Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

«Nessuna sottovalutazione e nessuna inerzia»

Vendola: «Impianti da adeguare. Alle spalle decenni di complicità»

Nichi Vendola interviene immediatamente dopo la divulgazione, da parte dell'associazione «Bambini contro l'inquinamento». L'accordo di programma, sostiene Vendola, «va nella direzione di garantire in tempi rapidi e certi il monitoraggio e l'adeguamento degli impianti alle migliori tecnologie possibili».
9 aprile 2008
Francesco Strippoli
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

- BARI — Nessuna sottovalutazione e nessuna inerzia da parte della Regione. Nichi Vendola interviene immediatamente dopo la divulgazione, da parte dell'associazione «Bambini contro l'inquinamento», dei dati relativi alla presenza della diossina nel latte materno.

La giunta, dice Vendola, ha predisposto nuovi controlli (riguarderanno gli alimenti, a partire dal primo maggio) e si sta adoperando perché le imprese tarantine più inquinanti adeguino gli impianti.

La notizia sulla diossina nel latte materno arriva mentre in Regione è in corso la riunione istruttoria per la stipula di un accordo di programma (ne riferiamo nel box in basso) con il ministero dell'Ambiente: riguarderà quattro tra le aziende tarantine più inquinanti e la procedura con cui esse debbano essere sottoposte all'Aia (autorizzazione integrata ambientale).

Le «cavie»: tre mamme di diverse zone cittadine
Sono giovani, due primipare e una al secondo figlio, abitano a Taranto o in provincia e tutte e tre allattano al seno i loro neonati. Hanno scoperto di avere latte ricco di diossina e policlorobifenili, i temibili pcb. Ne hanno in quantità superiore di circa trenta volte ai limiti massimi tollerabili in base ai parametri stabiliti dall'organizzazione mondiale della sanità. Sono le «cavie» volontarie e partecipi dell'iniziativa dell'associazione tarantina «Bambini contro l'inquinamento».

Hanno risposto a un questionario per stabilire occupazione, abitudini alimentari, contatti con insetticidi o altri elementi. Il valore più alto di diossina e pcb, pari a 31.74 picogrammi, cioè un milionesimo di grammo, per ogni grammo di grasso contenuto nel latte, appartiene a una donna di Lama abitante a Taranto da sette anni. Ha 26 anni ed è al suo primo figlio che allatta da qualche giorno.

La signora beve un litro di latte al giorno, il formaggio è presente nella sua alimentazione giornaliera, mangia carne tre quattro volte la settimana, il pesce molto di meno e lo prende in pescheria, fa spesso la brace e usa la carbonella. Il valore più basso (26.19) l'ha evidenziato il latte della donna di Crispiano, paese a venti chilometri da Taranto ma sempre nell'area a rischio. Ha 31 anni, un solo figlio, beve latte due volte al giorno, formaggio sempre, carne cinque volte la settimana, il pesce di rado. Ha usato creme a base di acido glicolico.

Il valore intermedio (29.40) è di una signora di 32 anni che vive al quartiere Tamburi, a ridosso delle ciminiere. Il suo latte, però, non è il più «inquinato». E' al secondo figlio, fa l'estetista, beve latte quasi ogni giorno e mangia formaggi con cadenza giornaliera. La carne abbonda sulla tavola e, prima del parto, s'è sottoposta a una dieta che le ha fatto perdere dieci chili.
L'accordo di programma, sostiene Vendola, «va nella direzione di garantire in tempi rapidi e certi il monitoraggio e l'adeguamento degli impianti alle migliori tecnologie possibili ».

Il rilascio delle autorizzazioni, spiega il governatore, sarà subordinato «all'assunzione di tutti gli accorgimenti necessari per abbattere drasticamente gli elementi inquinanti, a partire dalle diossine».

Il presidente della giunta, poi, fa sapere che dal primo maggio l'Arpa garantirà a Taranto «il sistematico monitoraggio degli alimenti». Insomma, si terrà sotto controllo non solo l'aria e il suolo, ma anche il cibo.

Il direttore dell'agenzia per l'ambiente, Giorgio Assennato, spiega che saranno le Asl ad eseguire i prelievi (latte, carne, pesce, carne).

L'Arpa compirà le analisi. Vendola, al riguardo, anticipa che sono pronte nuove attrezzature ed è previsto il rafforzamento del personale Arpa a Taranto. Dunque, «la Regione non sottovaluta la situazione di rischio per la salute nell'area tarantina».

Non lo aveva fatto neppure dopo le informazioni relative all'individuazione di alte concentrazioni di diossina nel latte di un allevamento ovino situato vicino all'Ilva (il latte era utilizzato per alimentare gli agnelli).

«Dopo le prime rilevazioni - ricostruisce Vendola - sono state compiute quasi 60 rilevazioni certificate, non solo in formaggi e carni, ma anche nel latte e nei prodotti agricoli».

Al momento, è confermata «solo la pericolosità di alcuni prodotti da pascoli bradi, mentre giungono rassicurazioni per gli allevamenti in stalla, i prodotti agricoli e il latte della Centrale» di Taranto. La situazione, sembra dire il governatore, è sotto controllo.

E, ad ogni modo, non tutto «si può risolvere in pochi giorni, dopo un accumulo pluridecennale di disattenzione, sottovalutazione e complicità, che hanno contraddistinto una stagione dello sviluppo economico aggressiva verso la salute e il territorio». Occorre, al contrario, «il giusto equilibrio tra la vita dei cittadini e le attività economiche».

Peraltro, sottolinea l'assessore all'Ambiente Michele Losappio, «concentrare tutte le attenzioni nei confronti di una sola azienda non risolve il problema».

E per essere più chiaro spiega che «è tutto da dimostrare che la contaminazione da diossina degli agnelli (il caso riferito prima, ndr) dipenda dalla vicinanza dell'allevamento all'Ilva.

È possibile, invece, che la diossina derivi dall'azione di un'altra vecchia impresa presente fino a qualche tempo fa nell'area». La risposta alle preoccupazioni, dunque, «non può essere una sola e brutale, ma tante e graduali.

Per esempio: migliorare le tecnologie, verificare gli impianti, abbattere il livello di diossina». La strada verso il risanamento, seppur intrapresa, resta ancora lunga.

Articoli correlati

  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11
    Ecologia
    Nuovo invito a scendere in piazza

    Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11

    Processo per la morte del piccolo Lorenzo Zaratta, deceduto con un tumore al cervello. Chiediamo giustizia per i cittadini di Taranto e del mondo! Udienza preliminare e costituzione delle parti civili: chiesto il processo per omicidio colposo per nove dirigenti dell'ex Ilva.
    9 ottobre 2021 - Fulvia Gravame
  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)