Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Diossina nelle carni, per 7 aziende resta il divieto alla vendita

Il problema diossina negli alimenti, dunque, c'è ed è grave anche se il responsabile del Dipartimento prevenzione preferisce non parlare di «allarme». Sono gli allevamenti già risultati positivi ai test per il latte e il formaggio
22 maggio 2008
Maria Rosaria Gigante
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

Latte alla diossina Confermato il vincolo sanitario per la commercializzazione delle carni ed divieto di pascolo per le sette aziende zootecniche sui cui campioni di latte e formaggio era stata già appurata la presenza di diossina e/o Pcb (policlorobifenili). A determinare tale nuova conferma, la positività anche su campioni di carne e tessuti, in particolare muscoli, grassi e fegato, prelevati dai capi di bestiame delle stesse aziende.

Intanto, si attendono ancora i risultati delle analisi degli ultimi campioni di matrice alimentare prelevati dal Dipartimento di prevenzione dell’Asl: mitili, pesce e vegetali. L’ulteriore ritardo nella conoscenza di questi dati pare conseguenza del fatto che i campioni, inviati dall’Asl al laboratorio interuniversitario Inca di Lecce, siano stati da questo inviati all’omonimo laboratorio di Porto Marghera (Venezia). Questo perché i dipendenti in servizio a Lecce sono stati trasferiti proprio a Taranto dove è previsto il loro inserimento nel laboratorio che l’Arpa (Agenzia regionale di protezione ambientale) ha avviato in questo mese.

Il problema diossina negli alimenti, dunque, c'è ed è grave anche se il responsabile del Dipartimento prevenzione, Michele Conversano, preferisce non parlare di «allarme». «L'allarme è la paura di qualcosa che non conosciamo. Qui la situazione è conosciuta», precisa. Ed è proprio quanto ha voluto conoscere bene anche il ministero della Salute che lunedì scorso ha convocato tutti a Roma. «Come Dipartimento - dice Conversano -, abbiamo preso i complimenti per il lavoro fatto.

Ora il ministero ha detto di fermarci ed ha chiesto alla Regione un piano regionale in cui si decida come procedere». C'è evidentemente da decidere cosa fare di tutti gli altri capi di bestiame delle aziende zootecniche in cui sono stati abbattuti già un certo numero di capi risultati positivi. E c'è, soprattutto, da incrociare i dati delle analisi su tutte le matrici ambientali e alimentari per avere un quadro più chiaro della relazione ambiente-inquinamento-rischi per la salute di cui evidentemente i cittadini reclamano giusta, ampia e corretta
informazione.

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • L'ARPA Puglia ha un nuovo strumento per segnalare le puzze
    Ecologia
    Il portale pugliese per le segnalazioni degli eventi odorigeni

    L'ARPA Puglia ha un nuovo strumento per segnalare le puzze

    Come funziona l'attività di monitoraggio alle emissioni odorigene in Puglia? Quello delle puzze è un fenomeno spesso segnalato dai cittadini che vivono vicino alle discariche, agli oleifici e alle fabbriche.
    21 giugno 2021 - Fulvia Gravame
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)