Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Sì a maggioranza alle nuove norme per le emissioni di diossina

Sì a maggioranza della quinta commissione del presidente Pietro Mita (con il voto favorevole anche del consigliere Antonio Scalere, Udc). Sono stati accolti all’unanimità tutti gli emendamenti presentati dal governo e il Centrodestra si è astenuto. Il plauso di Losappio al buon lavoro svolto dall’Arpa e dell’assessorato
5 dicembre 2008

Michele Losappio
Incarta il sì a maggioranza della quinta commissione del presidente Pietro Mita (con il voto favorevole anche del consigliere Antonio Scalere, Udc), lo schema di disegno di legge che contiene le norme a tutela della salute, dell’ambiente e del territorio e i limiti per le emissioni di diossina e furani

“Saremo in aula al più tardi martedì 16, se non addirittura il 9 – ha sottolineato l’assessore all’ecologia, Michele Losappio - la legge è stata votata a maggioranza con l’astensione del centrodestra senza modifiche nei due punti fondamentali che riguardano la quantità delle emissioni e le due date di scadenza, come termini imposti. Quindi, l’impianto ha retto il confronto con la commissione a dimostrazione del buon lavoro fatto dall’Arpa e dell’assessorato.

Sono stati accolti all’unanimità tutti gli emendamenti presentati dal governo. In particolare è stato eliminato il riferimento dei valori limiti di emissioni “riferiti ad un tenore di ossigeno del 15.5% per i gas di scarico”. Ancora, con gli emendamenti sono stati inseriti i riferimenti allo Statuto della Regione Puglia come richiamo normativo e per quello che riguarda il superamento dei limiti, si terrà conto del protocollo di Aarhus.

Confindustria Puglia: che si parta dal 2010
BARI - La Confindustria di Puglia esprime apprezzamento se sono state accolte alcune delle proprie posizioni nel Ddl sulle emissioni di diossina e furani approvato oggi in commissione consiliare alla Regione Puglia, ma ritiene «fondamentale» che sia tenuto in conto un altro emendamento, quello della eventuale deroga alla scadenza del 31 dicembre 2010 perchè il limite di emissione sia portato a 0,4 ngTEQ/Nmc. Lo sottolinea il presidente di Confindustria Puglia, Nicola De Bartolomeo, precisando di non conoscere i contenuti del Ddl così come è stato approvato dalla commissione ma di aver solo letto, per ora, notizie di organi di informazione.

«Apprezziamo – dice De Bartolomeo – se, come viene detto in dichiarazioni e notizie, siamo stati ascoltati, ma vorremmo si tenesse conto anche di un altro nostro emendamento che giudichiamo fondamentale, e non per dilatare nel tempo interventi a tutela della salute». «Per i limiti stabiliti per il dicembre 2010, infatti, occorrerebbe un impianto da realizzare ex novo – spiega De Bartolomeo – che però nell’attuale area dell’Ilva a Taranto non si può realizzare: occorrerà, dunque, un adeguamento dell’attuale impianto da compiere mentre l’impianto stesso continuerà ad essere in esercizio». Questo adeguamento avverrà in quattro moduli per completare i quali – aggiunge il presidente di Confindustria Puglia – «avevamo chiesto che, solo ed esclusivamente nel caso si fosse reso necessario, si prevedesse la possibilità di un’eventuale deroga alla scadenza del 31 dicembre 2010».

Rimangono invariati le scadenze e i valori limiti da raggiungere: entro il 1 aprile del 2009 la diossina e i furano dovranno rispettare il limite di 2,5 ngTEQ/Nmc e a partire dal 31 dicembre del 2010 il limite diventa di 0,4 ngTEQ/Nmc.

Il capogruppo di Forza Italia, Rocco Palese, ha motivato l’astensione in commissione sottolineando delle perplessità circa i tempi, “forse si possono anticipare le date – ha detto – sono disponibile a votare la legge in aula, se riuscite a fornire assicurazioni su questa mia incertezza circa la scadenza del 31 dicembre del 2010, perché sono convinto che esistano gli spazi per poterla anticipare.

Visti gli obiettivi proposti dalla legge di prevenzione e tutela della salute del territorio è evidente che attendiamo dal governo regionale anche risposte di natura finanziaria da esplicitare in aula per il risanamento ambientale complessivo della città di Taranto”.

Pietro Lospinuso (An Pdl), ha chiesto rassicurazioni al governo sulla eventualità che le procedure per la riduzione delle emissioni dell’Ilva non producano danni peggiori della diossina stessa. L’assessore ha sottolineato che al momento l’Ilva non ha presentato alcun progetto “e non esiste nemmeno un crono programma, attendiamo con interesse. “ – ha detto.

“Una legge assolutamente necessaria per la salvaguardia della salute pubblica – ha detto l’esponente della sinistra democratica, Michele Ventricelli – visti i dati registrati dall’Arpa Puglia sull’inquinamento ambientale causato dall’emissione di diossina dall’Ilva di Taranto, che a questo punto, dovrà adeguarsi a quanto previsto dal protocollo di Aarhus ratificato dallo Stato italiano con legge nel 2006”.

Anche il neoassessore al bilancio, Michele Pelillo, ha manifestato la sua soddisfazione per “l’importante iniziativa legislativa che riguarda tutta comunità jonico-salentina. Questa legge ristabilisce l’equilibrio fra diritto al lavoro e diritto alla salute. È una buona notizia soprattutto per i cittadini di Taranto”.

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)