Il suo caso arrivò nel 1996 in Tv nella trasmissione di don Mazzi a "Domenica In"

E' morto Gianmarco, il bambino malato per cui PeaceLink si è battuta dal 1995

Dal 1995 lu lanciata un'azione di intensa ricerca su Internet per verificare se in un'altra parte del mondo vi fosse un bambino con la stessa variante rara (e allora non studiata in quanto mai riscontrata) della leucodistrofia. La famiglia ha invitato parenti e amici a fare una donazione per i bambini poveri africani assistiti da padre Kizito.
18 febbraio 2005

Gianmarco Coniglio a 3 anni

Gianmarco non ce l'ha fatta, ma ha resistito con tutte le sue forze per dieci lunghissimi anni. E' morto stanotte. Era affetto da una rara forma di leucodistrofia. PeaceLink si era battuta per difenderne il diritto alla vita e persino i suoi diritti elementari calpestati da alcune istituzioni insensibili. Gianmarco Coniglio era un bambino di Taranto bellissimo, starordinario, vivace come pochi.

Questo l'appello che diffondemmo nel 1995:

"Mi chiamo Gianmarco, ho 3 anni e da un anno circa soffro di LEUCODISTROFIA.
I medici hanno detto ai miei genitori che la LEUCODISTROFIA e' una malattia difficile da curare e da quel che mi e' sembrato capire tra non molto raggiungero' la mia sorellina in paradiso.
Io voglio molto bene alla mia sorellina, ma voglio anche bene a mamma e papa', e desidero stare con loro ancora per molto. I miei genitori sono ormai disperati, io pero'.... penso che qualcosa ancora si puo' fare. Tu che stai leggendo questa mia letterina, aiutami a trovare un buon medico che possa salvarmi. Traducila in tutte le lingue e mandala in giro per tutto il mondo. Forse solo cosi' riusciro' a trovare un buon medico o una buona medicina che possa salvarmi dalla morte".

Dal 1995 lu lanciata un'azione di intensa ricerca su Internet per verificare se in un'altra parte del mondo vi fosse un bambino con la stessa variante rara (e allora non studiata in quanto mai riscontrata) della leucodistrofia. Vi fu un grande slancio di generosità. L'appello venne tradotto in tutte le lingue del mondo. Giunsero segnalazioni, preghiere, dossier medici, regali. La famiglia non chiedeva soldi ma informazioni. Ricevette un computer nuovo e un modem come donazione di persone generose che vollero aiutare Peppe e Grazia, i genitori di Gianmarco, due persone splendide e generose che dissero di voler combattere quella battaglia disperata non solo per Gianmarco ma per tutti i bambini nelle sue condizioni.

Il suo caso arrivò in Tv nella trasmissione di don Mazzi a "Domenica In" e vi fu persino l'intervento dell'allora ministro Rosy Bindi in quanto a Gianmarco, oltre alla sventura, si era aggiunta la beffa: la Asl non gli riconosceva i diritti di bambino invalido.

Dopo tutte le ricerche condotte, Gianmarco venne visitato negli Stati Uniti nel più avanzato centro per le leucosdistrofie, dove quella variante venne classificata come "Cach". Purtroppo nessuna cura era possibile. Due ditte di prodotti omeopatici donarono i loro farmaci per alleviarne le sofferenze.

Tutte le informazioni le abbiano raccolte qui
http://italy.peacelink.org/sociale/articles/art_5604.html
I funerali si terranno domani alle 16 alla Chiesa Madonna delle Grazie a Taranto. La famiglia ha invitato parenti e amici a fare una donazione per i bambini poveri africani assistiti da padre Kizito (c/c postale n. 37799202 intestato ad Amani Onlus - Ong, via Gonin 8, 20147 Milano).

Addio Gianmarco, ti ricorderemo per sempre.

Gli amici di PeaceLink

Articoli correlati

  • Mittal, il film
    Cultura
    Davanti ai cancelli del cimitero la gente si è accalcata per vedere la storia di Mittal

    Mittal, il film

    Ieri a Taranto è stato un successo la proiezione del film "Mittal, il volto nascosto dell'Impero". Ne emerge una scalata industriale e finanziaria implacabile. Il regista fa emergere da questa storia di globalizzazione un'immagine predatoria che non fa ben sperare per il futuro di Taranto
    18 settembre 2019 - Alessandro Marescotti
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
  • "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"

    Questa tesi di laurea di Nicola Petrilli è aggiornata agli ultimi eventi che hanno caratterizzato la fabbrica dopo l'avvento del governo "giallo-verde". Viene analizzata la società civile tarantina e i suoi "cittadini reattivi", mettendo in luce le difficoltà di ArcelorMittal a Taranto
    8 luglio 2019
  • I ministri pentastellati vanno a Taranto ma non incontrano le associazioni
    Ecologia
    Peccato perché volevamo discutere i dati sanitari e gli eccessi di mortalità vicino agli impianti

    I ministri pentastellati vanno a Taranto ma non incontrano le associazioni

    Vi è una differenza fra il 24 aprile e il 24 giugno 2019. Il 24 aprile furono convocate le associazioni. Oggi no. La Segreteria del Capo di Gabinetto del Ministro dello sviluppo economico ha fatto sapere tramite email a PeaceLink che "non è previsto alcun incontro".
    23 giugno 2019 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)