CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Adesso può baciare lo schermo
    Aumentano i matrimoni “virtuali”

    Adesso può baciare lo schermo

    Internet rivoluziona il giorno più bello per antonomasia
    16 dicembre 2013 - Sarah Maslin Nir
  • Gli adolescenti e il social network
    È vero che gli adolescenti che socializzano troppo online non sono più capaci di comunicare di persona? Secondo Clive Thompson i fatti parlano diversamente.

    Gli adolescenti e il social network

    E se ne traessero dei vantaggi?
    25 novembre 2013 - Clive Thompson
  • Notte bianca della rete
    Ieri a Roma le associazioni hanno promosso una "notte della rete" per la libertà di espressione e di informazione

    Notte bianca della rete

    Continua con incontri e dibattiti la protesta di chi ritiene incostituzionale che un'autorità amministrativa possa modificare i contenuti di un sito, senza l'intervento di un giudice
    6 luglio 2011 - Lidia Giannotti
  • Countdown Internet Italia?

    Countdown Internet Italia?

    Da domani 6 luglio l'Agcom potrà oscurare siti internet accusati di violare il diritto d'autore.
    5 luglio 2011 - Loris D'Emilio

Alta tecnologia e brevetti facili

20 settembre 2003 - Franco Carlini
Fonte: Il Corriere della Sera - 20 Settembre 2003
Mai avremmo creduto di dover prendere le difese del monopolista Bill Gates, ma è una scelta obbligata di fronte a una sentenza emessa nello scorso agosto e confermata come valida la settimana scorsa. Una piccolissima azienda californiana, la Eolas, ha citato in giudizio il colosso del software perché nel programma Internet Explorer è incorporato un algoritmo che permette di lanciare dall' interno dello stesso i «plug-in» (gli accessori) che per esempio consentono di vedere animazioni tridimensionali. Il brevetto violato è del 1998 e lo scopo della causa è senza dubbio di forzare la Microsoft a una sanatoria milionaria, per poi passare a riscuotere anche dagli altri produttori di software per l' Internet come la norvegese Opera o i programmi Open Source tipo Mozilla. Se non si arrivasse a un accordo, milioni di pagine web che usano tali tecniche dovrebbero essere modificate. In palio dunque c' è una montagna di soldi, grazie a un giudice incompetente, all' attività parassita degli inventori e alla generosità eccessiva con cui l' Ufficio Brevetti americani approva le «invenzioni» software. I supposti inventori presero infatti un programma libero come Mosaic, il primo navigatore, e vi inserirono la propria applicazione; quest' ultima non ha caratteristiche di novità significative, come si richiederebbe a un brevetto. Ovviamente la solidarietà con Bill Gates si ferma qui anche perché la stessa Microsoft nei mesi scorsi ha stretto un' alleanza con una società dello Utah, lo Sco Group, la quale, a corto di soldi, va tentando una simile operazione legale nei confronti del sistema operativo Linux: sempre si mandano gli avvocati presso le aziende con le tasche gonfie, sperando che queste accettino più facilmente una transazione, ma questo è un modo un po' patetico di innovare. fc@totem.to WEB-ECONOMY
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)