Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

L’appello di Ruggieri («Aiutiamo Ippocrate») dopo la fiaccolata di sabato

«La tutela della salute dei tarantini sia un’unica, grande battaglia»

«Ed ora mettiamoci insieme, uniamo e capitalizziamo le nostre forze. Facciamo un corpo unico, creiamo un movimento forte e costringiamo i nostri politici a fare quello che devono fare».
30 ottobre 2007
Maria Rosaria Clemente
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

Un Arcobaleno nel cielo di Taranto Un sottile filo rosso ha congiunto la manifestazione di sabato sera per le vie della Città vecchia - la «Fiaccolata della Speranza», come era stata chiamata - con la marcia di domenica dei «Bambini contro l’inquinamento» nel quartiere più massicciamente esposto all’inquinamento della grande industria. Un filo sottile che sembra raccontare di un ancora debole, ma possibile risveglio delle coscienze dei tarantini. «Ora uniamoci», dice Francesco Ruggieri, socio fondatore di «Aiutiamo Ippocrate», che dopo la fiaccolata di sabato ha partecipato alla marcia di domenica mattina ed ora chiama il presidente di quell’associazione, il pediatra Giuseppe Merico, perché anche insieme agli ambientalisti, al Comitato per Taranto, la città «si svegli».

Si svegli e capisca che non si possono attendere altri anni ancora, che contro l’inquinamento che uccide e che ha già fatto troppe vittime occorre fare qualcosa e subito. «Dieci anni fa, quando abbiamo celebrato la prima messa per commemorare i morti per cancro, eravamo a quota mille. Quest’anno ne abbiamo ricordato 1.200. Secondo le previsioni, nel 2020, questo numero potrebbe essere raddoppiato. Ma questo non dobbiamo consentirlo», sottolinea Ruggieri. «Continuerò a lottare come ho sempre fatto.

Ma Franzoso ha vissuto a Taranto? di quali migliorie parla? Leggete cosa dichiara alla Gazzetta del Mezzogiorno di oggi:
«Bene le mobilitazioni a favore dell’ambiente, ma ora la politica deve fare la sua parte facendo ripartire il confronto tra istituzioni e industria. Sinora la sinistra ha deluso». E’ la posizione che esprime l’onorevole Pietro Franzoso, coordinatore provinciale di Forza Italia. «La mobilitazione per l’ambiente di “Bambini contro l’inquinamento”, come pure le intenzioni dell’associazione “Aiutiamo Ippocrate” rivolte al sostegno della ricerca, sono alcuni esempi della straordinaria prova di coesione della società civile introno al tema della difesa del nostro ecosistema» dice Franzoso.

Questo, aggiunge il parlamentare, «rende l’idea di quanto sia importante che la politica prosegua e renda più serrato il confronto tra istituzioni e grande industria per individuare insieme soluzioni e accrescere la cultura dell’ambiente e della sicurezza». Franzoso rileva come sino a dieci anni fa il «dialogo» fosse «inesistente». Così come «era assente la cultura della sicurezza e dell’ambiente e che ha portato numerosimanager dell’ex Italsider ad essere indagati». Poi c’è stata la privatizzazione dell’Ilva, «un confronto a tratti duro - rammenta Franzoso -ma aperto e sfociato nell’atto di intesa 2003 durante l’amministrazione regionale, provinciale e comunale di centrodestra. Su questa traccia il confronto deve proseguire. Intensificando il dialogo con l’industria - tutta - dall’Ilva all’Agip alla Cementir, e continuando a cercare soluzioni. A diffondere la cultura dell’ambiente come patrimonio di tutti e della sicurezza come diritto. Un dialogo, quello con la grande industria, che va intensificato e migliorato, in un’ottica di scambio e di collaborazione. Come il centrodestra finora ha fatto».

Secondo Franzoso, «è preoccupante, nell’ottica delle relazioni fin qui intrecciate con la grande industria, la perdita di risorse irrinunciabili, previste e studiate dal centrodestra, quali i 49 milioni per la riqualificazione dei tamburi e i 25 milioni per Mar Piccolo. Una dissennatezza gestionale degli attuali amministratori di centrosinistra che ha mandato in fumo anni di collaborazione e di concertazione tra enti, sindacati, parti sociali». «Preservare l’ambiente - conclude Franzoso - non vuol dire inondare la provincia di rifiuti provenienti dal Salento, né tacere colpevolmente dinanzi alle nubi tossiche della raffineria, nè chiudere le porte della discussione agli ambientalisti. La cultura ambientale deve rinforzarsi, con un dialogo sempre più efficace e leale, contemperando le esigenze imprenditoriali con quelle sociali e ambientali».
Sono andato a Roma a piedi per ottenere quello che ci spettava (l'acceleratore lineare ). Dovevamo essere in tanti anche in quell'occasione, ma eravamo solo in 4. Anche ora continueremo la nostra battaglia. Contro le lunghe liste d’attesa per la radioterapia, contro l’assenza ad oggi di un importante strumento diagnostico come la Pet. Con la sofferenza della città ed il problema che abbiamo, avremmo dovuto avere il riconoscimento di polo oncologico.

Invece, il polo oncologico è andato a Lecce, ma non voglio fare una questione campanilistica». Intanto, c'è anche un altro problema che attiene i mancati servizi in città e l’attività della stessa associazione. «E' una vergogna; con i fondi erogati della Regione, pari a 2 milioni e mezzo di euro, ancora non si riesce a far partire il servizio di trasporto dei malati oncologici nella nostra Asl. Proprio a Taranto dove questo tipo di servizio è stato avviato per primo».

Così, mentre nelle altre province il servizio funziona, a Taranto ci siamo bloccati perché mancano alcune virgole sulla convenzione. Non pretendo che sia la nostra associazione ad effettuare il servizio, anche se abbiamo al nostro attivo 800 trasporti e siamo attrezzati per farlo, l’importante è che si faccia. Ma il nostro direttore generale neanche risponde alla nostra richiesta di incontro». Morti per cancro, inquinamento ed occupazione. E’ proprio sull'ultimo anello di questa catena che la continuità si spezza. «Io non ci sto a stare dietro a questa storia del ricatto occupazionale. Ma di quale occupazione parliamo? In dieci anni abbiamo perso 30 mila posti di lavoro e 1.200 persone per cancro. Capirei al limite, per un paradosso, se si dicesse che l’inquinamento e le morti sono il prezzo che si paga per il benessere. Ma qui non abbiamo né occupazione né benessere».

Tornando, infine, alla «Fiaccolata» di sabato sera, Ruggieri evidenzia che è mancata la grande partecipazione dei cittadini e che le assenze più vistose sono state quelle di Regione e Provincia. «Potrei anche dire che è stato un successo, per coloro che c'erano e per le non poche presenze istituzionali (i sindaci di Taranto, Massafra, Statte, Ginosa, Laterza, San Marzano di San Giuseppe, Palagiano, il vice presidente della Provincia, Stefano Fabbiano, il presidente del Consiglio comunale, Gina Lupo, diversi consiglieri comunali, presidenti di circoscrizione, la cantautrice Mariella Nava). Ci fosse stato un solo parente per ognuno dei morti che abbiamo voluto ricordare, la Città vecchia sarebbe stata illuminata a giorno dalle fiaccole. Invece...». Amarezza? «E di cosa dovrei più amareggiarmi? La mia è solo una constatazione della realtà».

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)