Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Ilva, Napolitano scrive ai bambini "Anche io volli la fabbrica"

«Mi diedi molto da fare e partecipai a delle battaglie perché si costruisse il grande impianto siderurgico a Taranto. Abbiamo imparato, dopo, che bisognava essere più prudenti». Parole grondanti di amarezza, ma che rispondono ai sentimenti che oggi alimentano la battaglia per l´ambiente che sta mobilitando Taranto.
28 novembre 2008
Mario Diliberto
Fonte: Repubblica

Giorgio Napolitano
«Mi diedi molto da fare e partecipai a delle battaglie perché si costruisse il grande impianto siderurgico a Taranto. Abbiamo imparato, dopo, che bisognava essere più prudenti»: così si esprime il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano nella lettera ai bambini che lo hanno invitato a Taranto per partecipare alla manifestazione contro l´inquinamento prodotto dalle grandi industrie della città, prima fra tutte l´Ilva.

"Conosco la realtà di Taranto e sono particolarmente attento alle problematiche ambientali". Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano risponde ai bimbi di Taranto in prima linea nella battaglia contro l´inquinamento della città.

Quei bimbi lo avevano invitato a Taranto per condividere la lotta per far tornare il cielo blu sopra le loro case.

"Nel corso di un incontro al Quirinale, scrive il presidente nella sua lettera, proprio rispondendo ad una domanda di alcuni studenti di Taranto dissi che bisogna rendersi conto che per tanto tempo il problema numero uno è stato il problema del lavoro, di creare posti di lavoro, specialmente nel Mezzogiorno d´Italia e sembrava che la strada maestra fosse quella di costruire fabbriche».

In questo senso - continua il presidente - ho peccato anch´io: mi ricordo che mi diedi molto da fare e partecipai a delle battaglie perché si costruisse il grande impianto siderurgico a Taranto. Abbiamo imparato, dopo, che bisognava essere più prudenti, e che bisognava mettere nel conto anche tutte le conseguenze negative della industrializzazione. Ma si è dovuti passare per quell´esperienza, per capirlo".

Parole grondanti di amarezza, ma che rispondono ai sentimenti che oggi alimentano la battaglia per l´ambiente che sta mobilitando Taranto. "Ci rivolgiamo a lei come ad un nonno" avevano scritto lo scorso 23 ottobre i piccoli dell´associazione "bambini contro l´inquinamento", presieduta dal pediatra Giuseppe Merico, invitando Napolitano in città.

Insieme alla loro avevano spedito al presidente la lettera degli studenti della scuola elementare "Giusti". Le loro aule sono nel cuore del quartiere Tamburi, costretto a vivere gomito a gomito con le ciminiere della zona industriale. Tra quelle fabbriche troneggiano l´Ilva e la grande raffineria Eni. I tarantini ora hanno scelto di battersi e domani a migliaia scenderanno in strada rispondendo all´appello lanciato dalle associazioni ambientaliste. Nel corteo che si snoderà nel centro cittadino ci saranno anche quei bambini che si erano rivolti al loro Presidente.

Napolitano, però, per ora non verrà a Taranto. Nella lettera, infatti, mediante il suo consigliere Pasquale Cascella, pur ribadendo la vicinanza alla comunità pugliese, il Presidente specifica che non è possibile al momento individuare una data in cui fissare una sua visita in riva allo Ionio. Ma l´appuntamento sembra solo rinviato.

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)