Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Oltre alla diossina, anche Piombo-210 e Polonio-210

Ecco come da un'acciaieria può fuoriuscire radioattività

Stiamo parlando dell'impianto di agglomerazione, vera "bestia nera" dell'area a caldo. Assieme alla cokeria, l'impianto di agglomerazione si caratterizza per il suo potenziale impatto cancerogeno.
30 ottobre 2008
Associazione PeaceLink

Il Polonio-210 dimezza la sua radioattività in 138 giorni, il Piombo 210 in 22 anni
Questo isotopo del polonio è un emettitore alfa, con una emivita di 138,39 giorni. Un milligrammo di tale metalloide emette lo stesso numero di particelle alfa di 5 grammi di radio.

Il polonio è un elemento tossico, altamente radioattivo e pericoloso da manipolare, persino in quantitativi dell'ordine del milligrammo o meno. Le particelle alfa che emette viaggiano per pochi centimetri nell'aria e sono facilmente schermabili, ma in caso di penetrazione nell'organismo (ad esempio per inalazione o ingestione) possono danneggiarne i tessuti.

Il 23 novembre 2006 Litvinenko (ex agente del KGB) è morto a causa di un avvelenamento da radiazione da polonio-210, un isotopo radioattivo del polonio, in circostanze ancora da chiarire. Tracce di polonio sono state individuate in diversi locali nei quali Litvinenko si trovava prima del ricovero.

Il Piombo 210 dimezza la propria radioattività in 22,3 anni.
Fonte: Wikipedia

Da scrupolose ricerche scientifiche condotte nel Regno Unito, emerge che dai “camini della diossina” può fuoriuscire anche radioattività. Ne sarebbe responsabile il processo di sinterizzazione in un impianto di agglomerazione. Il minerale di ferro trattato nell’impianto di agglomerazione contiene infatti tracce di uranio.
Pericolo radioattività
Data l’enorme quantità di minerale di ferro trattata, l’uranio complessivo che entra in un impianto di agglomerazione acquisisce una significativa consistenza complessiva, tale da rilasciare isotopi radioattivi derivanti dal processo di sinterizzazione.

Alleghiamo a questa pagina web la documentazione scientifica a supporto di quanto sopra affermato.

Questo è il contributo che vogliamo offrire al dibattito e alla ricerca.

Non vogliamo procurare allarmi ingiustificati ma - esercitando i diritti costituzionali alla libertà di espressione del pensiero e alla libertà di ricerca scientifica e culturale - vogliamo elaborare criticamente (e aperti al confronto) delle ipotesi su cui indagare, invocando il Principio di Precauzione nell'interesse superiore della tutela della salute.

Associazione PeaceLink

Note: "E' opportuno chiarire cos'è l'agglomerato. Il minerale di ferro è di pezzatura diversa e per un regolare processo dell'altoforno è opportuno che la pezzatura di quanto va immesso nell'altoforno (minerale, fondenti e coke) sia tale da favorire il flusso dei gas (aria, ossido di carbonio, etc.) per per produrre ghisa. I minerali fini costituiscono quindi un problema, è necessario agglomerarli (sinterizzarli) per avere pezzature opportune. Questo processo di agglomerazione viene fatto con le componenti più fini del coke prodotto dalla cokeria in presenza di aria, ad alta temperatura (800-1000°C), ed è proprio per la presenza di aria e di cloruri che si trovano nel minerale e nelle impurezze del calcare addizionato ed inoltre nell'acqua, che viene aggiunta per omogeneizzare il tutto, che si formano diossine clorurate e policlorobifenili".

Fonte: http://www.legambientetrieste.it/Ferriera.htm

Questo documento proviene proprio dall'altro luogo siderurgico dove si fa l'agglomerato: Trieste. Dove hanno imposto il limite di 0.4 ng TE/M3.

Per la SINTERIZZAZIONE in generale vedi http://it.wikipedia.org/wiki/Sinterizzazione

Allegati

  • The steel production industry

    NRPB (National Radiological Protection Board)
    699 Kb - Formato pdf
    Radiological impact on the UK Popolation
  • 2nd International Conference on Society & Materials, SAM2, Nantes, 24-25 April 2008

    Dr Fionn MacKillop, Senior Research Associate University of Durham, Geography Department
    173 Kb - Formato pdf
    Steel, Materials Flows, and Globalisation: By-product Optimisation and Waste Management in the UK Steel Industry
  • Radiation Protection

    European Commission
    1032 Kb - Formato pdf
    Effluent and dose control from European Union NORM industries: Assessment of current situation and proposal for a harmonised Community approach
  • Industrial Activities Which Have Used Materials Containing Radioactivity

    Department for Environment Food and Rural Affairs (UK)
    467 Kb - Formato pdf
    The purpose of this publication is to provide regulators, developers, consultants and other interested parties with advice on the likely occurrence of radioactive contamination resulting from certain industrial activities.
  • Report on Recent Status of NORM/TENORM in Australia

    263 Kb - Formato pdf
    TENORM (Technologically Enhanced Naturally Occurring Radioactive Material). This report outlines Australia’s inventory of technologically enhanced naturally occurring radioactive material, current regulations, and further identifies a number of issues to be solved in the future.

Articoli correlati

  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
  • Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia
    Ecologia
    Il pentastellato confonde milioni per miliardi

    Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia

    A proposito dell'ILVA il ministro del MISE più volte pronuncia con convinzione numeri privi di senso davanti alla telecamera di Repubblica, confondendosi in un crescendo di amenità senza capo né coda
    5 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
  • Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita
    Ecologia
    Viene prevista una nuova Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

    Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita

    Il governo sposta al 2025 il termine della messa a norma degli impianti. La Corte Costituzionale aveva di fatto "chiuso un occhio" sul primo decreto salva-ILVA contando sul fatto che il completamento dell'AIA sarebbe stato compiuto nel 2015. Oggi invece vengono tollerati ben dieci anni di ritardo.
    4 marzo 2020 - Associazione PeaceLink
  • Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura
    Editoriale
    Il Green New Deal per l'ILVA prevede di allungare i tempi di messa a norma degli impianti

    Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura

    Sentirete parlare di un nuovo stabilimento siderurgico "green" per Taranto, con un nuovo piano ambientale ambizioso e all'avanguardia. Non vi fate abbindolare. Il vero scopo del nuovo piano è quello di dare altri due anni di tempo per la messa a norma degli impianti. Intanto la gente muore.
    3 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)