Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Uno mio studente sfinito dal caldo è svenuto e ha sbattuto violentemente la nuca

"Sotto il sole ho perso i sensi e sono caduto all'indietro. Aspettavo di vedere il Sindaco di Taranto"

Alla manifestazione del 29 maggio contro l'inquinamento, il Sindaco di Taranto ha fatto aspettare sotto il sole la gente per ore per poi dire che non voleva rispondere alle domande dei cittadini. E si è sfiorata la tragedia
31 maggio 2010

Oggi ho visto Luca tornare a scuola con una fascia che reggeva la mano e un'aria contrariata. E' un mio studente di 16 anni che aveva partecipato alla manifestazione di sabato. Sapevo che era svenuto per il caldo. Gli ho fatto delle domande.

Sin-in sotto il Municipio di Taranto, 29 maggio 2010


- Con chi eri venuto alla manifestazione?
Con mio padre, le mie due sorelle e mio cugino.

- Per quale ragione hai scelto di partecipare alla manifestazione?
Sono favorevole alla chiusura della cokeria.

- Perché?
Perché è l’impianto che inquina di più dell’Ilva. La maggior parte dei fumi proviene secondo me da là. Voglio una città migliore. Invece nel corso degli anni è andata sempre peggiorando.

- A che ora sei arrivato?
Alle 9.45. E sono rimasto sempre sotto il sole perché nella piazza del Municipio non c’è nessun posto all’ombra.

- Fino a che ora sei rimasto?
Fino alle ore 12.20. Aspettavo che il Sindaco uscisse per ascoltare la sue risposte. Non ho avuto il tempo di vederlo. Sono infatti svenuto pochi minuti prima che uscisse.

- Come sei svenuto?
Cinque minuti prima di svenire non mi stavo sentendo bene. Avevo giramenti di testa e vedevo tutto annebbiato. Mi sono messo una mano sulla fronte perché mi stava girando la testa.
E poi di colpo non sono riuscito a vedere più niente, neanche la mano che avevo vicino agli occhi. Ho fatto due o tre passi indietro, ho perso l’equilibrio e sono caduto a terra all’indietro sbattendo violentemente la nuca. Per fortuna mio cugino mi ha visto cadere e ha tentato di afferrare il mio braccio. Questo piccolo intervento di aiuto ha attutito il colpo della nuca, e forse è stato decisivo. Altrimenti non saprei adesso cosa mi sarebbe successo. Me la sono cavata con una lussazione ad un dito, che ora è ingessato.

- E’ venuta l’ambulanza?
Sì. Hanno controllato la nuca. Fortunatamente non c’era trauma cranico o ematoma. Ma la botta poteva essere peggiore. Se ci fosse stato uno spigolo mi sarei sicuramente rotto la testa.

- Sei stato soccorso subito?
Sì, dalla gente. Non dal Sindaco. Mi sarei aspettato che fosse venuto il Sindaco o almeno qualcuno mandato da lui per accertarsi delle mie condizioni di salute. Non ho potuto ringraziare le persone che mi hanno soccorso perché non conoscevo i loro nomi. Quando ho ripreso i sensi ero steso per terra sul marciapiedi, mi stavano bagnando la testa con dell’acqua e avevano chiamato l’ambulanza. Dopo cinque minuti è arrivata l’ambulanza del Pronto Soccorso e sono stato portato al S.S. Annunziata dove mi hanno controllato la testa, fatto i raggi alla mano e messo un gesso.

- Ti eri disidratato in piazza?
Avevo bevuto una bibita un’ora prima. Nel momento in cui sono svenuto ero al sole. Non c’era ombra in piazza, ero assieme alla gente assiepata sotto il sole per aspettare che il sindaco uscisse dal portone e parlasse con noi.

- Che cosa pensi di tutto questo?
Penso che se il Sindaco fosse uscito prima, invece di far finta di essere occupato, tutto questo non sarebbe successo.

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)