Una storia riemersa dall'oblio di decenni di silenzio. Collaboratori di giustizia che parlano, una sentenza discussa. E adesso, il suo volto ritrovato.

Storia di Rossella ovvero la memoria della legalità

Alla Festa Democratica di Firenze, un incontro per non dimenticare.
Rossella Casini studentessa fiorentina, la ragazza di Francesco studente calabrese, si ritrova coinvolta in una storia di faide familiari che all'inizio non capisce ma che la porterà alla tragica sparizione come vendetta della 'ndrangheta per la sua testimonianza.
13 settembre 2013

Don Andrea Bigalli coordinatore di "Libera" e la scrittrice Francesca Chirico

E' un incontro inaspettato, e proprio per la non conoscenza della tragica protagonista di questa storia. Una storia che parte dal rapporto d'amore, serio e apparentemente tranquillo, tra Rossella Casini e Francesco Frisina.

Lei studentessa universitaria fiorentina iscritta a Psicologia, lui fuori-sede ad Economia. L'amore sboccia, come i tanti che nascono tra allievi dei nostri atenei. La differenza però si scopre poi all'improvviso, quando il padre di Francesco viene ucciso in una faida familiare e di cui Rossella diventa testimone.

E passano gli anni, e la vendetta per avere parlato, per essere stata "un'infame" secondo la logica perversa delle famiglie - e fu proprio vendetta voluta dalla sorella di Francesco - arriva alla fine al tragico epilogo, alla sparizione della ragazza che non fu mai ritrovata. Un'uccisione cruenta di cui solo nel 1994 si scoprirono i particolari, dopo la confessione di un pentito siciliano.

Ma lascio la descrizione, documentale e multimediale, al video autoprodotto e alle pagine suggerite più sotto.

 


 

 


 

Alcuni link per approfondire e per riflettere

Articoli correlati

  • Assolto perché il fatto non costituisce reato
    MediaWatch
    Inchiesta di antimafia

    Assolto perché il fatto non costituisce reato

    Ero sereno per la correttezza professionale con cui è stata svolta questa inchiesta giornalistica e l’assoluta veridicità dei fatti in essa narrati. Spero, con il mio impegno e le mie denunce, di aver onorato la memoria del suo direttore, Giuseppe Fava, vittima di mafia.
    7 febbraio 2019 - Antonio Mazzeo
  • Attivare la legge Bacchelli per Riccardo Orioles
    Sociale
    Riccardo Orioles e' da decenni un maestro di giornalismo

    Attivare la legge Bacchelli per Riccardo Orioles

    Ci associamo alla petizione ed invitiamo chi ci legge a fare altrettanto. La legge Bacchelli garantisce una pensione decente a chi con la sua attivita' culturale e civile si e' reso illustre
    2 gennaio 2017
  • Il Maestro Morrione
    MediaWatch
    Cuore del Giornalismo

    Il Maestro Morrione

    Ti ho sempre chiamato "Direttore", anche quando tu, sorridendo, mi ricordavi che da RN 24 eri stato pensionato. Per me e per tutti coloro che hanno avuto il bene di ricevere i tuoi consigli, potevi solo proseguire a essere tale. Senza di te, direttamente e indirettamente, nessuno di noi avrebbe potuto trovare la strada giusta del Giornalismo.
    20 maggio 2011 - Nadia Redoglia
  • Sociale

    Intervista a Carlo Ruta sui coni d’ombra, la mafia, la democrazia

    13 luglio 2009 - Angela Allegria
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.23 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)