Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Taranto e la Terra dei fuochi sono proprio uguali?

A proposito dell'incontro "Chiamati a custodire la vita!" dell'11 marzo 2014
Mons. Angelo Scherillo, vescovo di Aversa e don Maurizio Patriciello racconteranno i drammi e le speranze degli abitanti della "Terra dei fuochi" accomunata alla questione ILVA anche nel decreto legge n. 136 del 2013 convertito a febbraio.
10 marzo 2014
Fulvia Gravame

Stasera (11 marzo) nella Concattedrale di Taranto monsignor Angelo Spinillo, vescovo di Aversa, e don Maurizio Patriciello, parroco di Caivano, parleranno del tema “Chiamati a custodire la vita”. Il decreto legge n. 136 sull’emergenza Terra dei fuochi dedica anche 2 articoli all’ILVA e dunque nella mente del legislatore è presente un’assimilazione.

Ci sono somiglianze tra Taranto e la Campania, a cominciare dalla contaminazione della catena alimentare. A Taranto vige il divieto di pascolo per 20 km intorno alla città e quello di coltivazione dei mitili nel primo seno del Mar Piccolo, dopo il ritrovamento di diossina nel pecorino e nei mitili da parte di 2 associazioni ambientaliste. In entrambi i territori le imprese di settore sono crollate e i prodotti agroalimentari sono stati oggetto di un discredito generalizzato. In entrambi si attendono le bonifiche, mentre a Taranto chi inquina non paga. Poi ci sono istituzioni inefficienti: possibile che nessuno si sia accorto dei camion in Campania? Possibile che il Comune di Taranto impieghi quasi 9 anni per chiedere il risarcimento danni ai Riva?

Tutto questo si traduce in una perdita secca di opportunità lavorative in agricoltura, pesca e turismo. Istituzioni spesso sono incapaci non hanno ascoltato i cittadini che hanno reagito con manifestazioni imponenti.
Vi sono però alcune differenze: a Taranto l’inquinamento deriva da una o più industrie, mentre in Campania dall’azione combinata di diversi soggetti tra i quali la camorra ed è più facile sentire sdegno. Il decreto 136/2013 “Terra dei fuochi” contiene “misure volte a garantire la sicurezza agroalimentare in Campania”, mentre nulla prevede in merito per Taranto.

Taranto è un SIN, sito di interesse nazionale, da 27 anni fa; avrebbero dovuto avviare interventi di messa in sicurezza, bonifica, monitoraggio ambientale e sanitario. Anche nella Terra dei fuochi l’inquinamento dura da anni, ma non è stata dichiarata area SIN.

Inoltre, possediamo dati sanitari sugli abitanti di Taranto da due anni, grazie alla perizia epidemiologica di marzo 2012, allo Studio S.E.N.T.I.E.R.I., al Registro tumori e al Rapporto di Valutazione del danno sanitario. Nella Terra dei fuochi invece le indagini epidemiologiche e il Registro tumori sono in ritardo.

Su Taranto ben quattro governi (Berlusconi, Monti, Letta, Renzi) hanno legiferato per autorizzare l’ILVA a produrre in barba alle imponenti proteste della gente, ai provvedimenti della magistratura e ai richiami della Commissione Europea. Il limite di un cancerogeno (il benzo(a)pirene) è stato sospeso nel 2010.

In Campania il decreto “Terra dei fuochi” ha prontamente messo a disposizione risorse per tutelare l’agricoltura e la salute. In Campania alcuni sindaci e i parroci sono intervenuti nelle manifestazioni.

A Taranto l’inchiesta “Ambiente svenduto” ha invece messo in luce discutibili rapporti fra ILVA, Curia e Sindaco. Società civile e magistratura per fortuna hanno colmato questo fallimento, sia a Taranto sia nella Terra dei Fuochi.

La speranza nasce dal fatto che vi è un gran fermento legato alla possibilità di individuare alternative economiche ed ecologiche alla grande industria e che persino alcune associazioni datoriali si sono unite a questa richiesta. Lo stesso vescovo di Taranto ha promosso iniziative di ascolto della cittadinanza e di tipo culturale.

Ma la supplenza di vescovi, magistrati e associazionismo persino datoriale non cancella l’assenza della Politica.

Note: http://www.peacelink.it/calendario/event.php?id=8939&id_topic=30

Articoli correlati

  • Novità sul "Parco di Lulù" ora detto "Sorrisi dei Tamburi" al quartiere Tamburi
    Taranto Sociale
    Un aggiornamento dalla dr.ssa Annamaria Moschetti

    Novità sul "Parco di Lulù" ora detto "Sorrisi dei Tamburi" al quartiere Tamburi

    Il parco è stato donato anni fa dal cantante Niccoò Fani; la pediatra Annamaria Moschetti rinnova la richiesta di sospendere l'immissione di sostanze cancerogene e neurotossiche provenienti dalla vicina area industriale.
    24 novembre 2022
  • Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda
    Taranto Sociale
    "La siderurgia di Taranto è un cavallo morente"

    Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda

    Secondo Peacelink, “occorre un piano B per le aree di crisi, fra cui Taranto, basato sulle bonifiche e su una riconversione economica finalizzata alla transizione ecologica. Lo stabilimento Ilva di Taranto non ha un futuro né.economico né ecologico”.
    22 novembre 2022 - AGI
  • Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva
    Laboratorio di scrittura
    Un video emozionale girato nel quartiere Tamburi di Taranto

    Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva

    Questa è la foto che suggella un lavoro fatto con passione, per documentare, con il video "La polvere negli occhi", la storia della lotta contro il disastro ambientale di Taranto e per tentare di salvare una comunità da una tragedia che ha segnato la storia di tante persone, di tante famiglie.
    23 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
  • Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori
    Ecologia
    Le dichiarazioni di Alessandro Marescotti presidente di PeaceLink

    Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori

    "Siamo solidali con le preoccupazioni dei lavoratori ILVA ma occorre una riconversione ecologica dell'economia. Lottiamo insieme per fermare la guerra che ha generato un disastro economico"
    22 novembre 2022 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)