Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Taranto

Noi ambientalisti e i lavoratori dell'Ilva

Un fronte comune è possibile
30 settembre 2012

Il "Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti" in protesta davanti alle portinerie dell'Ilva

COME COMUNICARE CON I LAVORATORI ILVA E FARE FRONTE COMUNE

Raccolgo l'invito di Cataldo Ranieri a fare attenzione alla comunicazione e a non portare nelle manifestazioni la parola d'ordine CHIUSURA SUBITO. La mia posizione è: SE NON TI METTI A NORMA, CHIUDI GLI IMPIANTI POSTI SOTTO SEQUESTRO. E poiché gli impianti sotto sequestro sono vetusti e non possono scendere sotto certi livelli di emissio
 ne che la magistratura ha individuato come irrinunciabili, allora QUESTI IMPIANTI non possono essere autorizzati nell'immediato e non vi possono essere deroghe transitorie per le note ragioni di sicurezza (i morti, i malati). Ma lasciamo aperta alla proprietà la possibilità di dimostrare che POTREBBE mettersi a norma acquistando NUOVI IMPIANTI che siano i MIGLIORI IN ASSOLUTO.
Dobbiamo evidenziare che la chiusura degli impianti non è responsabilità degli ambientalisti o della magistratura ma della proprietà che non vuole metterli a norma applicando l'articolo 8 del dlgs 59/2005 (adozione delle migliori tecnologie). Parliamo di messa a norma non dei vecchi impianti (che non possono rispettare i limiti emissivi indicati dalla magistratura) ma di messa a norma con l'acquisto dei vecchi impianti. Se un camion ha le gomme lisce, le gomme lisce non possono essere messe a norma. Si devono comprare nuove gomme. 
UN CAMION CON LE GOMME LISCE
Cercherò di essere chiaro partendo proprio da questo esempio. 
Se un camionista che trasporta merci gira con le gomme lisce, lo Stato deve obbligarlo a cambiare i pneumatici. Se non li cambia la colpa non è dei pedoni che vengono investiti o dei Carabinieri che lo hanno fermato e gli hanno sequestrato il mezzo, ma è del proprietario del mezzo che non si è messo a norma. Se comunichiamo così la questione avremo tutti dalla nostra parte. E faremo fronte unico con i lavoratori. Annotazione finale: nel frattempo che il camionista mette da parte i soldi per comprare le gomme nuove, nel frattempo che le ordina e le fa montare sul mezzo... il mezzo non può circolare. Non può ottenere l'AIA (diciamo così). I pedoni vengono prima delle merci. So che su questo Cataldo ranieri è d'accordo e non mi soffermo oltre.
FOCALIZZARE LE NEGLIGENZE E LE INADEMPIENZE
Voglio solo dire che il MODO con cui comunichiamo un problema è essenziale, e Cataldo sa comunicare molto bene il concetto che in questo momento INADEMPIENTE è il datore di lavoro. Non escluderei che si possano intentare cause di risarcimento di lavoratori che si dovessero sentire danneggiati dalle NEGLIGENZE di chi ha amministrato l'azienda, la quale ha deliberatamente evitato che i profitti venissero utilizzati per comprare i filtri a manica dell'e312, coprire i parchi minerali, ordinare nuove cokerie o impianti del tipo Corex/Finex, ecc. ecc. Queste NEGLIGENZE che la magistratura giudicherà - io spero - come reati, dovranno essere poste subito dai lavoratori come GRAVE DANNO SUBITO, danno patrimoniale ed esistenziale nel momento in cui da tali negligenze dovesse derivare la cassa integrazione o la perdita del posto di lavoro. Credo che bisogna porre subito al centro del dibattito il SEQUESTRO DI TUTTI I BENI DELLA FAMIGLIA RIVA. Su questo lavoratori e cittadini possono trovare un saldo accordo e unità d'azione.

Articoli correlati

  • Le motivazioni della sentenza ILVA
    Processo Ilva
    Sono state rese note oggi

    Le motivazioni della sentenza ILVA

    In oltre 3.700 pagine la Corte d’Assise di Taranto spiega la sentenza che ha condannato 26 imputati, tra i quali anche alcuni politici (compreso Nichi Vendola). Per i giudici la famiglia proprietaria dello stabilimento era a conoscenza dell’illegalità della gestione già dal momento dell'acquisto
    29 novembre 2022 - Francesco Casula e Andrea Tundo
  • Novità sul "Parco di Lulù" ora denominato "Sorrisi dei Tamburi" al quartiere Tamburi di Taranto
    Taranto Sociale
    Un aggiornamento dalla dottoressa Annamaria Moschetti

    Novità sul "Parco di Lulù" ora denominato "Sorrisi dei Tamburi" al quartiere Tamburi di Taranto

    Il parco è stato donato anni fa dal cantante Niccolò Fani. La pediatra Annamaria Moschetti rinnova la richiesta di sospendere l'immissione di sostanze cancerogene e neurotossiche provenienti dalla vicina area industriale.
    24 novembre 2022
  • Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda
    Taranto Sociale
    "La siderurgia di Taranto è un cavallo morente"

    Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda

    Secondo Peacelink, “occorre un piano B per le aree di crisi, fra cui Taranto, basato sulle bonifiche e su una riconversione economica finalizzata alla transizione ecologica. Lo stabilimento Ilva di Taranto non ha un futuro né.economico né ecologico”.
    22 novembre 2022 - AGI
  • Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva
    Laboratorio di scrittura
    Un video emozionale girato nel quartiere Tamburi di Taranto

    Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva

    Questa è la foto che suggella un lavoro fatto con passione, per documentare, con il video "La polvere negli occhi", la storia della lotta contro il disastro ambientale di Taranto e per tentare di salvare una comunità da una tragedia che ha segnato la storia di tante persone, di tante famiglie.
    23 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)