Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

I dati relativi alle polveri sottili (PM2,5 e PM10) e al biossido di azoto (NO2)

Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile

“L’aria di Taranto non rispetta i limiti dell'Organizzazione mondiale della sanità” dice Peacelink, per la quale “a fronte di una situazione sanitaria fortemente compromessa, la popolazione di Taranto dovrebbe godere di una protezione particolare".
18 giugno 2021
AGI (Agenzia Giornalistica Italia)

ILVA Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile (2) 

Pubblicato: 18/06/2021 09:01 

(AGI) - Taranto, 18 giu. - “Emerge la necessità di reclamare aria pulita, in particolare per i bambini di Taranto, conforme a ciò che è richiesto dall'Organizzazione Mondiale della Sanità” rivendica Peacelink. Che attraverso il suo portavoce, Alessandro Marescotti, fa poi una comparazione fra i limiti di tre inquinanti indicati dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) relativamente a PM 2,5, PM 10 (sono le polveri sottili) e NO2 (biossido di zolfo) e la situazione rilevata, in termini di media annuale, da tre centraline di monitoraggio che fanno capo ad Arpa Puglia, presenti in altrettante aree diverse di Taranto. In termini di microgrammi per metro cubo, che è l’unità di misura per questi inquinanti, Oms sostiene, rileva Peacelink, che “il PM2.5 non deve eccedere 10 microgrammi per metro cubo come media annuale, il PM10 non deve eccedere 20 microgrammi per metro cubo come media annuale e l’NO2 non deve eccedere 40 microgrammi per metro cubo come  media annuale”. Al rione Tamburi, invece, il quartiere a ridosso dell’acciaieria, ora denominata Acciaierie d’Italia (ArcelorMittal Italia e Invitalia per conto dello Stato) la media annuale dei tre inquinanti secondo la centralina Arpa Puglia è invece di 16.10 microgrammi per metro cubo per il PM 2,5, di 30.23 per il PM10 e di 50.87 per l’NO2. Superamenti dei valori Oms in termini di media annuale ci sono anche, segnala Peacelink, per altre due centraline Arpa: in via Machiavelli, sempre nel rione Tamburi, e in via Alto Adige, nella semiperiferia della città. “L’aria di Taranto non rispetta i limiti dell'Organizzazione mondiale  della sanità” dice Peacelink, per la quale “a fronte di una situazione sanitaria fortemente compromessa, la popolazione di Taranto dovrebbe godere di una protezione particolare e dovrebbero essere garantiti gli standard internazionali relativi alle polveri sottili (PM2,5 e PM10) e al biossido di azoto (NO2)”. “Le polveri sottili - rileva infine Peacelink - sono considerate cancerogene dalla Iarc (Agenzia Internazionale di Ricerca sul Cancro)”. Infine, “il biossido di azoto (N02) è un gas irritante per l'apparato respiratorio e per gli occhi che può causare bronchiti, edemi polmonari e morti premature. Contribuisce anche al fenomeno delle ‘piogge acide’". (AGI) 
TA1/DAN


Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile 

Pubblicato: 18/06/2021 09:01 
(AGI) - Taranto, 18 giu. - In attesa della sentenza del Consiglio di Stato, chiamato a decidere in appello sulla sentenza del Tar Lecce che lo scorso febbraio ha ordinato lo spegnimento degli impianti dell’area a caldo dell’ex Ilva di Taranto perchè inquinanti, si fa più intenso il pressing delle associazioni ambientaliste per lo stop alla fabbrica siderurgica. Peacelink, una delle più attive sul fronte anti-Ilva, dichiara oggi che “tutti gli studi predittivi (Vds e Vias) indicano un rischio cancerogeno inaccettabile per l'Ilva”. Le due sigle stanno rispettivamente per Valutazione Danno Sanitario e Valutazione Integrata Ambiente e Salute. Peacelink sottolinea inoltre che “i dati dell'anagrafe comunale indicano eccessi di mortalità anche recenti (calcolati fino al 31 dicembre 2020) nei tre quartieri più vicini al polo industriale se confrontati con quelli più lontani”. (AGI)  
TA1/DAN

Note: Taranto, «L'aria non rispetta i limiti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità» https://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/taranto/1309150/taranto-l-aria-non-rispetta-i-limiti-dellorganizzazione-mondiale-della-sanita.html

Articoli correlati

  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11
    Ecologia
    Nuovo invito a scendere in piazza

    Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11

    Processo per la morte del piccolo Lorenzo Zaratta, deceduto con un tumore al cervello. Chiediamo giustizia per i cittadini di Taranto e del mondo! Udienza preliminare e costituzione delle parti civili: chiesto il processo per omicidio colposo per nove dirigenti dell'ex Ilva.
    9 ottobre 2021 - Fulvia Gravame
  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)