CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

TENDENZE È nato un progetto editoriale che prende i contenuti creativi dalla rete e li stampa

Contrordine: dal web si ritorna alla carta

L' ideatore: «Libri più forti di Internet. Ma i testi li faccio scegliere a chi naviga»
23 agosto 2006 - Formenti Carlo
Fonte: Il Corriere della Sera (http://www.corriere.it)

Finora l' impatto della rivoluzione digitale sull' industria culturale è stato misurato in termini di rischio, nel senso che Internet viene vista come un canale alternativo per la distribuzione di contenuti (testi, musica, video, ecc.) che, da un lato, favorisce la sistematica violazione dei diritti di proprietà intellettuale, dall' altro mette in crisi i canali distributivi «classici». Ma che dire dell' enorme mole di contenuti «personali» che milioni di blogger, scrittori, musicisti, videoamatori, fotografi producono e «pubblicano» quotidianamente in Rete? Perché non trasformare il rischio in opportunità di scoperta/valorizzazione di nuovi talenti? Intrigati da questa sfida, Paolo Anio (già fondatore di Matrix), Gianluca Dettori (ideatore di Vitaminic), Fausto Gismondi (ex direttore editoriale di Virgilio) e Massimo Esposti (ex amministratore delegato di Apogeo) hanno dato vita a Unwired Media, un progetto editoriale atipico che mira ad «invertire» il flusso dei contenuti fra vecchi e nuovi media: dalla Rete come nuovo veicolo di vecchi contenuti alla Rete come miniera per l' estrazione di nuovi contenuti. A Massimo Esposti (che di Unwired Media è amministratore delegato) chiediamo di spiegare meglio la filosofia del progetto: che senso ha trasportare su vecchi supporti (carta, cd, dvd), e distribuire attraverso canali tradizionali, dei contenuti digitali cui la gente può già liberamente accedere via Internet? «L' obiezione sarebbe valida - replica Esposti - se tutti avessero effettivamente accesso a Internet, ma in Italia solo una minima parte dei lettori naviga con una certa continuità e con la competenza necessaria a rintracciare determinati contenuti. La trasposizione su carta permette, per esempio, di far arrivare i testi dei blogger a un pubblico più vasto che ignora persino l' esistenza dei weblog. Il nostro scopo è quello di far emergere dei nuovi autori che noi definiamo, con un paradosso, "esordienti di successo", nel senso che si tratta di autori sconosciuti all' editoria tradizionale ma che, grazie a Internet, possono già contare su un pubblico di migliaia di lettori». Così si allarga indubbiamente il target, ma perché i lettori online di un blogger dovrebbero comprare anche la versione cartacea del loro autore preferito? «Perché potrebbe essere piacevole continuare a leggerlo anche quando si va in vacanza in posti dove non è possibile connettersi. E poi non va dimenticato che l' oggetto-libro, nella sua "staticità", gode del vantaggio di incarnare quella memoria che il testo virtuale non è in grado di garantire. Ma il progetto non si esaurisce nella trasposizione di contenuti digitali su supporti tradizionali: l' idea è quella di creare una circolazione virtuosa fra vecchi e nuovi media. Per esempio le nostre due collane, Scritto Misto e Area 51 (di cui sono appena usciti, rispettivamente, i primi sei e i primi due titoli) sono anche dei blog, dei siti collettivi che funzionano da selettori dei contenuti. È la comunità degli utenti a "creare" gli autori che saranno poi sottoposti all' attenzione di un pubblico più vasto: insomma dalla rete alla carta e ritorno. Da quando abbiamo messo online il sito, abbiamo più di quattrocento commenti al giorno che ci offrono suggerimenti preziosi; per esempio, grazie alle loro critiche, abbiamo cambiato più volte le regole del Gran Premio Fritto Misto, il concorso che selezionerà tre opere narrative da pubblicare entro la primavera 2007». Come avete risolto il problema del copyright: una volta trasferiti su carta i diritti sui contenuti a chi appartengono? «Abbiamo adottato il modello Creative Commons: l' autore mantiene i propri diritti sulla versione digitale del testo e sulle eventuali opere derivate. Un modello che non vale solo per la carta. Fin qui abbiamo parlato di libri, ma Unwired Media non vuole essere solo una casa editrice cartacea, bensì un editore crossmediale»: dopo i libri arriveranno musica, audiovisivi ed eventuali prodotti editoriali per conto di terzi, come programmi radiofonici, contenuti video e altri format editoriali innovativi. Sempre in base alla filosofia: la Rete sceglie, noi pubblichiamo». Internauti È nato un editore che pubblica racconti e contenuti relativi di blogger e community virtuali su carta. Da una ricerca Swg emerge che il 34% dei ragazzi sotto i 12 anni usa già il pc Il 90% dei ragazzi usa solo Internet come una fonte per l' approfondimento delle informazioni e per lo studio. Il 65% dei ragazzi afferma che tramite chat, forum e blog riesce anche a superare le naturali timidezze.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)