Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Le promesse del M5s e l'incontro delle associazioni tarantine con il ministro Di Maio

Chiusura dell'Ilva di Taranto, reimpiego dei lavoratori, riconversione e bonifiche

Queste promesse dovranno essere mantenute, altrimenti il movimento, da essere il nostro primo interlocutore, diventerà il primo nemico
19 giugno 2018
Valentina Occhinegro
Fonte: Facebook

Emergenza ILVA. Incontro delle associazioni tarantine del 19 giugno 2018 con il ministro Di Maio

Il Ministro Di Maio si è limitato ad ascoltarci, così come aveva già annunciato in precedenza.

Le associazioni tarantine hanno parlato in modo univoco: chiusura dell'Ilva, reimpiego dei lavoratori, riconversione e bonifiche. Con queste promesse elettorali sono stati eletti i rappresentanti 5 stelle di Taranto e queste promesse dovranno essere mantenute, altrimenti il movimento, da essere il nostro primo interlocutore, diventerà il primo nemico.

Taranto fornisce al governo un'opportunità enorme: dimostrare di essere realmente il "governo del cambiamento"!

Io posso assicurarvi che le associazioni hanno fatto tutto il possibile per fornire un quadro chiaro e preciso, fornendo anche degli strumenti tecnici, utili per attuare il piano di riconversione.

Oggi si è parlato un'unica lingua.

Oggi, a prescindere dal risultato e dalle risposte che avremo, Taranto ha comunque vinto.

 

Il piccolo Lorenzo Zaratta con il padre Mauro, che ha parlato al ministro di Maio raccontando la sua storia nell'incontro a Roma del 19 giugno 2018. Lorenzo è morto di tumore al cervello e gli è stata riscontrata nell'encefalo la presenza di nanoparticelle di origine industriale. La gravidanza di Lorenzo è avvenuta nel quartiere Tamburi di Taranto.

Articoli correlati

  • Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda
    Taranto Sociale
    "La siderurgia di Taranto è un cavallo morente"

    Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda

    Secondo Peacelink, “occorre un piano B per le aree di crisi, fra cui Taranto, basato sulle bonifiche e su una riconversione economica finalizzata alla transizione ecologica. Lo stabilimento Ilva di Taranto non ha un futuro né.economico né ecologico”.
    22 novembre 2022 - AGI
  • Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva
    Laboratorio di scrittura
    Un video emozionale girato nel quartiere Tamburi di Taranto

    Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva

    Questa è la foto che suggella un lavoro fatto con passione, per documentare, con il video "La polvere negli occhi", la storia della lotta contro il disastro ambientale di Taranto e per tentare di salvare una comunità da una tragedia che ha segnato la storia di tante persone, di tante famiglie.
    23 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
  • Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori
    Ecologia
    Le dichiarazioni di Alessandro Marescotti presidente di PeaceLink

    Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori

    "Siamo solidali con le preoccupazioni dei lavoratori ILVA ma occorre una riconversione ecologica dell'economia. Lottiamo insieme per fermare la guerra che ha generato un disastro economico"
    22 novembre 2022 - Redazione PeaceLink
  • Inquinamento e violazioni dei diritti umani in Italia
    Ecologia
    Il Rapporto ONU sull'inquinamento in Italia

    Inquinamento e violazioni dei diritti umani in Italia

    Il Relatore Speciale delle Nazioni Unite ha visitato l'Italia dal 30 novembre al 13 dicembre 2021. Il Rapporto tocca Porto Marghera, l'inquinamento da PFAS in Veneto, la terra dei Fuochi, l'ILVA di Taranto, Livorno, i pesticidi, i rifiuti e altro ancora.
    14 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)