Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Contestazioni e auto in fiamme: Ferrero, pomeriggio di fuoco

il nuovo leader di Rifondazione, uscito vincitore dal congresso che lo ha visto duellare proprio con Vendola, ha scelto la più grande fabbrica del Mezzogiorno per il suo esordio. Lite tra alcuni operai e il segretario.
1 agosto 2008
Giovanni Di Meo
Fonte: Repubblica

- TARANTO - Gli operai dello stabilimento Ilva di Taranto contestano il nuovo segretario del partito della Rifondazione Comunista, Paolo Ferrero. Intanto, le loro macchine bruciano, in un incendio di grosse dimensioni divampato in un parcheggio secondario della grande fabbrica che domina sul capoluogo ionico.

È accaduto nel primo pomeriggio di ieri: il nuovo leader di Rifondazione, uscito vincitore dal recentissimo congresso che lo ha visto duellare proprio con il governatore della Puglia Nichi Vendola, ha scelto la più grande fabbrica del Mezzogiorno per il suo esordio da erede di Fausto Bertinotti. E non è stato un inizio facile.

Davanti alla portineria "D", quella in cui maggiore è l´andirivieni dei lavoratori, Ferrero ha dovuto saggiare la rabbia delle tute blu. Una decina di operai infatti lo ha affrontato a brutto muso: i dipendenti dell´Ilva gli hanno contestato un atteggiamento troppo morbido nei confronti della grande industria da parte del partito e del governo Prodi, del quale Ferrero era ministro per la Solidarietà sociale.

Al neosegretario del Prc sono state rinfacciate le difficili condizioni di vita nella città che ospita lo stabilimento, sia sul fronte economico ed occupazione che su quello, drammatico, della questione ambientale e dell´inquinamento.

«Io conosco i problemi della fabbrica, perché è dalla fabbrica che vengo. Se ho scelto di cominciare da qui, un senso lo ha, ed è quello che Rifondazione mette al centro del suo impegno la condizione dei lavoratori, degli operai, impegnandosi a contrastare con forze le politiche del governo e di Confindustria» è stata la replica dell´ex ministro. Che non ha risparmiato un duro attacco all´Ilva ed al patron Emilio Riva. «Questa azienda - è stato l´affondo di Ferrero - fa così tanti profitti che non c´è da scegliere tra il diritto alla salute e quello al lavoro.

Cercheremo di far scucire da Riva i soldi per mettere a posto lo stabilimento, tanto sul versante dell´ambiente quanto su quello degli infortuni, sino agli stipendi ed al diritto al lavoro. Siamo qui a dire che daremo aiuto ai lavoratori nella vertenza che ci sarà in autunno, così come ci impegneremo per bloccare il governo Berlusconi con le azioni di peggioramento delle condizioni di vita che sta attuando. Non ci sono elezioni all´orizzonte, non veniamo qui per portare a casa qualche voto».

«Positive» per il nuovo segretario di Rifondazione comunista, le cose fatte dal compagno di partito Vendola, in riferimento alla lettera a Berlusconi sul caso diossina. Mentre Ferrero parlava ai lavoratori, proprio le macchine degli operai parcheggiate nei pressi della Portineria Imprese bruciavano in un incendio divampato in un´area di sosta utilizzata dai dipendenti del Siderurgico. Una ventina le vetture rimaste coinvolte.

Di queste, dieci sono andate distrutte mentre le altre hanno riportato gravi danni. Ad andare bruciati anche tre ettari di pineta. Sono intervenuti cinque mezzi dei vigili del fuoco distaccati all´interno dello stabilimento siderurgico. Sul posto anche polizia e carabinieri, per i quali le cause dell´incendio sarebbero accidentali. A dare origine alle fiamme, forse, un mozzicone di sigaretta.

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)