Per i diritti e la democrazia negli USA

La lotta nonviolenta dei neri d'America

Il 7 marzo 1965, nel Sud degli USA, la polizia aveva caricato la marcia nonviolenta degli afroamericani. Martin L. King chiese aiuto al popolo
11 marzo 2015

I fatti del 7 marzo 1965 - giornata poi indicata come "Bloody Sunday" - avevano destato grande impressione nel paese. La polizia locale e federale aveva caricato e inseguito a cavallo cittadini inermi che manifestavano tra cui donne e bambini, usando lacrimogeni, ferendo 58 persone e accanendosi in particolare contro donne come l'attivista locale Amelia Boyton Robinson.

Molto interessante a tal proposito è il film della regista Ava Du Vernay

"Selma, la strada della libertà"

Qui di seguito potete trovare articoli collegati che trattano del film e della mobilitazione nonviolenta di quegli anni. 

Articoli correlati

  • Martin Luther King: "I bambini e la nostra lotta nonviolenta"
    Storia della Pace
    Come trasformare la debolezza e la fragilità in forza

    Martin Luther King: "I bambini e la nostra lotta nonviolenta"

    La forza di trasformazione del metodo nonviolento sta nel coinvolgimento dei più deboli, degli inermi, delle donne, dei bambini, di coloro i quali sarebbero sconfitti se puntassero sull'uso della forza.
  • I lettori di PeaceLink cliccano su Martin Luther King
    PeaceLink
    Crescono le consultazioni del sito

    I lettori di PeaceLink cliccano su Martin Luther King

    Oltre un milione di pagine web viste nel 2018 da 667 mila visitatori. "I have a dream" la pagina più richiesta nel mese di dicembre. Molti gli studenti e gli insegnanti che cercano informazioni sul sito
    Redazione PeaceLink
  • Oggi avremmo più che mai bisogno di una personalità rivoluzionaria e carismatica come Martin Luther King
    Pace
    A cinquanta anni dall'assassinio di Martin Luther King

    Oggi avremmo più che mai bisogno di una personalità rivoluzionaria e carismatica come Martin Luther King

    Razzismo e xenofobia minacciano di diffondersi nei cuori e nelle menti di molte persone assieme ad un egoismo sociale e politico che contrasta con i principi di solidarietà su cui si basa la nostra Costituzione. Avremmo bisogno ancora oggi di un visionario che dica a tutti: "I have a dream".
    1 aprile 2018 - Laura Tussi e Alessandro Marescotti
  • "I have a dream"
    Pace
    Il celebre discorso di Martin Luther King compie 50 anni

    "I have a dream"

    Il nome di Martin Luther King viene accostato a quello di Gandhi in quanto fu una delle più grandi e importanti personalità impegnate a realizzare e attualizzare i valori della pace e della nonviolenza nel mondo. Martin Luther King fu riconosciuto come apostolo instancabile della Resistenza Nonviolenta, paladino e riferimento degli ultimi, degli oppressi, degli emarginati, dei reietti, sempre in prima linea per i diritti di tutti gli esseri umani, nel superamento e abbattimento di ogni stereotipo e pregiudizio etnico.
    Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.23 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)