MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • Una Perugia-Assisi straordinaria per fermare i Signori della guerra. Appello di Padre Zanotelli
    Il missionario richiama i pacifisti all'unità e all'azione

    Una Perugia-Assisi straordinaria per fermare i Signori della guerra. Appello di Padre Zanotelli

    L'Italia ripudia la guerra (art. 11 Cost.), non può puntare sulle armi come pilastro del Sistema paese e armare paesi in guerra o che violano i diritti umani
    16 aprile 2017 - Alex Zanotelli
  • Che cosa era la guerra?
    A ogni incontro, Gulala riporta una frase esplicativa nella sua semplicità, della poetessa americana Eve Merriam: “Io sogno di dare alla luce un bambino che chieda: Mamma, che cosa era la guerra?”

    Che cosa era la guerra?

    Brevi note dopo la cena-incontro solidale che da Campi Bisenzio ha dato voce a chi dall'Italia lavora per Kurdistan Save the Children. Un progetto che prosegue, un ponte reciproco con la regione tormentata del Nord Iraq.
    6 marzo 2017 - Andrea Misuri

Una voce di verità

6 febbraio 2005
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Noi giornalisti arabi e musulmani che conosciamo da anni Giuliana Sgrena, e apprezziamo il suo lavoro coraggioso e impegnato per la difesa della libertà nel mondo, condanniamo con fermezza il suo rapimento e chiediamo ai sequestratori di liberarla immediatamente, senza condizioni. Ricordando che la nostra collega e amica Giuliana Sgrena ha sfidato ogni rischio per recarsi in Iraq e riportare - col rigore e il coraggio che le sono abituali - la sofferenza e la speranza degli iracheni, mettiamo in guardia i suoi rapitori contro qualsiasi tentativo di convolgerla in un ricatto assurdo, che non fa altro che danneggiare l'immagine dell'Islam in Europa. Giuliana Sgrena è un'amica della cultura araba, che ha difeso in molte occasioni rifiutando i luoghi comuni diffusi nella stampa occidentale. E' un'amica dei musulmani che condivide i loro valori e ha difeso con tenacia la lotta dei popoli musulmani per la democrazia: in Somalia, Afghanistan, Algeria, Iraq.

Sgrena, da gran conoscitrice del mondo musulmano, ha riportato sulla stampa italiana la sofferenza dei deboli e degli oppressi, senza cercare mai né gloria né riconoscimento. Con una volontà sincera di far conoscere questa parte del mondo all'Occidente, é stata per quasi vent'anni una testimone attenta e fedele della lotta degli arabi desiderosi di portare i loro paesi verso la libertà e la prosperità. Durante tutti questi anni, Giuliana ha viaggiato da Kabul ad Algeri, a Baghdad, seguendo il suo intuito di giornalista professionista che denuncia l'ingiustizia delle guerre e l'arroganza di un Occidente sordo alle aspirazioni dei popoli musulmani.

Noi, firmatari del presente comunicato, chiediamo con fermezza ai rapitori di Giuliana Sgrena di rilasciarla immediatamente, affinché torni a documentare - con l'onestà intellettuale e il coraggio indefettibile che le conosciamo - la realtà dei paesi arabi e musulmani, portando le voce dei popoli di quest'area del mondo in Occidente. Nessun musulmano che abbia a cuore il rispetto dello spirito autentico dell'Islam misericordioso e riconoscente, può fare del male a una donna che ha portato, con rispetto e convinzione, un vero «Jihad» (lotta) contro la disinformazione e la propaganda anti-musulmana. Abbiamo bisogno di Giuliana Sgrena per vincere la nostra battaglia contro le diffidenze e l'ignoranza che mirano a isolare i musulmani e a farne il nuovo nemico da combattere.

Nacéra Benali (Giornalista algerina) El Watan - Radio Algerina

Mahmud Aldulaimi (Giornalista iracheno) Ansa

MedJijan Zarmandili (Giornalista e scrittore iraniano)

Mahdi En-nemr (Giornalista egiziano) Kuwait News Agency

Samir Al Qariuti (Giornalista palestinese) Radio televisione Palestina

Mustafa Abdallah (Giornalista egiziano) Al Ahram

Mohamed Al Ibrahim (Giornalista siriano) Agenzia Siriana d'informazione

Talal Khrais (Giornalista libanese) Essafir

Hamid Masoumi Nejad (Giornalistà iraniano) Radio Televisione Iran

Farhad Pezeshki Misna(Giornalistà iraniano) Isna Agency

Souad Sbai (Giornalista marocchina) Al Maghribiya

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)