Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

In Puglia divampa il dibattito «atomico»

A Lecce, al convegno del Consiglio Nazionale degli Ingegneri, scontro tra Frisullo, vicepresidente della Regione, e Pellegrino, presidente della Provincia di Lecce (favorevoli alle fonti energetiche rinnovabili e contrari a una Puglia sede di centrali atomiche) e il ministro Fitto: discutiamo ma il tempo delle decisioni è giunto
31 maggio 2008
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

- LECCE – Nucleare, sì o no? Il dibattito prosegue. E sul palco di «Open Space», convegno organizzato all’Hotel Tiziano di Lecce dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri e concluso stamattina, si sono scontrate due opposte visioni del problema: da un lato Sandro Frisullo, vicepresidente della Regione Puglia, e Giovanni Pellegrino, presidente della Provincia di Lecce, più sensibili al tema delle fonti energetiche rinnovabili e decisamente contrari all’ipotesi di una Puglia sede di centrali nucleari («La nostra regione ha già dato»). Dall’altro la linea del ministro per le Regioni Raffaele Fitto, che è poi la linea del ministro alo Sviluppo Claudio Scajola e del governo Berlusconi: «Confrontiamoci con serenità, sapendo però che il tempo delle decisioni è giunto».

Perchè l’Italia, ha esordito Fitto nella tavola rotonda di «Open Space», già paga le conseguenze «di un errore clamoroso: aver detto no al nucleare nel 1987, stabilendo di percorrere una strada alternativa che non c'era». Ciò mentre il resto d’Europa si dotava di 58 centrali nucleari, «e su un’onda emotiva che ha prodotto altri errori, tipo lo smantellamento totale della ricerca in materia, impedendo tra l’altro all’Enel di poter realizzare impianti del genere anche in altri Paesi».

Un errore che penalizza l’Italia da vent'anni, solo che adesso, «con il petrolio che presto sfonderà il tetto dei 140 dollari a barile», ha proseguito il ministro Fitto, non è più tempo di contrapposizioni ideologiche, «nè di film personali che qualcuno sta costruendo in piena autonomia, andando a ripescare ipotesi di centrali ad Avetrana o Manduria vecchie di vent'anni e per questo scendendo in piazza a fare le barricate. Il tutto in perfetta solitudine». Del resto, ha incalzato Fitto, «il ritorno al nucleare era nel programma elettorale del Partito delle libertà, e se questo programma ha ottenuto tanto consenso qualcosa vorrà dire».

Cementir non inquina, Assolto Caltagirone
TARANTO — La Cementir non ha inquinato, almeno non abbastanza da meritare una sentenza di condanna. E' questo l'esito del processo per rito abbreviato che si è concluso ieri mattina dinanzi al gup Guarna con l'assoluzione di Francesco Caltagirone, amministratore dell'industria Cementir di Taranto. L'impianto, presente nella zona industriale di Statte, era accusato dal pool ambientale della Procura tarantina - insieme a Ilva e Agip - di inquinamento.

A processo il procuratore aggiunto, Franco Sebastio, aveva contestato i reati di getto pericoloso di cose, danneggiamento per l'imbrattamento degli edifici e degli arredi cittadini e la violazione della normativa antismog, per il superamento dei limiti delle emissioni nell'atmosfera. La Cementir, coinvolta solo marginalmente (le era contestato meno dell'1% dell'inquinamento oggetto del processo) aveva optato per un processo abbreviato in realtà durato più del rito ordinario, conclusosi in primo grado con pesanti condanne per i vertici Ilva e l'assoluzione per quelli dello stabilimento Agip jonico. Ieri mattina Sebastio aveva chiesto l'assoluzione per due capi d'imputazione e 14 giorni di arresto per l'imputato.

Una condanna simbolica che il giudice non ha confermato. Intanto a fine mese è prevista la sentenza d'Appello al processo madre. La Procura generale ha chiesto la conferma delle pene emesse in primo grado. Per le polveri sparse sulla città, Emilio Riva, fu condannato a 3 anni di reclusione.
Confronto, dunque, anche sulle energie rinnovabili, «che sono utili ma non bastano a risolvere la fame energetica del Paese». Nella consapevolezza che, andando a riformare la Costituzione, il governo potrebbe decidere di avocare allo Stato la competenza in materia energetica, «che è importante come il conio di una moneta unica». E senza indugi: «Le centrali di cui parliamo oggi entrerebbero in funzione intorno al 2020, così non ha senso aspettare, come spera Bersani». E infatti il governo Berlusconi non aspetterà, «perchè certe decisioni non sono più rinviabili. Convochiamo la Conferenza per l’Energia e l’Ambiente e parliamo diffusamente, ma senza ripetere l’esperienza Campania, con la gente che dice «risolviamo il problema» ma poi scende in piazza perchè non vuole gli impianti a Chiaiano».

Al dibattito, in mattinata, era intervenuto anche il presidente della Provincia Giovanni Pellegrino, che aveva posto l’accento sull'inevitabilità della modifica dell’habitat da parte dell’uomo: «La Terra è ormai un insieme di territori, e anche gli ulivi che oggi ammiriamo sono il frutto dello spietramento secolare delle campagne. Non sono quindi un ecologista ad oltranza, come sostiene qualcuno, però dico: una centrale a biomasse a Lecce va bene, ma tante centrali no: meglio assecondare le vocazioni dei territori. E quindi, cosa c'entra una centrale nucleare ad Avetrana? Chi si farebbe più il bagno al Bacino Grande? Le centrali le abbiamo già, in Puglia, stanno a Brindisi. E, se federalismo energetico ha da essere, federalismo sia: non sta scritto da nessuna parte che la nostra regione debba produrre energia per tutto il Paese».

In sintonia Sandro Frisullo, vicepresidente della Regione, che ha posto l’accento sugli alti costi di smantellamento delle centrali e sul problema delle scorie, rivendicando l’impegno della giunta Vendola in materia di energie rinnovabili e la possibilità, per la Puglia, di ospitare per intero una filiera produttiva delle stesse, che oggi il territorio si limita ad assemblare. Paolo Perrone, sindaco di Lecce, ha invece evidenziato come sia importare limitare i consumi, oltre che produrre energia. Anche gli enti locali possano fare molto, infatti, per alleggerire il peso energetico collettivo: «Il Comune di Lecce paga 4 milioni di euro di bolletta, tra consumi interni e di pubblica illuminazione, così lo sforzo dell’amministrazione comunale che presiedo va nel senso di contenere fortemente gli sprechi, anche con la promozione di tecniche di costruzione atte a ridimensionare i consumi energetici. Ma sono ottimista, al riguardo», ha concluso il primo cittadino leccese, «perchè mia figlia, che ha nove anni, si comporta ad esempio nei confronti dell’acqua in maniera decisamente più responsabile rispetto a me quando avevo la sua età».

Il convegno si è concluso con l'appello del presidente del Consiglio Nazionale degli Ingegneri, Paolo Stefanelli, al governo: «Si faccia presto la Conferenza dell’Energia e dell’Ambiente, per arrivare all’approvazione di un Piano energetico nazionale. E gli ingegneri, 207mila iscritti in tutte le province d’Italia, sono pronti a fare a dare il loro contributo».

Articoli correlati

  • Proposta indecente: armi "beni essenziali" esenti da iva
    Disarmo
    Commissione UE: armi " beni essenziali"

    Proposta indecente: armi "beni essenziali" esenti da iva

    Sinistra Europea nell’Europarlamento ha lanciato una campagna per bloccare l’iniziativa: "La proposta di finanziare con le nostre tasse, attraverso l’abbattimento dell’Iva, il commercio delle armi, è una proposta semplicemente criminale", ha commentato Paolo Ferrero, vice presidente di SE
    13 novembre 2021 - Gregorio Piccin
  • Abolizione nucleare e diritto alla pace: l'attivismo in piazza
    Ecologia
    Cop26 Glasgow, respingiamo l'innaturale alleanza nucleare-rinnovabili

    Abolizione nucleare e diritto alla pace: l'attivismo in piazza

    E' molto grave la dichiarazione della presidente della Commissione UE, al termine del vertice del 23 ottobre: "Il nucleare serve all'Europa per fare i conti con la crisi energetica".
    30 ottobre 2021 - Laura Tussi
  • Lettera a Virginio Bettini. A un anno dalla sua scomparsa
    Cultura
    In Memoria di Virginio Bettini

    Lettera a Virginio Bettini. A un anno dalla sua scomparsa

    È occorso parecchio tempo per preparare il tuo libro postumo perché come tu ci hai chiesto, necessitava dei contributi di due tuoi cari compagni. Il primo contributo di Maurizio Acerbo e il secondo di Paolo Ferrero
    21 settembre 2021 - Laura Tussi
  • Carla Fracci: la grande étoile era una testimonial contro il nucleare
    Pace
    Una donna per la pace

    Carla Fracci: la grande étoile era una testimonial contro il nucleare

    Ricordiamo il suo impegno civile per la messa al bando delle armi nucleari. Leggeva poesie il 6 agosto per ricordare Hiroshima e Nagasaki.
    28 maggio 2021 - Patrizia Sterpetti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)