i miei occhi
    Pace
    Recensione al libro di Felicia Langer (Zambon editore 2018)

    Con i miei occhi

    Una testimonianza della repressione di Israele contro i palestinesi (1967-1973)
    9 gennaio 2019 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)