Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Diossina a Taranto, Idv chiede a ministro "stato emergenza"

I deputati dell'Italia dei Valori hanno rivolto un'interrogazione al ministro del Lavoro, Salute e Politiche sociali, Maurizio Sacconi, chiedendo se non ritenga di dichiarare lo stato di emergenza sanitaria a Taranto alla luce dei rilevamenti sulle emissioni di diossina dello stabilimento siderurgico Ilva.
25 novembre 2008
On. Zazzera & On. Palagiano

Per sapere - premesso che:
-
secondo il dossier di PeaceLink pubblicato il 21 ottobre 2008 sulla pagina web www.peacelink.it/editoriale/a/27369.html a Taranto si concentrerebbe il 92 per cento della diossina nell'ultima versione dell'inventario nazionale delle emissioni loro sorgenti (INES) - dati 2006 - che e' calcolata rispetto alle emissioni complessive stimate per la grande industria; secondo i dati aggiornati al 2006 nell'aria di Taranto si accumulerebbe una diossina pari a 91,5 grammi/anno, valore ben piu' alto del dato dell'INES 2002, che vedeva un'emissione di diossina pari a 71,4 grammi/anno;

nel febbraio 2008 l'Arpa Puglia ha effettuato misurazioni sul camino E312 dell'Ilva di Taranto stimando un'emissione di 171 grammi/anno; moltiplicando tale valore per 45 anni di funzionamento dell'impianto siderurgico di Taranto si ottiene un valore di oltre 7 chili e mezzo di diossina dispersi nell'ambiente; nell'incidente di Seveso del 1976 sarebbero stati dispersi, sulla base di una stima effettuata dall'OMS, fra i 2 e i 3 chili di diossina (sezione 3.4.1 del rapporto consultabile su www.inchem.org/documents/ehc/ehc/ehc88.htm); pertanto si sarebbero verificate circa tre Seveso» distribuite in un arco di tempo in cui non vi e' stata alcuna forma di informazione e protezione della popolazione (a differenza di quanto e' avvenuto a Seveso);

gli effetti di una esposizione cronica, anche se a basse dosi, sono comunque piu' nocivi rispetto ad un'esposizione momentanea anche se acuta; il 29 ottobre 2008 in un'audizione alla Commissione ambiente del Consiglio regionale pugliese il responsabile delle relazioni istituzionali dello stabilimento di Taranto Girolamo Archina' ha dichiarato che l'Ilva ha installato un elettrofiltro moderno (50 miliardi di investimento) che avrebbe ridotto di 5 volte le emissioni di diossina; questa dichiarazione porta a stimare le emissioni di diossina in oltre 850 grammi/anno per il periodo precedente tale installazione; alla luce di questa recente dichiarazione del responsabile delle relazioni istituzionali dell'Ilva di Taranto si puo' stimare un ammontare complessivo di emissioni in 45 anni che supera i 30 chili di diossina (oltre 10 volte a Taranto il quantitativo di diossina fuoriuscito nel disastro di Seveso);

i valori attuali si sommano a quelli gia' dispersi nell'ambiente in quanto si tratta di inquinanti persistenti e bioaccumulabili (di tutte le sostanze chimiche create dall'uomo le diossine sono tra le piu' tossiche mai studiate); l'unita' di misura della diossina negli alimenti e' il picogrammo (ossia il millesimo di miliardesimo di grammo) dunque bastano 6 picogrammi per grammo di materia grassa per superare il Print date: 24-11-2008 16:40 Pag. 22 limite di legge; bastano dosi bassissime di diossina durante una gravidanza a determinare effetti malformativi sul feto; la diossina riduce le difese immunitarie ed e' cancerogena; le emissioni di diossina sono aumentate nel 2008 (6,9 ng TE/m3) rispetto al 2007 (3,9 ng TE/m3) secondo le misurazioni dell'Arpa Puglia;

l'Ilva di Taranto con i suoi attuali 171 grammi di diossina/anno supera le emissioni industriali annue di quattro nazioni messe assieme, stando agli ultimi dati disponibili del registro europeo Eper (2004) che fornisce i seguenti valori nazionali: Spagna 75,6 grammi/anno, Svezia 20,6 grammi/anno, Regno Unito 68,9 grammi/anno, Austria: 1,5 grammi/anno; alcuni volontari tarantini che si sono sottoposti ad analisi ematiche hanno scoperto di avere tra i valori piu' alti al mondo di diossina (cfr. www.tarantosociale.org/tarantosociale/a/25107.html); tale indagine si sta allargando anche ad allevamenti distanti oltre il raggio di 10 chilometri a conferma del fatto che la diossina e' inquinante e capace di contaminare a grandi distanze; e' stata avviata un'inchiesta da parte della Procura della Repubblica di Taranto in quanto e' stata acclarata la contaminazione di capi di bestiame ovino che hanno pascolato attorno all'area industriale cosi' come rilevato da un articolo pubblicato il 10 ottobre 2008 sul Corriere della Sera; nell'articolo si afferma che la Giunta Regionale pugliese abbia proceduto a deliberare un finanziamento di 160.000,00 euro per l'abbattimento di ben 1.200 animali ovini, distribuiti in sette allevamenti alcuni dei quali in fattorie distanti a 10 chilometri dal sito industriale;

e' noto all'interrogante che nel quartiere Tamburi a Taranto, che sorge a ridosso dell'ILVA, siano stati diagnosticati tra i bambini alcuni casi di tumori al polmone o al rinofaringe che per le caratteristiche interessano prevalentemente l'eta' adulta o senile, e i fumatori incalliti; il dottor Patrizio Mazza, Vice Presidente della sezione tarantina dell'AIL (Associazione Italiana Leucemie) e primario di ematologia presso l'Ospedale Moscati di Taranto, e' arrivato ad una drammatica conclusione: i bambini che vivono a ridosso dell'ILVA, quartiere Tamburi, sono affetti dalla ½sindrome del fumatore» poiche' respirano benzopirene che ha un impatto cancerogeno pari a quello di 7 sigarette giornaliere; 21 ottobre 2008 il Corriere della Sera ha pubblicato un articolo dal titolo "A 13 anni ha il tumore da fumo. È la diossina", dove si descrive il caso di un bambino non fumatore con un quadro clinico di adenocarcinoma del rinofaringe tipico tumore del fumatore incallito;

all'interrogante risulta che nell'ambito delle attivita' previste dal Piano Nazionale per la ricerca dei residui nel periodo 2002-2007 presso il Ministero della salute siano state effettuate 374 analisi per la ricerca di composti organo clorurati, compresi i PCB, le diossine e DL-PCB sull'intero territorio della Regione Puglia, e che di queste analisi per la ricerca delle diossine solo quattro siano state effettuate in provincia di Taranto;

all'interrogante risulta inoltre che dall'anno 2002 all'anno 2007 siano state effettuate dall'ASL di Taranto, su richiesta del ministero della salute, presso l'Istituto Zooprofilattico di Foggia all'interno del piano Nazionale Residui (PNR) e Piano Nazionale Alimentazione Animale (PNAA) per gli anni 2002-2007, 72 analisi sulla diossina e ploriclorobi fenili (PCB) nell'area Print date: 24-11-2008 16:40 Pag. 23 tarantina, risultate tutte sistematicamente e stranamente a norma-:

se il Ministro interrogato sia conoscenza di quanto indicato in premessa, che per la gravita' dei dati riportati presupporrebbe lo stato di "emergenza sanitaria";

se al Ministro interrogato risultino ulteriori e recenti accertamenti sulla diossina nel territorio Pugliese da parte degli organi competenti considerata l'accertata presenza degli alti livelli di diossina a Taranto, nonostante la conformita' delle risultanze delle indagini gia' effettuate nel territorio;

se il Ministro interrogato anche sulla base degli atti depositati presso il ministero, non intenda immediatamente far luce sulla corretta elaborazione dei 72 accertamenti effettuati dalla ASL di Taranto tra il 2002 e il 2007 e tutti risultati conformi, verificando presso gli organi competenti le schede dei rapporti analisi ad essi relative, e se non ritenga opportuno appurare se i suddetti accertamenti siano stati eseguiti presso centri di laboratori accreditati;

se il Ministro interrogato, considerati gli innumerevoli elementi di preoccupazione per la salute pubblica, intenda prendere misure adeguate per salvaguardare la salute dei cittadini e la sicurezza alimentare in un'area ad altissimo rischio di contaminazione; se il Ministro interrogato, considerata l'importanza degli esiti sulle analisi riguardanti i dosaggi di diossina e similari, non ritenga utile rendere questi dati pubblici e accessibili a tutti i cittadini attraverso i siti internet istituzionali. (5-00629)

(Wel/ Dire)
16:31 24-11-08
NNNN

Articoli correlati

  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11
    Ecologia
    Nuovo invito a scendere in piazza

    Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11

    Processo per la morte del piccolo Lorenzo Zaratta, deceduto con un tumore al cervello. Chiediamo giustizia per i cittadini di Taranto e del mondo! Udienza preliminare e costituzione delle parti civili: chiesto il processo per omicidio colposo per nove dirigenti dell'ex Ilva.
    9 ottobre 2021 - Fulvia Gravame
  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)