Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Ieri la convention dell’associazione. «Vogliamo una città pulita»

Inquinamento, domenica bambini in corteo nelle strade dei Tamburi

Domenica prossima i bambini marceranno contro l’inquinamento. Parte una nuova fase di sensibilizzazione sui temi dell’ambiente che coinvolge studenti delle elementari e della prima media
22 ottobre 2007
Fonte: Gazzetta del mezzogiorno

ILVA di Taranto Domenica prossima i bambini marceranno contro l’inquinamento. In un quartiere simbolo del degrado ambientale: i Tamburi. I bambini saranno faccia a faccia con la grande industria per dire «no» ai veleni, alla mal’aria, a tutto ciò che mette a rischio il loro futuro. E’ l’annuncio, clamoroso, fatto dal presidente dell’associazione «Bambini contro l’inquinamento», Giuseppe Merico, durante la convention in programma ieri pomeriggio al Palamazzola. Tante le famiglie presenti: adulti e bambini nuovamente in prima linea per esprimere, ancora una volta, la necessità di vivere «in una città pulita». Un obiettivo concreto, raggiungibile attraverso i fatti, le azioni, e non le parole. Di questa urgenza si è fatta portatrice l’associazione «Bambini contro l’inquinamento».

Una istanza, come ha ricordato lo stesso presidente Merico, inderogabile se la città vuol guardare veramente al suo domani senza paura di vederselo scippato dal sempre più incalzante degrado ambientale. E tra gli obiettivi dell’associazione c’era quello, concreto, di sensibilizzare i bambini delle scuole elementari (e della prima media) della provincia di Taranto. E’ nata così la convention al Palamazzola durante la quale è stato presentato il progetto destinato a stimolare i più piccoli, già in età scolare, sui temi della lotta al degrado ambientale attraverso anche forme mirate di comunicazione. Alla manifestazione sono intervenuti il responsabile dell’Ufficio scolastico provinciale di Taranto, Anna Cammalleri, il procuratore aggiunto della Repubblica presso il Tribunale di Taranto, Franco Sebastio, il sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Taranto, Maurizio Carbone.

La serata prevedeva uno spettacolo per i bambini presentato da Giovanni Guarino, operatore culturale che ha aderito all’associazione. Alla fine della serata sono stati distribuiti doni a tutti i bambini. Il bilancio positivo della serata rappresenta un buon viatico per l’iniziativa di domenica. La marcia dei bambini contro l’inquinamento sarà un momento di riflessione. Soprattutto per gli adulti. Fra l’altro proprio in questi giorni i temi ambientali hanno acquisito un maggiore rilievo.

E non solo per la petizione inviata al presidente della Repubblica o per i dati sulla diossina emessa dall’Ilva e rilevati dall’Arpa, l’Agenzia regionale di protezione ambientale, ma anche per le considerazioni che lo stesso Giorgio Napolitano ha fatto riferendosi appunto a Taranto. Ovvero, che 50 anni fa l’industrializzazione fu una scelta obbligata perchè bisognava assicurare il lavoro; oggi, invece, l’esperienza dice che fu un errore impiantare un’industria siderurgica così vicina alla città con tutte le conseguenze ambientali che ne sono scaturite. Un motivo in più per impegnarsi nel migliorare la situazione.

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)