Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

«La anti-diossina è compatibile con la normativa Ue»

Parla la capogruppo dei Verdi al Parlamento europeo Monica Frassoni. Al Parlamento europeo, la legge regionale contro le emissioni, a normativa vigente, è compatibile con la legislazione europea.
19 dicembre 2008
Rosanna Lampugnani
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

ROMA — Secondo Monica Frassoni, capogruppo dei Verdi/Ale al Parlamento europeo, la legge regionale contro le emissioni, a normativa vigente, è compatibile con la legislazione europea.

Onorevole, la Puglia può legiferare in merito alle emissioni?

-
«La competenza legislativa delle Regioni rispetto alla Stato nazionale è questione interna e non riguarda il diritto comunitario. Nel caso specifico la Regione Puglia si appella a un diritto dovere di difesa della salute dei cittadini (vedesi ultimo paragrafo punto 1 pagina 3 del disegno di legge, ndr). Si tratta quindi di un intervento che si basa sull'articolo 117 della Costituzione italiana, così come modificato dalla legge del 2001 che stabilisce competenze e responsabilità tra Stato e Regioni in materia di tutela della salute. Senza entrare in profondità nell'intricata questione, cosi come emersa dalla modifica del titolo V della Costituzione, sembrerebbe che non vi sia un problema di competenza della Puglia se la materia della legge regionale rientra nelle attività di tutela della salute».

Il Parlamento europeo ha legiferato sulle emissioni: sono state prese in esame anche quelle delle acciaierie?

«Il disegno di legge pugliese, pur citando la necessità di adeguamento alla normativa comunitaria, non fa riferimento a specificità. Sembra però evidente, per il soggetto trattato e il riferimento alle Bat (Best avaible techniques) che ci si riferisca alla direttiva Ippc (Integrated pollution prevention and control), introdotta nel 1996 e che ha lo scopo di prevenire e controllare in modo integrato l'inquinamento di aria, acqua e suolo di attività industriali, o agricole, esistenti o nuovi, altamente inquinanti e tra le attività della direttiva vi è anche la produzione e trasformazione di metalli.

La norma prevede che gli Stati forniscano un'autorizzazione all'attività delle stesse imprese che devono adoperare, appunto, le Bat, che avrebbero dovuto essere applicate entro il 30 ottobre 2007. Attualmente l'Italia è sottoposta ad una procedura d'infrazione della direttiva 2008/1/Ce, che ha recepito la precedente. In conclusione si può dire che a priori la Regione Puglia può legiferare in nome della tutela della salute e che vi sia una inadempienza da parte dell'Italia riguardo la direttiva Ippc entro cui ricade l'obbligo di riduzione dell'inquinamento di impianti come l'Ilva».

Articoli correlati

  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11
    Ecologia
    Nuovo invito a scendere in piazza

    Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11

    Processo per la morte del piccolo Lorenzo Zaratta, deceduto con un tumore al cervello. Chiediamo giustizia per i cittadini di Taranto e del mondo! Udienza preliminare e costituzione delle parti civili: chiesto il processo per omicidio colposo per nove dirigenti dell'ex Ilva.
    9 ottobre 2021 - Fulvia Gravame
  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)