Una voce di verità

6 febbraio 2005
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Noi giornalisti arabi e musulmani che conosciamo da anni Giuliana Sgrena, e apprezziamo il suo lavoro coraggioso e impegnato per la difesa della libertà nel mondo, condanniamo con fermezza il suo rapimento e chiediamo ai sequestratori di liberarla immediatamente, senza condizioni. Ricordando che la nostra collega e amica Giuliana Sgrena ha sfidato ogni rischio per recarsi in Iraq e riportare - col rigore e il coraggio che le sono abituali - la sofferenza e la speranza degli iracheni, mettiamo in guardia i suoi rapitori contro qualsiasi tentativo di convolgerla in un ricatto assurdo, che non fa altro che danneggiare l'immagine dell'Islam in Europa. Giuliana Sgrena è un'amica della cultura araba, che ha difeso in molte occasioni rifiutando i luoghi comuni diffusi nella stampa occidentale. E' un'amica dei musulmani che condivide i loro valori e ha difeso con tenacia la lotta dei popoli musulmani per la democrazia: in Somalia, Afghanistan, Algeria, Iraq.

Sgrena, da gran conoscitrice del mondo musulmano, ha riportato sulla stampa italiana la sofferenza dei deboli e degli oppressi, senza cercare mai né gloria né riconoscimento. Con una volontà sincera di far conoscere questa parte del mondo all'Occidente, é stata per quasi vent'anni una testimone attenta e fedele della lotta degli arabi desiderosi di portare i loro paesi verso la libertà e la prosperità. Durante tutti questi anni, Giuliana ha viaggiato da Kabul ad Algeri, a Baghdad, seguendo il suo intuito di giornalista professionista che denuncia l'ingiustizia delle guerre e l'arroganza di un Occidente sordo alle aspirazioni dei popoli musulmani.

Noi, firmatari del presente comunicato, chiediamo con fermezza ai rapitori di Giuliana Sgrena di rilasciarla immediatamente, affinché torni a documentare - con l'onestà intellettuale e il coraggio indefettibile che le conosciamo - la realtà dei paesi arabi e musulmani, portando le voce dei popoli di quest'area del mondo in Occidente. Nessun musulmano che abbia a cuore il rispetto dello spirito autentico dell'Islam misericordioso e riconoscente, può fare del male a una donna che ha portato, con rispetto e convinzione, un vero «Jihad» (lotta) contro la disinformazione e la propaganda anti-musulmana. Abbiamo bisogno di Giuliana Sgrena per vincere la nostra battaglia contro le diffidenze e l'ignoranza che mirano a isolare i musulmani e a farne il nuovo nemico da combattere.

Nacéra Benali (Giornalista algerina) El Watan - Radio Algerina

Mahmud Aldulaimi (Giornalista iracheno) Ansa

MedJijan Zarmandili (Giornalista e scrittore iraniano)

Mahdi En-nemr (Giornalista egiziano) Kuwait News Agency

Samir Al Qariuti (Giornalista palestinese) Radio televisione Palestina

Mustafa Abdallah (Giornalista egiziano) Al Ahram

Mohamed Al Ibrahim (Giornalista siriano) Agenzia Siriana d'informazione

Talal Khrais (Giornalista libanese) Essafir

Hamid Masoumi Nejad (Giornalistà iraniano) Radio Televisione Iran

Farhad Pezeshki Misna(Giornalistà iraniano) Isna Agency

Souad Sbai (Giornalista marocchina) Al Maghribiya

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)