Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

L'ex portavoce dei Verdi riconvertito all'industrialismo attacca il settimanale

L'inchiesta dell'Espresso sull'inquinamento a Taranto e il mal di pancia di Walter Scotti

Scarica l'incredibile lettera con cui il "difensore non ufficiale" dell'Ilva addossa al traffico veicolare il peso del PM10 (polveri sottili) a Taranto.

L’inchiesta dell’Espresso a qualcuno non è piaciuta. Oggi sul Corriere del Giorno è apparsa una lettera di Walter Scotti (portavoce dei Verdi a Taranto in passato e poi diventato difensore dell’Ilva). Scotti, facendo riferimento all’inchiesta sull’Ilva di Taranto, scrive che “l’Espresso ha preferito non visitare lo stabilimento e credere alle “fantasticherie” di alcuni “ambientalisti catastrofisti” che hanno tutto l’interesse di mettere in cattiva luce l’unica realtà produttiva della regione”.
Walter Scotti accusa l’Espresso di aver “preferito ascoltare le “favole” di Marescotti e Leo Corvace” e domanda: “Come mai a Taranto non prendono iniziative serie nei riguardi del traffico veicolare? Il PM1O ha raggiunto livelli catastrofici e le morti per neoplasie non sono solamente addebitabili alle grandi industrie ma soprattutto dalla circolazione delle auto, come spiegare che dappertutto si muore di tumori anche dove non ci sono grandi industrie? Ma per i “soliti noti” ambientalisti c’è solamente l’Ilva!”
Ho appena inviato questa lettera di risposta al giornale:

“Ho avuto già modo di rispondere a Walter Scotti spiegandogli che i dati dell’APAT (Agenzia per la Protezione Ambiente e per i Servizi Tecnici) parlano chiaro: a Taranto il 93% dell’inquinamento è di origine industriale. E quindi ogni iniziativa - importantissima - volta a ridurre le polveri sottili del traffico veicolare (PM10) di per sè non basta in quanto c’è quel 93% di inquinamento di origine industriale che pesa come un macigno e che non è prodotto dalle auto. La grande industria a Taranto occupa uno spazio pari a 4 volte il centro urbano. La cokeria Lo scorso anno nel quartiere Tamburi si sono avuti 78 sforamenti dei limiti di legge del PM10 in prossimità dell’Ilva. I dati epidemiologici attestano che nel quartiere Tamburi vi è una più alta mortalità per cancro rispetto al territorio circostante. Negli ultimi 30 anni a Taranto vi è stato un aumento del 100% di tali eventi luttuosi. Se il giornalista dell’Espresso avesse fatto una visita all’Ilva tutto ciò non sarebbe sparito d’incanto. Semmai - se l’Espresso avesse potuto fotografare la cokeria - avremmo visto delle immagini da “inferno dantesco”. Sul sito www.tarantosociale.org ho messo il filmato di una gigantesca nube viola fuoriuscita dall’Ilva il 1′ aprile (non era un pesce d’aprile) e sto attendendo dalla Regione i dati dell’inquinamento per quella giornata, se li hanno. Emilio Riva è stato processato e condannato per inquinamento. Sono agli atti tutti i reati di cui ha dovuto rispondere. Walter Scotti è liberissimo di considerare queste cose - persino i dati ufficiali - delle favole. Può chiamarci catastofisti e promuovere la beatificazione del padrone dell’Ilva. Può scrivere tutte le lettere che vuole. Ma la realtà purtroppo è quella che viviamo ed è sotto gli occhi di tutti. E questa realtà va cambiata, non difesa”.

Note: Poche ore fa è crollato un nastro trasportatore all'Ilva mentre l'arcivescovo celebrava la messa nell'Ilva...

Collegati al blog dell'Espresso e lascia un messaggio. Clicca su http://riva.blogautore.espresso.repubblica.it/2007/04/02/la-puglia-dei-veleni/

L'inchiesta dell'Espresso sull'inquinamento a Taranto è qui:
http://lists.peacelink.it/taranto/2007/03/msg00013.html

In data 16 settembre 2009 PeaceLink ha ricevuto una lettera in cui l'avvocato del signor Walter Scotti comunica: "Invio la presente in nome e per conto del sig. WALTER SCOTTI, al fine di renderVi edotti della spiacevole circostanza per la quale alla pagina web del Vs sito di cui all'oggetto, da oltre due anni, da quando cioè la stessa è on line, il nome del mio cliente è stato erroneamente riportato".

Nella stessa giornata PeaceLink ha corretto l'errore con la seguente dichiarazione di scuse: "La redazione di PeaceLink si scusa con il signor Walter Scotti e con i lettori per l'errore del tutto involontario nel digitare il nome WALTER. Nel testo della pagina web in questione il nome "Walter" ricorre 6 volte correttamente. Nel titolo in grande c'è scritto "Walter". Il testo della lettera è scritto in maniera assolutamente rispettosa dell'interessato. In nessun passaggio emergono intenzioni di dileggio. Pertanto trattasi di "lapsus calami". Ci scusiamo con il signor Walter Scotti per l'errore di battitura assolutamente involontario. Prontamente in data 16 settembre 2009 è stata effettuata la correzione e sono state inserite a piè di pagina le scuse dell'Associazione PeaceLink al signor Walter Scotti".

Allegati

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)