Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

Losappio «Ilva, saremo inflessibili sull'Aia»

Da Palazzo di Città appoggio alla linea regionale: «Dobbiamo recuperare il tempo perduto, la diminuzione dell'inquinamento fatta registrare dagli ultimi rilevamenti ancora non basta». La Provincia: «Lo stabilimento siderurgico dell'Ilva deve diventare il più compatibile d'Europa».
6 agosto 2008
Cesare Bechis
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

- TARANTO — Diminuire l'inquinamento mantenendo i livelli attuali di produzione di acciaio. E' questo l'obiettivo da raggiungere nello stabilimento siderurgico Ilva di Taranto. Il sistema pubblico respinge l'equazione che più si produce e più si inquina, la ritiene inaccettabile. Anzi stringe i tempi per l'adeguamento degli impianti tarantini alle esigenze dell'ambiente e della salute collettiva.

A settembre sarà effettuata una ricognizione in acciaieria per verificare lo stato di avanzamento della così detta ambientalizzazione, cioè degli interventi indicati nel protocollo d'intesa per contrastare le fonti d'inquinamento. I risultati di quest'accertamento saranno poi al centro di un confronto dal quale potrebbe scaturire la necessità di ulteriori migliorie, ora non previste. E' questa la linea d'azione su cui intendono muoversi le istituzioni pubbliche (Regione, Provincia, Comune), naturali controparte dell'imprenditore privato Emilio Riva titolare dell'acciaieria tarantina.

Per ottenere il risultato più utile ai cittadini e all'ambiente, e compatibile con le necessità produttive industriali, nel procedimento dell'autorizzazione integrata ambientale (Aia) saranno introdotti due elementi vincolanti per l'azienda: tempi certi e abbreviati rispetto a quelli indicati fino ad oggi per l'applicazione dei sistemi antinquinamento e i limiti da non superare per le emissioni non solo dell'area di agglomerazione (diossine) ma anche per quelle della cokeria fino ad oggi trascurate.

Ilva, in sostanza, potrebbe essere indotta a rivedere il proprio cronoprogramma sulla base delle indicazioni che l'organo tecnico-scientifico della Regione, l'agenzia regionale per la protezione dell'ambiente (Arpa), fornirà. «Se nel procedimento dell'Aia - ha esplicitamente detto l'assessore regionale Michele Losappio durante l'incontro con la stampa a Palazzo di città - introdurremo dei tetti per le sostanze nocive e il tetto non viene rispettato dall'azienda non concederemo l'autorizzazione integrata ambientale che autorizza il funzionamento dell'industria».

Dopo la terza campagna di rilevazione sulle diossine conclusa l'altra settimana, ieri mattina è stato fatto il punto sulla situazione partendo dai risultati ottenuti. A Palazzo di città erano presenti i rappresentanti delle istituzioni Regione (Losappio), Comune (Stefàno), Provincia (Florido), Statte (Piccoli), e il direttore generale dell'Arpa Giorgio Assennato. Le emissioni di diossine e furani, con l'applicazione del metodo-urea, sono diminuite. Ma, è stato sottolineato, questo sistema non è sufficiente tanto è vero che il valore di 2.5 nanogrammi per metro cubo registrato durante i campionamenti è ben lontano dal valore pari a 1 che si vuol raggiungere a Taranto.

Per questa ragione sarà necessario introdurre altri tipi di interventi già a disposizione delle industrie che vogliano impegnarsi in questa direzione. L'assessore Losappio ha confermato che «indipendentemente dal protocollo d'intesa è decisivo per il rilascio dell'Aia l'inserimento di nuovi interventi nel protocollo accompagnati da tempi certi e limiti adeguati».

Secondo il presidente della Provincia, Gianni Florido, «lo stabilimento dell'Ilva deve diventare il più compatibile d'Europa » e ha messo in evidenza che «con la giunta Vendola c'è stata un'accelerazione dei tempi di applicazione delle misure». Vuole recuperare «il tempo perduto» il sindaco di Taranto Ezio Stefàno secondo il quale «la diminuzione degli ultimi rilevamenti ancora non basta».

Articoli correlati

  • Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda
    Taranto Sociale
    "La siderurgia di Taranto è un cavallo morente"

    Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda

    Secondo Peacelink, “occorre un piano B per le aree di crisi, fra cui Taranto, basato sulle bonifiche e su una riconversione economica finalizzata alla transizione ecologica. Lo stabilimento Ilva di Taranto non ha un futuro né.economico né ecologico”.
    22 novembre 2022 - AGI
  • Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva
    Laboratorio di scrittura
    Un video emozionale girato nel quartiere Tamburi di Taranto

    Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva

    Questa è la foto che suggella un lavoro fatto con passione, per documentare, con il video "La polvere negli occhi", la storia della lotta contro il disastro ambientale di Taranto e per tentare di salvare una comunità da una tragedia che ha segnato la storia di tante persone, di tante famiglie.
    23 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
  • Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori
    Ecologia
    Le dichiarazioni di Alessandro Marescotti presidente di PeaceLink

    Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori

    "Siamo solidali con le preoccupazioni dei lavoratori ILVA ma occorre una riconversione ecologica dell'economia. Lottiamo insieme per fermare la guerra che ha generato un disastro economico"
    22 novembre 2022 - Redazione PeaceLink
  • Inquinamento e violazioni dei diritti umani in Italia
    Ecologia
    Il Rapporto ONU sull'inquinamento in Italia

    Inquinamento e violazioni dei diritti umani in Italia

    Il Relatore Speciale delle Nazioni Unite ha visitato l'Italia dal 30 novembre al 13 dicembre 2021. Il Rapporto tocca Porto Marghera, l'inquinamento da PFAS in Veneto, la terra dei Fuochi, l'ILVA di Taranto, Livorno, i pesticidi, i rifiuti e altro ancora.
    14 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)