Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

«Scacco alle diossine in sette mosse»

Sette mosse, sette riunioni al Ministero dell’Ambiente per seguire passo passo l’applicazione dell’accordo di programma sull’ambiente. Quello firmato qualche settimana fa alla Regione e grazie al quale dovrebbe essere possibile entro un anno ridurre drasticamente le emissioni di diossine, con il conseguente rilascio alle aziende dell’Autorizzazione Integrata Ambientale. Al tavolo del ministero sono chiamate tutte le grandi realtà industriali sulle quali pesa la responsabilità di adeguare gli impianti per abbattere l’inquinamento: Ilva, Eni, Edison, Cementir, Sanac ed anche l’Amiu, chiamata in causa per il funzionamento dell’inceneritore.
Fonte: TarantoSera - 08 maggio 2008

- TARANTO - Sette mosse, sette riunioni al Ministero dell’Ambiente per seguire passo passo l’applicazione dell’accordo di programma sull’ambiente. Quello firmato qualche settimana fa alla Regione e grazie al quale dovrebbe essere possibile entro un anno ridurre drasticamente le emissioni di diossine, con il conseguente rilascio alle aziende dell’Autorizzazione Integrata Ambientale.

Si è cominciato stamattina, con l’insediamento del Comitato di Coordinamento, l’organo tecnico al quale è affidato il compito di gestire le fasi tecniche dell’intesa.

Al tavolo del ministero sono chiamate tutte le grandi realtà industriali sulle quali pesa la responsabilità di adeguare gli impianti per abbattere l’inquinamento: Ilva, Eni, Edison, Cementir, Sanac ed anche l’Amiu, chiamata in causa per il funzionamento dell’inceneritore.

Il prossimo appuntamento è il 29 maggio, quando saranno ascoltate le associazioni ambientaliste che così avranno modo di formulare tutte le osservazioni su migliori tecnologie, diossine, mercurio, piani di monitoraggio.

A luglio il cronoprogramma entra nella sua fase “calda” con la verifica dello stato d’avanzamento dell’istruttoria sugli interventi di adeguamento degli impianti alle migliori tecnologie disponibili. All’ordine del giorno anche gli interventi sull’area agglomerato, con riferimento particolare alle emissioni di diossine.

A settembre toccherà anche alla centrale Edison, alla Cementir e alla Sanac Sarà verificato anche lo stato di avanzamento dell’istruttoria che riguarda l’impianto di incenerimento dell’Amiu. Due mesi dopo, saranno verificati gli interventi impiantistici e gestionali della Raffineria Eni e lo stato d’avanzamento delle migliorie da apportare alla centrale Enipower.

Il 15 gennaio 2009, l’appuntamento per decidere eventuali misure supplementari per assicurare il rispetto delle norme di qualità ambientale nell’area industriale di Taranto e Statte.

L’ultimo incontro è quello messo a calendario il 16 febbraio 2009: potrebbe essere una data storica. Quel giorno si riunirà la conferenza dei servizi che dovrà tirare le somme del lavoro svolto e procedere eventualmente al rilascio dell’Aia. Taranto potrebbe finalmente tornare a respirare. E.F.

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta
    Taranto Sociale
    L'Arpa Puglia scrive nuovamente a Ministero dell'Ambiente e Ispra

    "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta

    L'Agenzia regionale sollecita la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e coinvolge il sindaco Melucci, già firmatario dell'ordinanza ferma al Consiglio di Stato.
    24 aprile 2021 - Mimmo Mazza
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)