Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Il dibattito sulla questione ambientale

Inquinamento a Taranto, il presidente della Provincia Florido si "ribella" contro l'articolo dell'Espresso

Quelle di Florido sono affermazioni francamente sconcertanti, che non possono non lasciare perplessità. Io avrei ringraziato il settimanale l’Espresso e il giornalista. Avrei detto che la politica tarantina ha un forte bisogno di essere supportata da una stampa attenta.
5 aprile 2007
Francesco Perrone
Fonte: Corriere del Mezzogiorno - 05 aprile 2007

In questi giorni ha fatto molto discutere la pubblicazione di servizi sull’inquinamento industriale in Puglia e in particolare nelle aree di Brindisi e Taranto. Ho avuto modo di ascoltare diversi interventi, sia da parte della stampa (soprattutto quella televisiva) che di politici locali.
Vorrei soffermarmi su coloro che tendevano a sminuire il problema e la denuncia (peraltro basata su dati ben noti).
Se alcune tesi, sostenute da qualche anchorman televiso nostrano, possono essere paragonate ai discorsi che tutti possiamo fare nel bar sotto casa,maggiormente mi meravigliano le dichiarazioni del Presidente della Provincia di Gianni Florido (che è anche aspirante sindaco del capoluogo).
Egli sostiene che l’intervento del settimanale l’Espresso è un attacco preordinato alla Puglia e alla sua appetibilità turistica.
Sono affermazioni francamente sconcertanti, che non possono non lasciare perplessità. Io avrei ringraziato il settimanale l’Espresso e il giornalista. Avrei detto che la politica tarantina ha un forte bisogno di essere supportata da una stampa attenta; e che cio’ di cui su quelle pagine si parla deve essere una fonte di impegno, alla base di iniziative di governo di questo territorio.
Avrei detto che la grande industria è importante e necessaria, che vanno sviluppate tutte le iniziative utili alla sua crescita; ma che vogliamo che cio’ avvenga nel rispetto dell’equilibrio ambientale e di uno sviluppo armonico della vita comune. Avrei anche detto che le istituzioni locali sono impegnate al sostegno degli operatori economici ma che sono anche pronte a difendere la propria idea di sviluppo e i diritti dei cittadini in qualsiasi sede ciò fosse necessario.
Non mi sarei dimenticato di ricordare i dati dell'Arpa, dell’Asl, e di altri ricercatori. Avrei affermato con forza che lo sviluppo economico, in equilibrio con l’ambiente e la qualità della vita, è asse importante del Progetto di rilancio della nostra comunità dissestata.
Ma il Presidente Florido non ha detto nulla di tutto ciò. Ha parlato di un subdolo attacco al turismo locale. Se anche fosse così, di quale turismo parliamo? Di coloro, e non si tratta di masse oceaniche, che assisteranno ai “Riti della Settimana Santa” e che troveranno una Città vergognosamente sporca, con strade dissestate e ingombre di auto in doppia fila? Del prossimo turismo rivolto alle località balneari, dove, soprattutto lungo il versante orientale, si troveranno operatori spesso poco preparati, lidi trascurati, cassonetti puzzolenti e, in bell’evidenza, quell’offesa a tutti noi che è lo scheletro abbandonato dell’ormai ex pineta di Lido Silvana?
Il turismo culturale, orbo di un Museo Nazionale chiuso e di cui si è quasi dimenticata la presenza, di reperti archeologici ritrovati e subito dopo rinascesti, di un’attività congressuale che potrà avere qualche rilevanza solo quando Taranto avrà una proposta universitaria adeguata e collegata alla ricerca?
Gianni Florido (come, per altro, anche altri politici locali) non hanno parlato di tutto ciò.
Mi dispiace: questa povera Taranto avrebbe bisogno di discorsi piu’ coraggiosi e, contemporaneamente, più ambiziosi.

Articoli correlati

  • Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda
    Taranto Sociale
    "La siderurgia di Taranto è un cavallo morente"

    Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda

    Secondo Peacelink, “occorre un piano B per le aree di crisi, fra cui Taranto, basato sulle bonifiche e su una riconversione economica finalizzata alla transizione ecologica. Lo stabilimento Ilva di Taranto non ha un futuro né.economico né ecologico”.
    22 novembre 2022 - AGI
  • Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva
    Laboratorio di scrittura
    Un video emozionale girato nel quartiere Tamburi di Taranto

    Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva

    Questa è la foto che suggella un lavoro fatto con passione, per documentare, con il video "La polvere negli occhi", la storia della lotta contro il disastro ambientale di Taranto e per tentare di salvare una comunità da una tragedia che ha segnato la storia di tante persone, di tante famiglie.
    23 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
  • Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori
    Ecologia
    Le dichiarazioni di Alessandro Marescotti presidente di PeaceLink

    Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori

    "Siamo solidali con le preoccupazioni dei lavoratori ILVA ma occorre una riconversione ecologica dell'economia. Lottiamo insieme per fermare la guerra che ha generato un disastro economico"
    22 novembre 2022 - Redazione PeaceLink
  • Inquinamento e violazioni dei diritti umani in Italia
    Ecologia
    Il Rapporto ONU sull'inquinamento in Italia

    Inquinamento e violazioni dei diritti umani in Italia

    Il Relatore Speciale delle Nazioni Unite ha visitato l'Italia dal 30 novembre al 13 dicembre 2021. Il Rapporto tocca Porto Marghera, l'inquinamento da PFAS in Veneto, la terra dei Fuochi, l'ILVA di Taranto, Livorno, i pesticidi, i rifiuti e altro ancora.
    14 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)