Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
21 luglio 2019
Rosanna Fornaro

Rosanna Fornaro racconta come il padre scelse di occuparsi di terra, di animali e di masserie con determinazione, la stessa che sta dimostrando nel processo "Ambiente svenduto":

Papà non ha mai voluto continuare gli studi ed un giorno durante il pranzo, nonno Vincenzo, suo padre, gli chiese cosa avesse intenzione realmente di fare della sua vita chiamandolo "Cumba' Angelo", e papà onestamente gli rispose che il suo desiderio era avere a che fare con la terra, le masserie, gli animali... insomma gestire le aziende... Quindi dal giorno dopo Cumba' Angelo passò dai pantaloni corti ai pantaloni lunghi, segnando il passaggio dall'adolescenza all'essere adulto e cominciò a svegliarsi ogni mattina tra le tre e le quattro unendosi agli altri operai e trainieri che con i loro muli procedevano ad arare i terreni, a gestire il bestiame, nonostante il dispiacere di nonna Marietta il cui figlio Angelo sarebbe stato sempre "'u piccìnne", anche quando lui avrebbe avuto una sua famiglia... ma lei mai si sarebbe opposta al volere di nonno Vincenzo perché l'amore, il rispetto, la famiglia, il lavoro erano dei cardini non contestabili ma ben radicati. Don Angelo Fornaro da giovane


Papà era solito accompagnare nonno Vincenzo nei suoi giri, nei suoi commerci cercando di carpire ogni informazione utile, ogni segreto che gli potesse servire per essere un buon Capo.... spesso nell'attesa che il nonno finisse le sue commissioni a piazza Fontana, era solito imbattersi in piccole gare a cavallo con lo scieraballe con suo cugino Raffaele attraversando tutto il quartiere Tamburi... alternando vittoria e sconfitta... il legame tra i cugini era sì forte, come forte era però il senso della competizione.
La prima azienda di cui papà si è occupato sostituendo lo storico fattore è stata Santa Colomba situata tra Palagiano e Palagianello, in un periodo in cui vigeva il pieno comunismo e le aziende erano occupate da operai che i sindacati imponevano anche se non necessari, ma papà grazie al suo carattere, sempre compagnone e carismatico, riuscì a conquistare il paese, la fiducia ed il rispetto degli altri fattori e delle loro famiglie, creando un'oasi felice e facendo fruttare e rifiorire Santa Colomba per ben sei anni fino a quando una mattina papà non venne riportato a casa da suo padre e da suo fratello Peppino, gettandolo nello sconforto in quanto gli comunicarono di aver venduto l'azienda.
Sconforto che per fortuna durò poco perché una mattina si presentò a Zitarella, la casa della famiglia Fornaro, donna Amalia Volpicelli che chiese aiuto al nonno per la ricerca di una persona capace di gestire e mandare avanti la sua azienda, La Badia, situata tra Grottaglie e Montemesola visto che l'amministratore di allora, un certo Grassi, aveva comunicato la sua intenzione di lasciare l'incarico e l'azienda. Ed il nonno guardando papà negli occhi rispose a donna Amalia che aveva la persona giusta ed il pomeriggio stesso si recarono a visionare la Badia rendendosi conto di quanto fosse bella.
Finendo per occuparsene per tanti anni. Angelo Fornaro
Papà ha sempre amato e tutt'ora ama la terra, gli uliveti, gli animali... ama le Masserie soprattutto di colore bianco... ama girare per Aziende... ama l'idea dell'allevamento... il senso della gestione dei dipendenti...

#ricordi #papa' #papaallabadia

Pecore alla diossina, la Puglia ordina: abbattetele
Stanziati 160 mila euro.
Il Tar di Lecce ha giudicato ammissibile il referendum sull'attività dell'acciaieria. Delibera della Regione: 1.200 animali vittime dell'inquinamento dell'area Ilva. Le sette masserie «maledette » distano dall'Ilva non più di un paio di chilometri e ne respirano i miasmi. 
10 ottobre 2008
Carlo Vulpio
Fonte: Corriere della Sera

https://www.tarantosociale.org/tarantosociale/a/27407.html

"Ambiente Svenduto" Le ragioni del processo
Daniele Marescotti

Articoli correlati

  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • E' la prima volta che il Comitato 12 giugno sarà parte civile in un processo per morti sul lavoro
    Taranto Sociale
    Comunicato

    E' la prima volta che il Comitato 12 giugno sarà parte civile in un processo per morti sul lavoro

    Si tratta del processo al Tribunale di Trani a carico di Luigi Terrone, titolare dell'azienda per la quale lavorava Paola Clemente, la bracciante agricola che morì a 49 anni il 13 luglio 2015 in un vigneto di Andria, colta da infarto.
    30 novembre 2021 - Fulvia Gravame
  • Normativa sicurezza e infortuni sul Lavoro: Taranto Capitale per un giorno
    Taranto Sociale
    Venerdì 26 novembre ci sarà un convegno nazionale a Taranto

    Normativa sicurezza e infortuni sul Lavoro: Taranto Capitale per un giorno

    Per la prima volta, Bruno Giordano, Direttore Ispettorato Nazionale del Lavoro, sarà a Taranto per partecipare a un importante convegno nazionale e, inoltre, per portare solidarietà ai due Ispettori del Lavoro che, nei giorni scorsi, sono stati aggrediti da un imprenditore del tarantino.
    24 novembre 2021 - Fulvia Gravame
  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)