Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Ogni realtà ha a suo modo un "muro" da abbattere

Dal muro di Berlino ai nostri muri e poi c'è quello dell'indifferenza

In tanti decenni abbiamo costruito anche noi il nostro muro, il più alto ed inaccessibile: quello dell’indifferenza. Taranto per alcuni decenni ha delegato, preferendo non esporsi, al personaggio forte di turno la soluzione dei propri vecchi e nuovi problemi. Lo scorso anno, in novembre, una parte importante di cittadini ha dato una formidabile picconata a quel muro.
Giancarlo Girardi
Fonte: Corriere del Giorno - 15 novembre 2009

Gentile direttore,
l’anniversario della caduta del muro di Berlino ha avuto nei giorni scorsi il giusto e necessario rilievo sui mezzi di co- municazione. Abbiamo rivisto immagini di venti anni fa, gioia mista ad incredulità, picconate simboliche in un passaggio epocale avvenuto in un modo incruento.
29 Novembre 2008
Gorbaciov uno dei grandi protagonisti di quel tempo fu giustamente insignito, nel 1990, del premio nobel per la pace. Da un decennio era però già partito quel processo economico che porta il nome di globalizzazione, che travolse tutto e tutti e che ha cambiato, pur con tante contraddizioni, quel mondo che abbiamo conosciuto nel secolo scorso.

Non voglio fare un bilancio del trentennio che ci precede perché forse ancora prematuro, anche se ci vede affrontare una crisi gravissima, non prevista, inedita per le nostre generazioni e dagli esiti ancora incerti.
Il “muro” però ha assunto da allora un preciso significato, quello cioè della liberazione da qualcuno o da qualcosa.

Nel vedere l’Italia di oggi occorrerebbe innanzitutto abbattere quello dell’illegalità che ha portato, grazie all’omertà ed al connubio di molti, l’economia del malaffare ad essere la prima holding nazionale con un’evasione fiscale e contributiva che non ha pari nell’Europa di oggi.
La relazione del governatore della Corte dei Conti è illuminante a tal proposito.
Ogni realtà ha però, a suo modo, un “muro” da abbattere. Taranto è attraversata da due lunghi muri che rendono inaccessibili i due arsenali militari, c’è inoltre quello che circonda il più grande centro siderurgico d’Europa, un territorio grande due volte la città, quello relativo ad altre aziende.
Tutti questi muri sembrano difendersi da qualcuno o qualcosa, sembrano quasi farlo dalla nostra città e dai suoi abitanti.

Eppure siamo noi ad essere indifesi verso le grandi fabbriche, anche se in tanti decenni abbiamo costruito anche noi il nostro muro, il più alto ed inaccessibile: quello dell’indifferenza.
Taranto per alcuni decenni ha delegato, preferendo non esporsi, al personaggio forte di turno la soluzione dei propri vecchi e nuovi problemi.

Lo scorso anno, in novembre, una parte importante di cittadini ha dato una formidabile picconata a quel muro, ha portato a casa un pezzo del rilsultato di ciò che chiedeva.
Quest’anno, il 28 novembre, cercherà di fare una breccia ancora più grande.

Altamarea chiederà ancora una volta, come lo scorso anno: lavoro, ambiente e dignità.
Reclamerà non la soluzione individuale di problemi che pure affliggono tante nostre famiglie, ma il diritto alla salute come un benessere collettivo. Lo farà sul terreno democratico e della partecipazione attiva dei cittadini perché partecipare vuol dire contarsi e contare. Proporrà un progetto di cambiamento chiedendo il rispetto elementare della legalità ed il control- lo delle emissioni nocive di tutte le aziende che ospitiamo sul nostro territorio nei parametri che l’Europa ci chiede ed im- pone.

Ecco, Taranto vuole essere una città europea e non di altri continenti.

Articoli correlati

  • Il Giardino dei continenti e della Nonviolenza
    Sociale
    Scampia, ricordata Stefania Formicola, vittima di femminicidio, con una targa

    Il Giardino dei continenti e della Nonviolenza

    A Napoli nel quinto anniversario, posa della targa nel "Giardino dei Continenti e della Nonviolenza". In questo cerchio di fratellanza e sorellanza sono stati presenti anche gli studenti.
    27 ottobre 2021 - Laura Tussi
  • Il Primo Follower
    Consumo Critico
    Per fare la rivoluzione ambientale un leader non basta

    Il Primo Follower

    Come fanno alcune persone a trascinare sempre più followers nella loro "rivoluzione"? Il libro di Sergio Fedele vuole essere un manuale per attivisti ambientali.
    6 ottobre 2021 - Linda Maggiori
  • “Giornata nazionale in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industriali”
    Sociale
    Sabato 9 ottobre alle ore 11 a Roma in piazza Santi Apostoli presidio del comitato 9 Ottobre

    “Giornata nazionale in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industriali”

    Presidio convocato dai parenti delle vittime di stragi come Vajont, Viareggio, ponte Morandi, Moby Prince e anche dai familiari dei morti sul lavoro e da tutte le associazioni che li sostengono. La Giornata nazionale è stata istituita sul ricordo della strage del Vajont del 9 ottobre 1963.
    9 ottobre 2021 - Redazione PeaceLink
  • La Camera dei Deputati si spacca sugli ecoreati
    Ecologia
    L'esame della riforma passerà a settembre al Senato dopo il voto alla Camera

    La Camera dei Deputati si spacca sugli ecoreati

    La maggioranza si è divisa sull'ordine del giorno sugli ecoreati. Il testo, che aveva il parere contrario del governo, è stato respinto con 186 voti contro 181. A favore ha votato il M5s e parte del Pd. La raccolta di firme di PeaceLink continua fino a settembre, quando il testo andrà al Senato.
    3 agosto 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)