Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Verso la marcia del 6 aprile

L’alleanza tra Taranto e la sua provincia può far parlare di futuro

L’agricoltura non è un tema di serie B. Ci sono possibilità di lavoro, macchine moderne e risorse europee. L'incontro tra chi rifiuta un modello economico opprimente e chi, nei piccoli centri, è ancora vicino alla terra e al patrimonio di conoscenze dei più anziani, può dare molti frutti.
30 marzo 2014

Ci sono fondi europei per i nuovi agricoltori sotto i 40 anni  Pochi giorni fa, in un farmer’s market  (un mercato di vendita diretta) -  tra un produttore che informava sulla provenienza delle nocciole e dei vasi di conserve sul suo banco e un altro agricoltore che segnalava con orgoglio i biscotti con cui ha vinto un premio regionale – qualcuno descriveva le sue terre, tra l’alto Lazio e la Toscana. Terre di calanchi, come quelle che occupano molte zone del Sud, dalla Calabria alla Basilicata. Una terra argillosa che, se trattata a dovere e destinata a piantagioni adatte, mostra proprietà utili alla coltivazione e rende  prelibati gli alimenti.

Anche un luogo come questo oggi cambia. I consumatori sono più curiosi. Stanno assistendo al successo di iniziative imprenditoriali come quella di Eataly e ad una comunicazione vincente su temi come i prodotti della terra, l’allevamento e il recupero delle tradizioni. I punti vendita di prodotti a coltivazione biologica e biodinamica aumentano, e i cittadini più informati leggono e osservano, viaggiando, quanto vale nel mondo il solo e semplice marchio “Italia”. I luoghi di scambio di conoscenze, per arrivare a iniziative di vera e propria formazione, dovrebbero moltiplicarsi, creando un circuito virtuoso tra chi ha sofferto e rifiuta un modello economico di sfruttamento e spersonalizzazione, nelle città industrializzate, e chi, nei piccoli centri, è ancora vicino alla terra e al patrimonio di conoscenze dei più anziani.

I PROGRAMMI EUROPEI DI SVILUPPO RURALE

Si chiama Programma di Sviluppo Rurale e incoraggia e finanzia le attività agricole nei paesi dell'Unione Europea. Conclusa la fase europea, nelle Regioni si approva il Programma 2014 - 2020, mentre sono in corso le azioni del Programma 2016 - 2013

                                                                                                                                                                                                           Ma quanti sanno, tra i non addetti ai lavori, che per l'Europa si è giovani agricoltori fino al compimento dei quaranta anni?

                                                                                                                                                                                                         Molti adulti oggi confessano che, se tornassero indietro, non entrerebbero più in posti alienanti e a volte crudeli come certe fabbriche. Perché allora l'informazione sui fondi per l'agricoltura non riesce a diffondersi e ad essere meno approssimativa? In Italia metà delle aziende è guidata da over 65enni ed è rischio di abbandono, e sono previsti aiuti per chi ha meno di 40 anni e intende dedicarsi ad attività agricole. Il tema della produzione agricola e della piccola trasformazione può fare parte seriamente dell'orizzonte di vita e di lavoro di molti giovani nel Sud, e naturalmente di scelte politiche nazionali e locali più convinte.

Nel sito web che segue (Regione Puglia) c'è una consultazione pubblica diretta ai cittadini. Si può suggerire, indirizzare e fare proposte on line. Ma alla voce "giovani e agricoltura", fino ad oggi, gli interventi sono solo quattro. Le altre voci - tra cui "ambiente, foreste e acqua", "filiere e competitività" o "sviluppo locale partecipativo" hanno anche minore fortuna. E' segno che il sito viene visitato poco (del resto la rete è frequentata dai più giovani). Ma tutti gli interventi dei cittadini sono pertinenti. Se questi contenuti circolassero di più, ne nascerebbero curiosità e confronti costruttivi.

Per intervenire:

   http://svilupporurale.regione.puglia.it/portal/pls/portal/PSR_PORTALE.DYN_FORUM.show

Misure di intervento 2006 - 2013:                      

 http://svilupporurale.regione.puglia.it/portal/pls/portal/PSR_PORTALE.DYN_AREA_TEMATICA.show

Preferire e rispettare la terra: diciamolo a chi ci amministra

Gli amministratori e gli stessi cittadini possono diventare più attivi nel ricercare contatti ed esperienze interessanti per indirizzare la progettualità dei più giovani, o nell'acquisire e diffondere istruzioni sull'utilizzo dei fondi europei. Le possibilità di lavoro e di crescita nell'agricoltura hanno un orizzonte concreto, più di altre operazioni dagli alti costi economici, ambientali e sociali, destinate a consumarsi nel giro di pochi anni. Non è poi da trascurare che, in controtendenza rispetto a possibili altri obiettivi personali o di categoria, per far conoscere e rilanciare le tradizioni e i prodotti del proprio territorio l'unione fa la forza.

 PIU' INFORMAZIONE PER LAVORARE SERIAMENTE 

Sullo stesso sito, a proposito del programma in corso e delle misure di intervento (aree tematiche), si legge dei fondi assegnati (anche voucher formativi e fondi per realizzare ammodernamenti), ma anche di casi di decadenza dagli aiuti già attribuiti per i nuovi insediamenti di giovani (misura 112), essendo mancati gli investimenti previsti da parte degli assegnatari. E' probabile che gli autori dei progetti e le persone che dovevano gestirli non fossero preparati, e abbiano solo colto in fretta l’opportunità di un finanziamento; ma può anche darsi che non abbiano potuto usufruire di un supporto adeguato sul piano amministrativo. Sarebbe utile approfondire, senza entrare nella spirale delle accuse o della dissimulazione ad ogni costo. Se la cattiva gestione dei fondi europei - che riguarda in modo pesante quattro regioni del Sud, ma anche il resto d'Italia - perdura da anni, è anche perché non si riesce ad affrontarne i nodi semplicemente lavorando di più e meglio, in modo meticoloso e senza presunzione.

Per favorire la nascita di progetti imprenditoriali dai presupposti solidi, dovrebbero essere offerte più occasioni di confronto e di approfondimento e dati conoscitivi chiari e di facile elaborazione. In questi mesi, l’ISMEA ha organizzato in 10 città italiane un seminario itinerante, che avrà come ultima tappa Viterbo, il 14 maggio. E' un'attività informativa che forse dovrebbe essere più capillare.

http://agronotizie.imagelinenetwork.com/agricoltura-economia-politica/2014/03/13/i-soldi-dei-giovani/37155

Note: L’ISMEA è l’Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare
http://www.ismea.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/79

Approvata la Politica Agricola Comune (PAC )
http://www.europarl.europa.eu/news/it/news-room/content/20131118IPR25538/html/Approvata-politica-agricola-UE-2014-2020-sar%C3%A0-pi%C3%B9-equa-e-pi%C3%B9-ecologica

Articoli correlati

  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
  • "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"

    Questa tesi di laurea di Nicola Petrilli è aggiornata agli ultimi eventi che hanno caratterizzato la fabbrica dopo l'avvento del governo "giallo-verde". Viene analizzata la società civile tarantina e i suoi "cittadini reattivi", mettendo in luce le difficoltà di ArcelorMittal a Taranto
    8 luglio 2019
  • I ministri pentastellati vanno a Taranto ma non incontrano le associazioni
    Ecologia
    Peccato perché volevamo discutere i dati sanitari e gli eccessi di mortalità vicino agli impianti

    I ministri pentastellati vanno a Taranto ma non incontrano le associazioni

    Vi è una differenza fra il 24 aprile e il 24 giugno 2019. Il 24 aprile furono convocate le associazioni. Oggi no. La Segreteria del Capo di Gabinetto del Ministro dello sviluppo economico ha fatto sapere tramite email a PeaceLink che "non è previsto alcun incontro".
    23 giugno 2019 - Redazione PeaceLink
  • Lo sviluppo della grande industria di Taranto. Quale futuro?
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    Lo sviluppo della grande industria di Taranto. Quale futuro?

    Una cosa importantissima per città come Taranto è quella di programmare uno sviluppo economico che consenta una vita dignitosa ai propri cittadini. Per fare questo bisogna programmare le politiche pubbliche. La tesi allegata in formato PDF affronta tale nodo tenendo conto dell'aspetto ecologico.
    24 giugno 2019
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.25 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)