Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Intervento dell'on. Rubino, già sindaco di Palagianello ed ispiratore del Tavolo verde.

Rubino: Taranto non può morire di inquinamento

“Il referendum sull’Ilva è una scorciatoia rispetto ai gravi problemi ambientali della provincia ionica. Si corre il rischio di coltivare l’illusione secondo la quale tutti i mali di Taranto siano riconducibili all’azienda siderurgica. Invece, il male peggiore è una classe politica disattenta”.
6 novembre 2007
Michele Tursi
Fonte: Corriere del Giorno

ILVA di Taranto Ad affermarlo non è l’ultima stella dell’antipolitica, ma l’on. Paolo Rubino, già sindaco di Palagianello ed ispiratore del Tavolo verde. “Il rischio che si corre - dichiara al Corriere - è che la medicina sia peggiore del male. Non dimentichiamo cosa è accaduto con lo yard Belleli. Quell’area è inutilizzata perchè bisogna bonificarla e per bonificarla occorrono risorse di cui al momento nessuno dispone. E se accadesse la stessa cosa con l’Ilva? Taranto diventerebbe un deserto. E poi senza uno stabilimento da difendere la città perderebbe il potere contrattuale che oggi ha. Per questo, teorizzo la contestuale difesa della salute di lavoratori e cittadini e dell’apparato produttivo e poi, una volta per tutte, dobbiamo smettere di fingere di condurre battaglie senza quartiere e poi stringere rapporti sottobanco con le grandi industrie”.

Il progetto di Rubino punta alla creazione di una rete tra Tavolo verde e quindi mondo dell’agricoltura, sindacati dei metalmeccanici e ambientalisti. “Un’idea - spiega - che non nasce per caso, ma con la consapevolezza che in larghi strati della società la questione ambientale sia avvertita come prioritaria e strategica. Una questione i cui ambiti non sono solo di difesa della salute, ma riguardano la possibilità di un nuovo sviluppo. A questa spinta, però, non corrispondono risposte adeguate della classe politica che si attarda a guardare indietro, affaticandosi in uno sterile dibattito sulle responsabilità del passato.

Invece bisogna rivolgere lo sguardo in avanti unendo le forze positive. Ritengo che l’intesa tra Tavolo verde, Fim, Fiom e Uilm e Comitato per Taranto sia orientata in tal senso. E’ finita la fase dello sviluppo purchessia, Taranto non può morire di inquinamento e quindi non ci può essere un futuro per gli attuali apparati produttivi senza le necessarie modifiche strutturali. Esistono le tecnologie per conciliare produzione e salute”.

Ma la sfida tecnologica da sola non basta se non è inserita in un sistema di regole e di leggi adeguato. “In questo ambito - aggiunge l’on. Rubino - si possono individuare due filoni di iniziative. La prima attiene i parlamentari i quali, tutti insieme, dovrebbero concorrere alla modifica delle leggi italiane in materia di inquinamento ed in particolare di emissioni di diossina, secondo i parametri dell’Unione europea. In secondo luogo vanno ripensati gli atti d’intesa strutturati su un’idea di fondo che punta ad attenuare l’impatto degli inquinanti sulla città, piuttosto che agire sulle font, cioè gli impianti.

Questa logica va ribaltata ed attuata non solo nei confronti dell’Ilva, ma di tutte le grandi industrie presenti a Taranto”. Dopo aver promosso il dibattito in occasione della presentazione del libro di Felice Casson “La fabbrica dei veleni”, nei prossimi giorni Rubino pensa di saldare maggiormente l’unione tra fabbrica, agricoltura e ambientalisti.

“Il Tavolo verde - spiega - opera in maniera concreta e così vogliamo fare anche per l’ambiente. Guardiamo alla difesa dell’ambiente in un ottica che è quella degli imprenditori agricoli i quali non possono puntare a produzioni di qualità in un contesto inquinato ed avvelenato. Titolari di impresa che hanno gli stessi diritti e gli stessi doveri di Riva, dell’Agip e della Cementir.

Purtroppo spesso dal piccolo artigiano si pretende il rigoroso rispetto delle leggi, mentre non si fa altrettanto con le grandi realtà industriali. Noi, comunque, non ci fermiamo convinti che la questione ambientale sarà il discrimine tra quanti guardano al passato e chi rivolge l’attenzione al futuro; sull’ambiente si misureranno nuovi progressisti e nuovi conservatori. Il nostro impegno proseguirà nei prossimi giorni con richieste d’incontri con le aziende del territorio ionico e con le forze politiche”.

Articoli correlati

  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11
    Ecologia
    Nuovo invito a scendere in piazza

    Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11

    Processo per la morte del piccolo Lorenzo Zaratta, deceduto con un tumore al cervello. Chiediamo giustizia per i cittadini di Taranto e del mondo! Udienza preliminare e costituzione delle parti civili: chiesto il processo per omicidio colposo per nove dirigenti dell'ex Ilva.
    9 ottobre 2021 - Fulvia Gravame
  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)