Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato Stampa di Altamarea alla vigilia della grande marcia per l'ambiente

Ambiente, lavoro e dignità

Chiediamo di uscire ognuno dal proprio ambito individuale della sofferenza e dei problemi, sabato mattina affermiamo tutti insieme un diritto che ci appartiene, quello alla vita.
27 novembre 2009
Coordinamento "Altamarea"

Logo Altamarea
Anche in autunno può sbocciare la primavera! E’ successo lo scorso anno in novembre, il 29.
Quel giorno fu l’inizio di una nuova stagione, una rinascita per la nostra città.

Oggi questa “marea” è ancora “alta”, come lo è la vigilanza democratica dei tanti cittadini che hanno già partecipato e che ritorneranno a farlo sabato prossimo. Una coscienza civile sempre più diffusa, una consapevolezza che il diritto alla vita, alla salute, al lavoro dignitoso e sano, pur sanciti dalla nostra Costituzione, vanno ricordati, conquistati e consolidati.

Questa città è tornata finalmente visibile e vuole contare per il proprio futuro.
I tanti cittadini e lavoratori che sabato prossimo scenderanno pacificamente e fermamente a manifestare “sentono” da tempo i problemi dell’inquinamento perché li vivono, li comprendono ed indicano la loro soluzione nel rispetto delle leggi e dei termini che l’Europa ci indica, nel rigore e nel controllo pubblico dei dovuti parametri.
Lo fanno sul terreno democratico della partecipazione collettiva, nell’indicare obiettivi concreti da raggiungere a chi di dovere che li deve attuare con proprie e responsabili decisioni istituzionali. La società civile, noi tutti, cittadini semplici ed organizzazioni, oggi sembra essere più avanti rispetto a coloro che non sentendo da troppo tempo più i problemi perché da essi lontani, mentre pensano di avere, spesso a priori, loro soluzioni che si rivelano spesso sbagliate.

E’ ancora la storia di questi giorni.
Ribadiamo, ancora una volta, che non si manifesta contro qualcuno o qualcosa, ma per ottenere il legittimo diritto ad una città diversa, normale come tante altre, in cui ognuno di noi si senta impegnato direttamente alla sua ricostruzione materiale e morale e non deleghi ancora ad altri il proprio destino.
In questa città che amiamo ed in cui l’inquinamento è stato anche di ordine culturale, economico, morale ed istituzionale, noi indichiamo la soluzione alle tante gravi malattie che ci affliggono, nella conquista della salute che ci appartiene e non nella ricerca affannosa di soluzioni individuali come sinora è avvenuto, come l’obiettivo di un benessere collettivo da raggiungere da parte di tutta la cittadinanza.
Per questo chiediamo di uscire ognuno dal proprio ambito individuale della sofferenza e dei problemi, sabato mattina affermiamo tutti insieme un diritto che ci appartiene, quello alla vita.

Quest’anno ribadiremo ancora una volta i nostri tre obiettivi:

AMBIENTE, LAVORO, DIGNITA’.

Note: Il sito del coordinamento Altamarea
www.google.it/group/altamareanews

Articoli correlati

  • Processo Ilva
    Dalle carte dell'indagine Ambiente Svenduto

    Perché Altamarea e PeaceLink erano temute dall'ILVA

    Un breve passaggio che evidenzia l'importanza e l'efficacia dei comunicati stampa "numerosi e costanti"
    31 luglio 2016
  • Altamarea incontra il garante Esposito
    Taranto Sociale
    Comunicato stampa

    Altamarea incontra il garante Esposito

    Chiediamo che il Garante faccia mettere a disposizione del pubblico relazioni, progettazioni, pareri, comunicazioni e pretenda, nel contempo, che le osservazioni che scaturiranno dal pubblico siano esaminate seriamente e debitamente valorizzate. Il Garante deve far sì che gli uffici tecnici degli enti locali si aprano ai cittadini anziché opporre pretestuosi “segreti d’ufficio”
    15 febbraio 2013 - Biagio De Marzo
  • Legambiente: “I nuovi dati confermano la drammaticità della situazione"
    Taranto Sociale
    Ilva, studio Sentieri, a Taranto aumentata la mortalità

    Legambiente: “I nuovi dati confermano la drammaticità della situazione"

    Necessari provvedimenti urgenti e una valutazione dell’impatto sanitario che orienti le prescrizioni dell’Aia
    22 ottobre 2012 - Legambiente Taranto
  • ILVA: A Vendola piace l'AIA (ma non l'ha letta)
    Taranto Sociale
    Comunicato stampa

    ILVA: A Vendola piace l'AIA (ma non l'ha letta)

    Vendola legga le carte prima di fare affermazioni di pura fantasia. Anche perché la prescrizione della magistratura all'ILVA è quella di non produrre e non inquinare mentre l'AIA concessa è l'autorizzazione a continuare a produrre e a inquinare
    22 ottobre 2012 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)