Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Morte bianca, si indaga per omicidio colposo. La protesta del sindacati dopo l'ennesima morte all'ILVA

«Domenico operario ILVA era uno di noi»

“Tanti compagni di Domenico sperimentano il pericolo del lavoro che diventa insulto alla dignità dell’uomo, bestemmia contro Dio che ha voluto l’uomo artista del lavoro, ma oggi tante storie sono di lavoro opprimente per la legge del profitto che schiaccia le persone fisicamente”
3 agosto 2007
Fonte: gazzettadelmezzogiorno

La protesta del sindacati dopo l'ennesima morte all'ILVA di Taranto Si indaga per omicidio colposo. La magistratura ha aperto un fascicolo d’inchiesta sulla morte di Domenico Occhinegro, 26 anni, di Palagiano, l’operaio dell’Ilva rimasto schiacciato tra due tubi d’acciaio durante il turno di lavoro al reparto Tubificio 2. Dall’informativa che stanno redigendo gli ispettori del lavoro potranno emergere eventuali responsabilità. Le norme sulla sicurezza sono state rispettate? Perchè Occhinegro si trovava in un’a re a interdetta al passaggio? A questi interrogativi dovrà dare una risposta l’indagine penale. L'incidente non è stato causato certo dall’inesperienza dell’operaio. Dopo svariati annunci, dovrebbe diventare operativo a breve il il Nucleo operativo integrato di prevenzione e vigilanza, costituito da ministero della salute, ministero del lavoro, Regione Puglia, Arpa, Inail e Ispesl. Ad insistere sull’aspetto della collaborazione fra Enti sono stati i sottosegretari alla salute Antonio Gaglione e Giampaolo Patta.

L’approdo è l’applicazione e il rispetto dell leggi. Il Nucleo, che si occuperà di sicurezza sul lavoro, ha già individuato una serie di figure - tra tecnici e medici - in grado di fornire un apporto qualitativamente elevato in termini di professionalità. Gli esperti del nascente Nucleo hanno stilato un programma d’azione al quale l’Ilva sembra aver dato il via libera. E’ quanto ha annunciato il sottosegretario Gaglione al termine del vertice di mercoledì sera in Prefettura «L'Ilva - ha fatto sapere Gaglione - ha accettato che il nucleo operativo integrato diventi operativo nei reparti del siderurgico. Il protocollo istitutivo, firmato dalle istituzioni l’8 maggio scorso, prevede la presenza dell’importante organismo, 24 ore su 24, all’interno dello stabilimento Ilva di Taranto, per garantire salute e sicurezza dei lavoratori del grande complesso industriale. Tale organismo - ha aggiunto il sottosegretario - avrà funzioni di monitoraggio, prevenzione, valutazione e studio degli eventi infortunistici rilevati in sede di lavoro».

I segretari provinciali dei sindacati metalmeccanici Franco Fiusco (Fiom Cgil), Giuseppe Lazzaro (Fim Cisl) e Rocco Palombella (Uilm Uil) si sono dichiarati favorevoli alla nascita del Nucleo di prevenzione e vigilanza e pensano alla possibilità di realizzare attività d’indagine sul tema della sicurezza in fabbrica unendo a questa un piano formativo per i rappresentanti sindacali e per i lavoratori. Allo sciopero unitario indetto dopo la morte di Domenico Occhinegro ha partecipato il 75% dei dipendenti dello stabilimento. Anche ieri sono giunti messaggi di cordoglio alla famiglia del giovane operaio morto all’Ilva. «E’ inaccettabile che si muoia per un diritto, il lavoro» sottolinea in una nota la federazione provinciale del Partito dei Comunisti Italiani.

Il nome Domenico urlato dalla sorella Pasqua tante e tante volte a squarciagola, sovrasta la musica della banda che accompagna il feretro davanti alla chiesa dell’Immacolata dove, all’aperto, viene celebrato il funerale. Il dolore strazia i cuori. I genitori di Domenico Occhinegro si reggono a malapena all’altro figlio, Carmelo, che cerca di sostenere un dolore troppo grande. Tanta la gente al funerale del giovane operaio morto nell’Ilva, c’è anche il sindaco con l’Amministrazione comunale, il consigliere regionale Scalera, la Polizia Municipale e i Carabineri. A Palagiano è lutto cittadino per Domenico che “ha sperimentato il peso della morte che lo ha strappato alla vita - dice don Salvatore Casamassima nell’omelia -, ma nessuna cosa può separarci dall’amore di Dio”.

Poi, dura, la condanna: “Tanti compagni di Domenico sperimentano il pericolo del lavoro che diventa insulto alla dignità dell’uomo, bestemmia contro Dio che ha voluto l’uomo artista del lavoro, ma oggi tante storie sono di lavoro opprimente per la legge del profitto che schiaccia le persone fisicamente”.

“E' arrivato il momento di dire basta! basta lavorare per morire, non si può più accettare che altre giornate così luttuose possano ripetersi qui, a Palagiano, o altrove ” - dice il sindaco Rocco Ressa -. “Posso solo dire che Domenico era un amico, un grande amico!”: piange, Nicola, uno dei tanti amici di Domenico. Non si capacitano i colleghi di lavoro, Vincenzo e Enzo, che hanno soccorso Domenico: “Non ci diamo spiegazione per quello che è successo. Domenico era un ragazzo sveglio, sapeva darsi da fare”. Se la prende con i sindacati, invece, Vincenzo Ladiana, il nonno di Nunziana, la fidanzata di Domenico che, sulla bara, straziata dal dolore, piange a dirotto. “I sindacati non si impegnano abbastanza”, dice Vincenzo. E la cugina Lina legge dei versi: “Hanno rotto il vetro della mia giovinezza, hanno colpito la mia anima, hanno messo a dura prova la mia fede in Te... Ora so che finché la terra vivrà, e anche oltre, Domenico non morrà mai...”.

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)