Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Uno mio studente sfinito dal caldo è svenuto e ha sbattuto violentemente la nuca

"Sotto il sole ho perso i sensi e sono caduto all'indietro. Aspettavo di vedere il Sindaco di Taranto"

Alla manifestazione del 29 maggio contro l'inquinamento, il Sindaco di Taranto ha fatto aspettare sotto il sole la gente per ore per poi dire che non voleva rispondere alle domande dei cittadini. E si è sfiorata la tragedia
31 maggio 2010

Oggi ho visto Luca tornare a scuola con una fascia che reggeva la mano e un'aria contrariata. E' un mio studente di 16 anni che aveva partecipato alla manifestazione di sabato. Sapevo che era svenuto per il caldo. Gli ho fatto delle domande.

Sin-in sotto il Municipio di Taranto, 29 maggio 2010


- Con chi eri venuto alla manifestazione?
Con mio padre, le mie due sorelle e mio cugino.

- Per quale ragione hai scelto di partecipare alla manifestazione?
Sono favorevole alla chiusura della cokeria.

- Perché?
Perché è l’impianto che inquina di più dell’Ilva. La maggior parte dei fumi proviene secondo me da là. Voglio una città migliore. Invece nel corso degli anni è andata sempre peggiorando.

- A che ora sei arrivato?
Alle 9.45. E sono rimasto sempre sotto il sole perché nella piazza del Municipio non c’è nessun posto all’ombra.

- Fino a che ora sei rimasto?
Fino alle ore 12.20. Aspettavo che il Sindaco uscisse per ascoltare la sue risposte. Non ho avuto il tempo di vederlo. Sono infatti svenuto pochi minuti prima che uscisse.

- Come sei svenuto?
Cinque minuti prima di svenire non mi stavo sentendo bene. Avevo giramenti di testa e vedevo tutto annebbiato. Mi sono messo una mano sulla fronte perché mi stava girando la testa.
E poi di colpo non sono riuscito a vedere più niente, neanche la mano che avevo vicino agli occhi. Ho fatto due o tre passi indietro, ho perso l’equilibrio e sono caduto a terra all’indietro sbattendo violentemente la nuca. Per fortuna mio cugino mi ha visto cadere e ha tentato di afferrare il mio braccio. Questo piccolo intervento di aiuto ha attutito il colpo della nuca, e forse è stato decisivo. Altrimenti non saprei adesso cosa mi sarebbe successo. Me la sono cavata con una lussazione ad un dito, che ora è ingessato.

- E’ venuta l’ambulanza?
Sì. Hanno controllato la nuca. Fortunatamente non c’era trauma cranico o ematoma. Ma la botta poteva essere peggiore. Se ci fosse stato uno spigolo mi sarei sicuramente rotto la testa.

- Sei stato soccorso subito?
Sì, dalla gente. Non dal Sindaco. Mi sarei aspettato che fosse venuto il Sindaco o almeno qualcuno mandato da lui per accertarsi delle mie condizioni di salute. Non ho potuto ringraziare le persone che mi hanno soccorso perché non conoscevo i loro nomi. Quando ho ripreso i sensi ero steso per terra sul marciapiedi, mi stavano bagnando la testa con dell’acqua e avevano chiamato l’ambulanza. Dopo cinque minuti è arrivata l’ambulanza del Pronto Soccorso e sono stato portato al S.S. Annunziata dove mi hanno controllato la testa, fatto i raggi alla mano e messo un gesso.

- Ti eri disidratato in piazza?
Avevo bevuto una bibita un’ora prima. Nel momento in cui sono svenuto ero al sole. Non c’era ombra in piazza, ero assieme alla gente assiepata sotto il sole per aspettare che il sindaco uscisse dal portone e parlasse con noi.

- Che cosa pensi di tutto questo?
Penso che se il Sindaco fosse uscito prima, invece di far finta di essere occupato, tutto questo non sarebbe successo.

Articoli correlati

  • Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda
    Taranto Sociale
    "La siderurgia di Taranto è un cavallo morente"

    Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda

    Secondo Peacelink, “occorre un piano B per le aree di crisi, fra cui Taranto, basato sulle bonifiche e su una riconversione economica finalizzata alla transizione ecologica. Lo stabilimento Ilva di Taranto non ha un futuro né.economico né ecologico”.
    22 novembre 2022 - AGI
  • Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva
    Laboratorio di scrittura
    Un video emozionale girato nel quartiere Tamburi di Taranto

    Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva

    Questa è la foto che suggella un lavoro fatto con passione, per documentare, con il video "La polvere negli occhi", la storia della lotta contro il disastro ambientale di Taranto e per tentare di salvare una comunità da una tragedia che ha segnato la storia di tante persone, di tante famiglie.
    23 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
  • Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori
    Ecologia
    Le dichiarazioni di Alessandro Marescotti presidente di PeaceLink

    Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori

    "Siamo solidali con le preoccupazioni dei lavoratori ILVA ma occorre una riconversione ecologica dell'economia. Lottiamo insieme per fermare la guerra che ha generato un disastro economico"
    22 novembre 2022 - Redazione PeaceLink
  • Inquinamento e violazioni dei diritti umani in Italia
    Ecologia
    Il Rapporto ONU sull'inquinamento in Italia

    Inquinamento e violazioni dei diritti umani in Italia

    Il Relatore Speciale delle Nazioni Unite ha visitato l'Italia dal 30 novembre al 13 dicembre 2021. Il Rapporto tocca Porto Marghera, l'inquinamento da PFAS in Veneto, la terra dei Fuochi, l'ILVA di Taranto, Livorno, i pesticidi, i rifiuti e altro ancora.
    14 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)