MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Anche PeaceLink rischia di essere imbavagliata?
    Il ddl sulle intercettazioni confonde le competenze di giudici e giornalisti

    Anche PeaceLink rischia di essere imbavagliata?

    I nuovi provvedimenti approvati in commissione Giustizia destano non poche perplessità. Cosa comportano l'approvazione dell'udienza ”filtro”, il “comma D'Addario”, l'obbligo di rettifica per le piattaforme telematiche e il rifiuto della “norma Falcone?”
    26 luglio 2010 - Giancarlo Briguglia
  • Honduras: Scoprire come si manipola la democrazia violando i diritti

    Honduras: Scoprire come si manipola la democrazia violando i diritti

    La Commissione Vera muove i primi passi
    12 luglio 2010 - Giorgio Trucchi
  • Perché la democrazia sta incutendo timori?

    Perché la democrazia sta incutendo timori?

    Il disegno sulle intercettazioni non può avere intelligenza e ragionevolezza di Legge. In nome della democrazia è perciò inaccettabile.
    30 maggio 2010 - Nadia Redoglia
  • Ed a reti unificate va in onda la propaganda di guerra
    La libertà di stampa può attendere

    Ed a reti unificate va in onda la propaganda di guerra

    Dopo aver convocato una controversa manifestazione (per Travaglio e Floris) la FNSI rinvia tutto in nome dell'unità e del lutto nazionali dopo la morte dei 6 soldati in Afghanistan. Rinvia tutto di una settimana. Quando, a Roma e nelle stesse ore, è convocata una manifestazione dei precari della scuola. Per la propaganda di guerra si rinvia, per le vittime del più grande licenziamento di massa in Italia no...
    19 settembre 2009 - Alessio Di Florio
Ennio Remondino

«Addio libertà di stampa»

«Con questa legge, chi racconterà gli effetti collaterali?»
16 dicembre 2004 - Tommaso Di Francesco
Fonte: Il Manifesto

Ora la cosiddetta «riforma» che di fatto mette a rischio carcere ogni «rivelazione» sulle cosiddette missioni di pace, dopo essere stata approvata al Senato, arriva alla Camera. Abbiamo rivolto su questo alcune domande a Ennio Remondino, tra i più noti giornalisti televisivi, inviato di guerra e commentatore di politica internazionale, autore fra l'altro di «La televisione va alla guera» (Sperling&Kupfer); in questi giorni un suo lungo intervento sul lavoro giornalistico dentro i conflitti armati appare nel libro «Il braccio legato dietro la schiena», a cura di Mimmo Càndito (Baldini e Castoldi).

Come giudichi questa «riforma» che estende il codice militare di guerra alle missioni di pace?

Più che una riforma è una controriforma. E' l'espressione di una classe politica che non ha mai accettato per l'informazione un ruolo terzo e di garanzia per i cittadini. Siamo alla totale assenza di cultura democratica. C'è un potere terzo,quello della magistratura, che è posto in discussione, c'è un potere quarto che è la libera informazione e che ora l'autorità politica, male intesa - che fine fa la dialettica democratica? - cerca di sottoporre al suo controllo, possedendo televisioni e giornali. A questo punto possedendo leggi tout-court. E' molto grave, è un pessimo episodio per la democrazia in Italia.

Secondo queste decisioni, arrivate ormai in Parlamento - diventano operativi gli articoli 72 e 73 del codice penale militare, quelli sulla «illecita raccolta, pubblicazione e diffusione di notizie militari»; praticamente è punito con la reclusione militare da due a dieci anni «chiunque si procura notizie concernenti la forza, la preparazione o la difesa militare, la dislocazione e i movimenti delle forze armate, il loro stato sanitario, la disciplina e le operazioni militari e ogni altra notizia che non essendo segreta ha tuttavia carattere riservato»; ma se poi le notizie raccolte vengono diffuse, gli anni di carcere arrivano ad un massimo di 20...

Ma sei sicuro che non sia parte del corpo legislativo della Repubblica di Salò? Immagino l'applicazione di questa nuova legge, magari alla prossima guerra laddove siano coinvolte forze armate italiane sia in missione di «pace» sia in missione armata ufficialmente riconosciuta. Saremo impediti dallo spiegare ai telespettatori o ai lettori la realtà, a tradurre per esempio il concetto di effetto collaterale. Perché il lessico militare, così estroso, così mimetico come le tute, non definisce gli effetti di una bomba cretina (che sono la maggioranza, perché le bombe e i missili partono tutte «intelligenti» poi, sul bersaglio, son mortalmente cretine) che distrugge bersagli civili e che uccide. Ecco che nel momento in cui io svelo ciò, svelo un segreto militare di fatto. Nel momento in cui mi occupo della morte dei nostri poveri cristi di soldati mandati sui campi di battaglia inquinati dall'uranio impoverito cosa faccio?Violo il segreto militare ovviamente. Quindi loro son destinati a continuare a morire e io, se provo a raccontare cosa sta accadendo, finisco in galera: è questo che vuole il legislatore italiano?

Tu hai raccontato gli effetti di tanti bombardamenti «umanitari». Che fine fa quel lavoro?

Fa la fine che sta facendo tutto il giornalismo non irregimentato, temo. Soltanto che questa volta mi sembra un po' troppo esplicito, persino per l'attuale situazione di libertà condizionata della stampa italiana: parlare di libertà di stampa in Italia credo che sia veramente una presa in giro, diciamo che siamo in libertà vigilata, condizionata. Se passa questa legge credo che per quanto riguarda il giornalismo che abbiamo fatto tu ed io, e tanti altri colleghi sui fronti di guerra, la partita è davvero chiusa. Neppure l'embedded potremo fare, soltanto i trombettieri. Tanto vale che diano direttamente la velina dell'alto comando, modello veline parlamentari di altri tempi.

Come giudichi il fatto che finora solo pochi giornali abbiano avuto un moto di rivolta nei confronti di questa «riforma»?

Sulla questione della minaccia alla libertà di stampa di questi tempi ho visto tante, troppe distrazioni. Quindi mi stupisco molto poco. Sono distrazioni ad uso e consumo di chi tutto sommato non ha mai creduto al giornalismo militante, inteso non come schieramento politico-ideale ma come non affiancamento del potere. E' un pessimo segnale da parte della categoria, speriamo che sia soltanto un aspetto di distrazione non vorrei che fosse di collusione. Fra l'altro, una legge di questo genere farebbe un pessimo servizio alle stesse forze armate che, con il confronto con la società civile e con l'informazione negli ultimi quindici anni, hanno imparato a crescere e a rappresentarsi in maniera più dignitosa rispetto alla loro funzione reale, come un pezzo di società e non come un corpo separato dello Stato. E' avvenuto anche grazie a un giornalismo libero, critico ma libero. Il giornalismo delle veline invece rappresenterà solo una struttura gerarchica e basta.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)