Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Pecoraro Scanio risponde all'interrogazione sul Rigassificatore di Taranto

Il Ministro risponde sul Rigassificatore di Taranto

L'articolo 23 del decreto legislativo n. 334 del 1999 prevede che la popolazione interessata sia essa in grado di esprimere il proprio parere. In merito al progetto del terminale predetto, la procedura di valutazione di impatto ambientale è attualmente in corso.
15 febbraio 2008

Atto Camera

No al Rigassificatore a Taranto Interrogazione presentata da CIRO ALFANO
mercoledì 24 gennaio 2007 nella seduta n.097

CIRO ALFANO.

Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare.

- Per sapere - premesso che:

Con l'articolo 23 =el decreto legislativo n. 334 del 1999 (la cosiddetta Seveso II) è stata introdotta una importante iniziativa democratica che prevede, ai fini della l'attuazione della direttiva 96/82/CE relativa al controllo dei pericoli d'incendi rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose», «la consultazione della popolazione»; infatti in esso viene stabilito che: «la popolazione deve essere messa in grado di esprimere il proprio parere nei casi di reazione di nuovi insediamenti e infrastrutture attorno gli stabilimenti esistenti»;

Nel comma 2 viene inoltre specificato che: «il parere di sui al comma 1 è espresso nell'ambito del procedimento di formazione dello strumento urbanistico o del procedimento di Valutazione di Impatto Ambientale) con le modalità stabilite dalle regioni o dal Ministero dell'ambiente, secondo le rispettive competenze, che possono prevedere la possibilità di utilizzare la conferenza di servizi con la partecipazione di rappresentanti istituzionali delle imprese dei lavoratori e della società civile, qualora si aavvisi la necessità di comporre conflitti in ordine alla costruzione di nuovi stabilimenti, alla delocalizzazione d'impianti nonché alla urbanizzazione del territorio».

poiché non risulta che:

Nel caso nella città di Taranto per gli impianti di rigassificazione, che rientrano nel campo di aapplicazione di tale normativa, sia stata seguita la procedura prevista al citato articolo 23, per il rilascio alla Gas Natural del Nulla Osta di Fattibilità (NOF);

I seguenti documenti: il Rapporto preliminare di Sicurezza della Gas Natural, il NOF, la relazione di rilascio dello stesso siano stati, ad oggi, resi pubblici

Quali azioni, accertata la veridicità dei fatti sopra indicati, si intendano immediatamente porre in essere affinché siano eventualmente resi nulli gli atti ad oggi adottati per la realizzazione di tale impianto;

acclarato il mancato rispetto della procedura prevista dal già sopra citato articolo 23 e ritenuta eventualmente non legittima la procedura adottata per la realizzazione dell'impianto di rigassificazione a Taranto, quali siano le azioni che intende adottare nei confronti di coloro che risulteranno essere i responsabili del mancato adempimento al più volte citato articolo 23 del decreto legislativo n. 334 del 1999.

Atto Camera

Risposta scritta pubblicata lunedì 14 gennaio 2008

In relazione all'atto ispettivo in esame, concernente il mancato adempimento dell'articolo 23 del decreto legislativo n. 334 del 1999 in ordine alla realizzazione dell'impianto di rigassificazione nella città di Taranto sulla base di quanto comunicato dalla direzione per la salvaguardia ambientale, si riferisce quanto segue.

In merito al progetto del terminale predetto, la procedura di valutazione di impatto ambientale è attualmente in corso. Infatti, nell'ambito delle proprie competenze, ci si è assicurati che fossero messe a disposizione del pubblico, con annunci sui quotidiani La Stampa e La Gazzetta del Mezzogiorno del giorno 24 febbraio 2007, ai fini della consultazione ed espressione di eventuali osservazioni, oltre alla documentazione di VIA (lo studio di impatto ambientale ed il progetto) anche il Rapporto preliminare di sicurezza, ai sensi del decreto-legislativo n. 334 del 1999.

In merito alle problematiche relative alla sicurezza ed all'applicazione per il terminale in questione, di cui al decreto legislativo n. 334 del 1999, comunica quanto segue

1. Applicabilità della disciplina in materia di rischi di incidenti rilevanti.

Gli impianti per la rigassificazione del gas naturale liquefatto =GNL) sono soggetti agli adempimenti previsti dal decreto legislativo n. 334 nel 1999 e s.m.i., recante attuazione della direttiva n. 96/82/CE relativa al controllo degli incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose (cosiddetta direttiva Seveso II), per la presenza di sostanze ricadenti nella categoria di «Gas liquefatti estremamente infiammabili e gas naturale» di cui all'allegato I parte 1 al decreto.

Più precisamente, sono soggetti agli adempimenti di cui all'articolo 6 e 7 del sopracitato decreto i rigassificatori nei quali sono presenti quantitativi delle suddette sostanze pari o superiori a 50 t. mentre i rigassificatori con quantitativi pari o superiori a 200 sono soggetti anche agli adempimenti di cui all'articolo 8.

2. Misure di controllo relative alla realizzazione di nuovi rigassificatori GNL.

I nuovi stabilimenti per la rigassificazione del GNL sono sottoposti ad un sistema di misure di controllo che prevede il rilascio, da parte del Comitato tecnico Regionale (CTR), sulla base del rapporto preliminare di sicurezza presentato dal gestore, del nulla-osta di fattibilità (NOF).

Il NOF costituisce condizione necessaria per il rilascio della concessione edilizia ed è stato acquisito dall'autorità competente in materia di valutazione d'impatto ambientale (VIA), che ne tiene conto nell'ambito della relativa istruttoria.

Il gestore deve inoltre trasmettere al CTR, prima della messa in esercizio dell'impianto, il rapporto definitivo di sicurezza relativo al progetto particolareggiato, al fine del rilascio del parere tecnico conclusivo (PTC).

Il CTR è un organo incardinato nella struttura del ministero dell'interno e, come chiarito dal Consiglio di Stato con parere n. 3510 del 23 novembre 2003, è l'unicaautorità competente a verificare la sussistenza delle condizioni di sicurezza dell'impianto prima della sua costruzione e messa in esercizio.

3. Consultazione della popolazione.

L'articolo 23 del decreto legislativo n. 334 del 1999 prevede che la popolazione interessata sia essa in grado di esprimere il proprio parere, tra gli altri, nei casi di elaborazione di progetti relativi a nuovi stabilimenti soggetti a presentazione del aapporto di sicurezza, e che tale parere sia espresso nell'ambito del procedimento di formazione dello strumento urbanistico o del procedimento di valutazione di impatto ambientale.

Il ministero dell'interno, dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile con nota circolare n. 3600 del 20 dicembre 2005, ha richiamato l'attenzione dei CTR sull'attuazione di tale disposizione stabilendo che, in attesa del trasferimento delle competenze di cui all'articolo 72 del decreto legislativo n. 112 del 1998 i CTR, contestualmente all'avvio dell'istruttoria di cui all'articolo 21 del decreto legislativo n. 334 del 1999, chiederanno al Sindaco di provvedere alla consultazione della popolazione nelle forme ritenute opportune e accerteranno che il gestore abbia avviato la procedura relativa alla valutazione di impatto ambientale, se prescritta, ovvero, nel caso in cui non lo sia, abbia fornito le necessarie informazioni attraverso la stampa locale.

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    Ci costituiamo in base all'art. 11 della nostra Carta Costituzionale: "L'Italia ripudia la guerra"

    Documento del Comitato per la Pace di Taranto

    Sabato 26 febbraio saremo in presidio a Taranto esprimendo la nostra preoccupazione per l'escalation militare. Chiediamo all'Italia e all’Europa di adoperarsi diplomaticamente per evitare il conflitto. Diciamo no all'estensione della Nato all'Ucraina e a nuove armi nucleari Usa in Europa.
    21 febbraio 2022 - Comitato per la Pace di Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)