Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Recensione di Nanni Salio, Presidente del Centro Studi Sereno Regis di Torino

    "Educazione e Pace" Mimesis, Milano 2011

    L’Autrice, nota per il suo impegno nel campo educativo, raccoglie e rielabora in questo agile volumetto i suoi principali contributi su temi che fanno parte della più ampia costellazione dell’educazione alla pace: memoria e dialogo, razzismo e antirazzismo, dialogo interculturale, pedagogia della shoah, pensiero delle differenze, cittadinanza planetaria, sostenibilità e trasformazione nonviolenta dei conflitti.
    26 ottobre 2011 - Laura Tussi
  • Il 4 Novembre "Vogliamo la Pace" contro ogni guerra. Il disarmo è l'obiettivo, la riduzione delle spese militari la strategia.

    "Ogni vittima ha il volto di Abele"

    L'iniziativa nonviolenta "Ogni vittima ha il volto di Abele", promossa da importanti istituti di ricerca per la pace, nella sua assoluta compostezza ed addolorata austerita' ha costituito, nel ricordo e nel nome delle vittime, un esplicito appello all'impegno per la cessazione delle guerre, per il disarmo e la smilitarizzazione dei conflitti, per la pace, la democrazia, la legalita' che salva le vite; per la difesa dei diritti umani di tutti gli esseri umani. A mio avviso questi nobili e alti ideali devono essere trasmessi in primis dall'istituzione scolastica.
    6 novembre 2011 - Laura Tussi
  • Lettera aperta a Napolitano

    I responsabili della tragedia delle Cinque Terre siamo noi

    Amministratori, cittadini, elettori: la colpa è nostra, non dei cambiamenti climatici

    Tratto dal blog: Le conseguenze del cemento
    Mauro Galliano
  • Oggi i miei studenti hanno detto cose terribili
    Lettera aperta a Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della Pace

    Oggi i miei studenti hanno detto cose terribili

    L'epilogo vergognoso di questa vergognosa guerra richiede a mio parere una netta condanna della Tavola della Pace. A che e' servito marciare da Perugia ad Assisi per ricordare Capitini se poi i ragazzi vedono torturare Gheddafi senza alcuna immediata presa di distanza di Napolitano e della stessa Tavola della Pace? Lo tsunami della "guerra giusta" oggi ha annichilito decenni di impegno di educazione alla pace e non possiamo continuare a fare finta di nulla.
    25 ottobre 2011 - Alessandro Marescotti

Lo Strappo

Qual è il vero stato d'animo del “popolo di sinistra” dopo la caduta del Governo Prodi? Quanto, in poco meno di un anno, la politica del centro-sinistra ha mostrato di essere vicina a ragioni ed istanze della propria base elettorale?
3 marzo 2007 - Vittorio Moccia

Palamento Italiano

A seguito della caduta del governo Prodi c’era in giro una sorta di martellante e diffusa interpretazione dello stato d’animo del “popolo di sinistra”, propinata, fatte salve rarissime eccezioni, da un fronte comunicativo quanto mai compatto di giornalisti della carta stampata, giornalisti televisivi ed apparati di comunicazione dei partiti. Essa ha raccontato il rimorso per il grave incidente di percorso, dovuto all’irresponsabile azione politica di due zelanti senatori della sinistra radicale, i quali, travalicando il loro mandato (o il volere dei loro mandanti, i segretari di partito) avrebbero osato smarcarsi dalle imperative indicazioni degli apparati interni, differenziandosi per una diversa quanto utopistica posizione pacifista.

La realtà racconta cose diverse.
Quella di un popolo di centro-sinistra, profondamente deluso per i palesi cambi di direzione rispetto alle promesse di intenti eplicitate in interi capitoli del poderoso programma elettorale.

Per cominciare, diciamo che sarebbe finalmente ora di sfatare un mito.
Parlare di pacifisti esclusivamente come di militanti della sinistra radicale significa proporre volutamente una visione distorta del movimento italiano, che da sempre, pare tutti facciano finta di non accorgersene, è arricchito da una assai composita umanità, fatta di movimenti ed associazioni pacifiste religiose e laiche, comitati antimilitaristi, volontari, ambientalisti, non violenti, militanti politici (spesso di base), liberi cittadini, non sempre omologabili alle classiche categorie da telegiornale.
Bandiera della pace

Parecchi rappresentanti politici, in Italia, sembrano aver dimenticato l’iniziativa di "Pace da tutti i balconi", che inondò le strade d’Italia con i colori dell’arcobaleno, testimoniando un profondo sentimento antimilitarista con cui si disconosceva apertamente il coinvolgimento militare italiano, dell’allora governo di destra, nelle follie della guerra.
Ed è ad esempio veramente sorprendente ascoltare, dai partiti del cosiddetto centro cattolico, continui piagnistei e rivendicazioni ipocrite in merito alla lotta sui Dico, e non sentire mai una sola parola sull’urgenza di porre un freno immediato all'accelerazione verso le posizioni pericolosamente militariste degli ultimi governi, incluso quello Prodi.
Vorremmo ricordare a questi strenui difensori della moralità cattolica, le parole di uno dei tanti "pacifisti della sinistra radicale", il vescovo di Caserta Nogaro Guerra in Palestina “Impossibile, ma reale è la guerra. Sempre criminale è la corsa agli armamenti, ma c’è. La guerra e la produzione delle armi sono il male assoluto. Rappresentano l’ingegno e il programma della distruzione degli esseri umani[…] Quando la ‘vittima’ diventa una ragione della storia, si fa strada quella cultura della morte, che permette ogni menzogna e ogni mistificazione. Allora vengono chiamate ‘operazioni umanitarie’ le guerre preventive (la guerra ad ogni costo), perché alla funzione di esportare democrazia e libertà. Vengono dette “missioni di pace” i più disparati generi di invasione armata, perché ‘la missione necessaria oggi è quella del soldato che va a morire per gli altri’”.

Joint Strike Fighter

Affermava Angelo Monelli, dei Verdi, neppure qualche settimana fa, che le spese militari hanno subito, col governo Prodi, un incremento dell’11% rispetto all’ultima finanziaria, pari a circa tre miliardi di euro.
Veniamo di recente a sapere che un sottosegretario del governo Prodi, il senatore Lorenzo Forceri, si è recato, quasi in segreto, a Washington per firmare un accordo che ratifica l’acquisto di 133 caccia bombardiere d’attacco, i Joint Strike Fighter, per un costo totale di 13 miliardi di euro, non inclusivi delle spese di trasporto, manutenzione, addestramento, etc. Cifre da capogiro - come fa ben notare Fo [1] - per un governo che aveva promesso solo missioni di pace ed umanitarie.

Studenti manifestano a Vicenza

Vicenza. Li abbiamo visti questi pericolosi “terroristi” (terrorismo come spauracchio sempre pronto ad essere tirato fuori dal cilindro nei momenti più indicati). Li abbiamo visti sfilare per le strade della città, per manifestare alcuni sacrosanti diritti: il diritto alla pace e soprattutto il diritto ad una partecipazione dei cittadini a tutte le scelte, che in maniera palese comportino chiari impatti ambientali, come quando avviene nel caso dell’ampliamento o dell’insediamento di una base militare.
Giusto a confondere ulteriormente le idee, si ricorda che l’Italia, quale membro NATO, ha il dovere di cooperare con le altre nazioni del Patto Atlantico, fornendo l’adeguato e doveroso supporto.
Senza entrare nel merito di quest’affermazione, si racconti piuttosto che a Vincenza si propone l’insediamento di una base USA (nulla dunque a che fare con i patti NATO) in virtù dei più antichi e vincolanti accordi bilaterali del ‘54 fra Italia e Stati Uniti, relativi a basi e servitù militari. Le basi USA di cui parliamo, sono il più delle volte operanti in un regime di totale extragiurisdizionalità. Servitù militari che per l’Italia comportano un onere in termini di sostegno economico ai costi d’insediamento e mantenimento, per circa il 37% del totale.

L’Italia, non si può negarlo, è un gran paese!
Approva e sottoscrive a livello europeo una serie di direttive; a volte addirittura legifera in conformità con tali norme, e poi non si prende cura di rispettarle.
Mezzi militari nel Golfo di Napoli

Preferiamo non dilungarci, in questa sede, in merito allo scandalo tutto italiano della direttiva Euratom, tradotta anche in una legge, che imporrebbe alle prefetture italiane di predisporre e divulgare piani di emergenza per gli 11 porti italiani in cui transitano mezzi militari basati su tecnologia nucleare. Le maggior parte delle prefetture interessate si rifiuta di applicare tali direttive, al punto da condurre l’Italia al deferimento alla corte europea di giustizia, col governo di sinistra in atteggiamento silente.
Parliamo piuttosto dell’ennesima convenzione europea, ratificata dal Bel Paese, quella di Aarhus, che “stabilisce il diritto, per il pubblico interessato, di partecipare ai processi decisionali relativi all'autorizzazione di determinate attività, per lo più di natura industriale, aventi impatto ambientale significativo, nonché all'elaborazione di piani, programmi, politiche e atti normativi adottati dalle autorità pubbliche. Agli interessati deve essere garantita la possibilità di presentare osservazioni, di cui le autorità pubbliche devono tener conto”.
Nulla di questo viene applicato per Vicenza, per la quale stanno in queste ore già partendo le prime verfiche per l’insediamento USA.
Santuario dei Cetacei Nulla di questo intende fare il "rinnovato nello spirito" governo Prodi, in merito alla drammatica questione rigassificatori, che è diventata una delle 12 priorità della azione politica dei prossimi mesi.
Parliamo di inutili bombe ecologiche a tempo, che, si pretende vengano ad esempio costruite accanto ai serbatoi Agip del porto di Taranto o a Livorno, nel bel mezzo del Santuario dei Cetacei, area marina protetta, sulla carta, da leggi nazionali ed internazionali perché considerata area speciale per il suo ecosistema e dunque patrimonio dell'Umanità.
Riferisce Report (Rai 3) [2]: “L’Italia da nord a sud è allacciata alla rete internazionale dei paesi produttori, ma in Italia si vogliono costruire una decina di rigassificatori, in buona parte piazzati in mezzo ad altri impianti di gas e di liquidi infiammabili”. Rigassificatore In alcuni casi si tratta, caso unico al mondo, di impianti galleggianti, e dunque altamente instabili: “Al seguito del fluttuare della nave si può arrivare a una variazione di stato, per cui il gas passa da liquido a gassoso all’interno della nave, anche se ci sono dei dispositivi per evitare questo fatto, e quindi si può arrivare a uno scoppio delle cisterne con fuoriuscita di nuovo del gas. Questo gas si vaporizza perché l’acqua di mare cede calore e si vaporizza anche piuttosto rapidamente e si formano nubi, le quali nubi possono incendiarsi in loco, per esempio arrivano i soccorritori, una scintilla e si incendia tutto.”
In uno studio Eni del 2003 ad uso interno, riferisce sempre a Report un giornalista di Carta, emerge che con due soli rigassificatori in Italia ci sarebbe più gas di quello che il paese sarebbe capace di consumare.
Per di più in Italia, nel periodo dell’emergenza energetica di Gennaio 2006, "il gas c’era ma conveniva farci elettricità da vendere all’estero"... e si lasciavano gli italiani al buio.
Il Dio profitto sulla pelle dei cittadini. Il tutto con la tacita connivenza di questo gran bel governo di centro-sinistra, che invece di puntare a risparmio energetico e fonti rinnovabili, a rigidi vincoli costruttivi per le nuove abitazioni o ancora ad incentivi ai cittadini per le nuove forme di "energia pulita", punta a costruire decine di rigassificatori nei pressi dei porti italiani.

Ultima questione che sembra incendiare gli animi di questi "pessimi estremisti di sinistra": la TAV. Treno ad Alta Velocità


Sia ben chiaro: chiunque ha a cuore le tematiche ambientaliste dovrebbe preferire il trasporto su rotaia al trasporto su gomma. La TAV, in questo senso, potrebbe rappresentare un’opportunità, perché i margini per un rientro economico basato sul solo trasporto umano, sarebbero pressocchè inesistenti. Incardinare una rete di trasporto efficiente ai sistemi di trasporto locali ed ai porti di scambio, potrebbe apportare indubbi benefici alle economie del paese.
Ma i costi della TAV sono triplicati negli anni [3], a causa dello spaventoso sperpero di danaro pubblico versato su consulenze multimilionarie, aziende private, lavori mal eseguiti (interi tratti ferroviari fatti e rifatti pìù di una volta) e dunque fuoriuscite incontrollate di danaro verso i mille rivoli dell’affarismo. Oltre a questo danno, che ricade integralmente sulle casse dello Stato, ovvero ruba nelle tasche dei cittadini, si vorrebbe ancora una volta, con atti d’insopportabile tracotanza, procedere con i lavori per la TAV in zone in cui produrrebbero elevatissimi rischi ambientali e ricadute nefaste sulla popolazione dei luoghi coinvolti.
Al “progresso” non si può andare incontro calpestando la vita delle persone, e non è certo il fatto che a procedere sia “un governo di sinistra” a rendere meno gravi o più accettabili queste disastrose scelte.

La delusione è dunque grande. Questo nuovo centro-sinistra, in un anno scarso di operato, non ha saputo colmare la voragine di disillusioni che separa i cittadini dalla politica, che allontana giorno dopo giorno la società civile dai palazzi.
Viviamo una democrazia bloccata: bloccata da un imprenditore che ha confuso la gestione delle sue aziende col governo di un paese, costringendo i partiti di destra e di sinistra a produrre spericolate alleanza politiche.
Una democrazia bloccata da un centro-destra servo del suo padrone, e da un centro-sinistra che non riesce a ritrovare se stesso, che non avverte il distacco, non comprende che la sua esistenza non può prescindere dal ricostruire legami di credibilità con la propria base elettorale, magari cominciando da un serio rinnovamento delle proprie strutture di partito.
Lo strappo è ancora una volta compiuto, i nostri rimpianti per la caduta del governo Prodi sono veramente minimi.

Vittorio Moccia
v.moccia@peacelink.it

Note:

[1] http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=63587
[2] http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%5E1068853,00.html
[3] Travolti dall''Alta Voracità - C.Cancelli, G.Sergi,
M.Zucchetti, Ed. Odradek

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy