MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • F-35

    F-35

    La cinica conclusione nella Relazione speciale sulla partecipazione italiana al Programma F-35 Lightning II della Corte dei conti e la cupa posizione dei sindacati confederali. Di fatto le forze aeree straniere che utilizzano l’F-35 saranno costrette a finanziare con 150 milioni di dollari i laboratori software degli Stati Uniti occupati quasi per il 50% da personale statunitense
    1 settembre 2017 - Rossana De Simone
  • Le bugie sull’Afghanistan
    Nessuna ricostruzione nonostante i 100 miliardi di dollari spesi dagli USA

    Le bugie sull’Afghanistan

    Un triste bilancio sulla missione USA in Afghanistan mentre Trump rilancia e promette "più uomini fino alla vittoria finale"
    24 agosto 2017 - Matthew Hoh
  • New York

    L'era atomica sta per finire - di Alfonso Navarra

    Oggi all'ONU si è varato un Trattato per proibire gli ordigni nucleari.
    7 luglio 2017 - Laura Tussi
Dov’è la tua confessione post elettorale?

Sarà mai più capace di riemergere il vero Michael Moore?

8 dicembre 2004 - Ralph Nader

Caro Michael,

Riemergerà mai più il vero Michael Moore, quello che sbatterebbe la porta in faccia al proprio teatro dell'assurdo? E’ stata una corsa alla presidenza selvaggia e pazzesca, non è vero, Michael? Settimane di discorsi di fronte a grandi audience universitarie a mescolare una pozione fatta di promozione per i propri libri e i propri film con un messaggio che più che farci ridere pareva alquanto ridicolo. Tu hai detto a giovani uomini e donne che "Sia George W. Bush che Kerry fanno schifo. Votate per Kerry." Questo secondo te doveva essere qualcosa di "ganzo"? Ricordati che qui tu stavi -- contro l'occupazione della guerra in Iraq, a favore della giustizia sociale per la gente Palestinese, contro il Patriot Act, contro il rigonfio budget militare - e tu invece hai detto agli studenti universitari di votare per Kerry, che su tutte queste questioni se ne sta completamente dalla parte opposta.

Ora che non devi più atteggiarti come un fan del "meno peggio", adesso che non ci sono più giustificazioni tattiche da dare, quale sarebbe la tua confessione post-elettorale? Finora il tuo web site ha scansato questa questione, a meno che tu di riflessioni non ne abbia da offrire, in merito all’abbandono sia dei tuoi principi che dei tuoi amici autenticamente progressisti a favore di candidati -- Kerry e Edwards - che hanno così spesso agito come cripto – Repubblicani durante la campagna elettorale.

Non sono stati capaci di schierarsi praticamente a favore di niente - non si sono levati contro la guerra o per una agenda contro la povertà, per la riforma riguardante le multinazionali, non hanno espresso favore nei confronti della giustizia per il consumatore, o per spezzare l’epidemia fatta di crimine, frode e abuso da parte delle multinazionali. Non sono stati neppure capaci di sostenere il semplice diritto degli Americani feriti e defraudati ingiustamente – sul lavoro (agg. del traduttore) - ad avere il loro momento in tribunale senza dover fare i conti con le dannose riforme dei Bushisti che legano mani e piedi a giudici e giurie. Ah, ti ricordi delle tue forti posizioni nel 2000 su queste e su altre simili questioni? Alcuni estratti sono consultabili sul nostro web site – http://www.votenader.org - affinché tu te ne possa ricordare. Hai mostrato più coraggio alla Cerimonia degli Oscar nel 2003 di quello che hai impresso sulla traccia della tua campagna di quest’anno.

Michael, tu ti devi riabilitare e devi rimuovere le macchie della tua apostasia politica. Levati di dosso degradanti pratiche come quella di inginocchiarti al Bill Maher Show e ancora una volta confronta le forze del potere e della dominazione delle multinazionali. Getta fuori bordo la tua immagine del giullare di corte del Partito Democratico e delle sue grezze e ripetute violazioni delle libertà civili di altri candidati a prendere parte alle elezioni, nonché del loro diritto ad esercitare la libertà di espressione e a portare dentro l’arena elettorale istanze per una società e un mondo più giusti. E questo senza dover essere sottoposti a sporchi trucchetti, alla intimidazione di studi legali assunti regolarmente che lavorano per le multinazionali, a false cause, alle molestie e all’intimidazione dei raccoglitori di firme.

Redimi te stesso o che tu sia consegnato per sempre al giudizio della storia dei voltagabbana politici, dei rinnegati e dei sabotatori.

Puoi cominciare il tuo riscatto contribuendo verso le spese di quei giovani disillusi della nostra campagna elettorale, che si sono domandati per tutto quest’anno che cosa stava succedendo al loro cinematico Capitan Coraggio, e invitando la tua dubbiosa e-mail list a visitare il nostro web site e a fare similmente.

Buon Natale e un felice Anno Nuovo!

Sinceramente,
Ralph Nader

Note:

Tradotto da Melektro per ww.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando le fonti, l'autore e il traduttore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)