Referendum: libertà o libertinaggio?

Piccola analisi sulle ragioni dell'astensione
8 giugno 2005
Roberto Marino

Stupisce tanto scalpore verso le parole del Card. Ruini riguardo l'astensione dal voto referendario. E stupisce ancor di più l'inaccettabile presa di posizione contro la "libera scelta" dell'astensione. La Chiesa Cattolica ha consigliato i fedeli sul voto per ragioni ben più profonde di quanto i media in questi giorni abbiano riportato.
L'attenzione si è infatti concentrata sul risvolto, puramente strumentale, del mancato raggiungimento del quorum, mentre non si sono analizzate a dovere le ragioni morali di una tale posizione.
La Chiesa non ritiene "legittimo" un passaggio referendario su una materia di tale sostanza, individuando in esso la confusione tra "libertà" e "libertinaggio" e contestualmente una distorsione del significato di democrazia. Su questa traccia vanno visti tutti gli altri interventi in materia di bioetica e per queste ragioni viene proposta l'astensione.
La democrazia può esistere soltanto se al servizio di un insieme di valori e diritti/doveri naturali. Altrimenti si scade in un relativismo etico che, portato al limite, permetterebbe la liceità dei più efferati crimini. Il pensiero del mondo cattolico riguardo al referendum prende quindi le mosse dal riconoscimento di questi principi naturali, cioè scritti nella natura umana, e non da ragionamenti dottrinali. Non vi è dunque una interpretazione "religiosa" della vita e del suo concepimento contrapposta ad una visione "laica". "La Chiesa è garante degli autentici valori umani [...] e non si meraviglia di essere fatta, a somiglianza del suo divin Fondatore "segno di contraddizione", ma non lascia per questo di proclamare con umile fermezza tutta la legge morale, sia naturale, che evangelica" (Enciclica "Humanae Vitae"). E, sinceramente, inorridisce che ci si domandi se l'embrione sia "qualcuno", "qualcosa" o "qualcosa d'importante".

Roberto Marino

Articoli correlati

  • Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione
    Sociale
    Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari del 20 e 21 settembre

    Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione

    Non crediamo nei finti risparmi che nascondono gli enormi sprechi della spesa militare e del finanziamento delle milizie libiche per deportare migranti
    7 settembre 2020
  • Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia
    Sociale
    Nel linguaggio giuridico un "vulnus" è l'offesa di un diritto

    Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia

    Occorre domandarsi se un risparmio di spesa incerto, e scarsamente incidente sui costi della politica, costituisca un vantaggio tanto significativo da giustificare gli effetti distorsivi che la riforma rischia di determinare sulla democrazia, sulla rappresentanza politica e sul pluralismo.
    5 settembre 2020 - Area democratica per la giustizia
  • Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari
    Sociale
    Una richiesta alle persone amiche

    Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari

    Vorrei chiedervi di fare cinque cose che mi sembrano necessarie ed urgenti per contrastare la disinformazione e la manipolazione che probabilmente determinerebbero l'esito del referendum in assenza di un'azione di documentazione e coscientizzazione.
    3 settembre 2020 - Peppe Sini
  • Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte
    Sociale
    Riduzione da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori

    Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte

    Dobbiamo chiederci: avere meno rappresentanti ci consentirà di far sentire meglio la nostra voce quando chiederemo giustizia sociale, investimenti, distribuzione equa delle risorse, un lavoro e una vita decente per tutti?
    25 agosto 2020 - Domenico Gallo
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)