Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Rigassificatore, la Regione insiste

Adesso è ufficiale: la Regione Puglia, con atto deliberativo adottato dalla Giunta lo scorso 23 dicembre, ha recepito ufficialmente il parere contrario del comitato regionale VIA alla realizzazione di un terminale di rigassificazione nell´area di Capo Bianco, nel porto esterno di Brindisi.
28 dicembre 2008
Mimmo Consales
Fonte: Repubblica

-
BRINDISI - Adesso è ufficiale: la Regione Puglia, con atto deliberativo adottato dalla Giunta lo scorso 23 dicembre, ha recepito ufficialmente il parere contrario del comitato regionale VIA (valutazione di impatto ambientale) alla realizzazione di un terminale di rigassificazione nell´area di Capo Bianco, nel porto esterno di Brindisi.

Lo ha voluto ribadire a chiare lettere l´assessore regionale all´Ambiente Michele Losappio nel corso di una conferenza stampa svoltasi alla presenza del sindaco Domenico Mennitti e del presidente della Provincia Michele Errico. Il rappresentante della Regione, in ogni caso, ha subito precisato che non si tratta di una decisione tendente ad inasprire ulteriormente i rapporti con il Governo nazionale, bensì di un atto dovuto (a seguito della attivazione di una procedura di VIA) che giunge a conclusione di un anno durante il quale sono stati portati a termine tutti gli adempimenti.

Tale parere è sfavorevole alla costruzione di un terminale di rigassificazione per una serie di motivazioni che sono ben argomentate nella delibera regionale. Si parte da una nota contraria della Sovrintendenza ai Beni architettonici per giungere a quella del Ministero dell´Ambiente che nel febbraio scorso fece rilevare la carenza progettuale in riferimento alla bretella di collegamento con la rete nazionale di distribuzione del gas.

Sul piano della sicurezza, invece, la Brindisi Lng avrebbe sottovalutato i rischi connessi all´effetto "domino" perché non sarebbe stata tenuta in considerazione la presenza di cinque impianti a rischio di incidente rilevante situati ad una distanza massima di due chilometri (Polimeri Europa, Basell, Chemgas, Sanofi-Aventis e Costiero Adriatico). Ed a ciò vanno aggiunte - in relazione all´impatto atmosferico ed idrico - le centrali termoelettriche dell´Enel, di Edipower ed Enipower.

Per queste motivazioni, "in omaggio anche al principio di precauzione", il Comitato regionale ha espresso il parere sfavorevole posto alla base della delibera che adesso sarà notificata al Ministero dell´Ambiente. Va detto che tale pronunciamento non risulta vincolante ai fini dell´esito finale della procedura nazionale di VIA, anche se Losappio ha ribadito che la Regione Puglia difenderà le proprie scelte anche in quella sede. Per il sindaco Mennitti, invece, l´esito della VIA regionale conferma la criticità dell´area di Capo Bianco e non solo per questioni di carattere ambientale, ma anche per i tanti problemi che tale scelta determinerebbe alle attività portuali.

Articoli correlati

  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA
    Editoriale
    Condanne durissime, condannati anche i politici

    Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA

    Nessuno aveva mai parlato della diossina a Taranto prima del 2005. Fummo noi a prenderci la responsabilità e i rischi di denunciarlo pubblicamente. Oggi è una grande giornata di liberazione dopo una lunga resistenza e tante vittime. Venivamo chiamati "allarmisti" ma avevamo ragione noi.
    31 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il momento più duro
    Ecologia
    Riflessioni dopo la condanna di Nichi Vendola

    Il momento più duro

    Sono stata portavoce di Nichi nel 2005 la prima volta che si è candidato alla presidenza della Puglia. Il problema vero è che Nichi ha cercato di avere come interlocutori, e di più, come alleati, i Riva. All’epoca già sotto inchiesta. Parlava di stima reciproca.
    7 giugno 2021 - Francesca Borri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)