Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Il gruppo di lavoro è stato coordinato dal dott. Francesco Forastiere

Taranto, Ilva: lo studio integrale aggiornato presentato oggi

Questa ricerca integra e aggiorna la perizia presentata nel 2012 al Tribunale di Taranto. Confermata la gravità della situazione sanitaria anche dopo le leggi Salva Ilva
3 ottobre 2016
Alessandro Marescotti

Emissioni Ilva notturne

Lo studio coordinato dal dott. Forastiere, presentato stamattina a Bari alla presenza del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, conferma e aggiorna quanto già evidenziato nella perizia presentata al Tribunale di Taranto nel 2012.

Le emissioni industriali, secondo lo studio, avrebbero un significativo impatto sulla salute dei cittadini. Le esposizioni sia recenti sia passate sarebbero responsabili degli effetti negativi sulla mortalità. Lo studio conferma il nesso fra mortalità nelle aree contigue all'ILVA e valori di PM10.

I dati presentati dal dott. Forastiere dimostrano scientificamente che all'aumentare dei valori di PM10 tende a seguire un aumento della mortalità nei quartieri vicini all'ILVA (Tamburi, Paolo VI, città Vecchia, Borgo). Il fatto che a minore produzione dell'ILVA corrispondano minori impatti sulla salute non significa che essi siano accettabili, in quanto sono comunque sopra il livello di tollerabilità.

Taranto infatti si qualifica come area critica dove ci si ammala di più e dove si muore di più, facendo i confronti con il resto della Puglia. Lo confermano i dati recentemente presentati da PeaceLink sugli anni di vita persi ogni anno (1340 in media ogni anno rispetto alla media pugliese).

I dati presentati stamattina confermano e rafforzano l'azione della magistratura, che mantiene sotto sequestro gli impianti dell'area a caldo dell'ILVA, dando torto a chi sostiene che attualmente la situazione sia accettabile e priva di pericoli significativi. Il pericolo invece c'è e i danni pure.

Allegati

  • Relazione Taranto

    Gruppo studio dott Forastiere
    Fonte: Regione Puglia
    2958 Kb - Formato pdf
    Relazione Taranto

    Licenza: CC Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0

Articoli correlati

  • La sentenza del TAR per lo stop degli impianti è stata trasmessa al Consiglio Europa
    Taranto Sociale
    ArcelorMittal

    La sentenza del TAR per lo stop degli impianti è stata trasmessa al Consiglio Europa

    Legamjonici contro l’inquinamento, una delle associazioni ambientaliste di Taranto, ha trasmesso al comitato dei ministri del Consiglio d’Europa la sentenza dello scorso 13 febbraio del Tar di Lecce che ordina ad ArcelorMittal di spegnere gli impianti inquinanti.
    25 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • "Mancano le tute nello stabilimento siderurgico di Taranto"
    Taranto Sociale
    Denuncia della Uilm

    "Mancano le tute nello stabilimento siderurgico di Taranto"

    La denuncia, oltre che ad ArcelorMittal, è inviata anche a Spesal, il servizio sicurezza luoghi di lavoro dell’Asl. “I lavoratori da più tempo - afferma la Uilm - da più tempo non riescono ad approvvigionarsi di tute per poter svolgere la propria mansione”.
    23 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • ArcelorMittal: Peacelink, dopo sentenza nuova fase per Taranto
    Taranto Sociale
    Dopo la sentenza del TAR di Lecce

    ArcelorMittal: Peacelink, dopo sentenza nuova fase per Taranto

    "Un'intera comunità deve richiedere che il Recovery Plan finanzi la riconversione dei lavoratori Ilva impiegandoli in attività di bonifica, di utilità sociale e di riqualificazione territoriale. Occorre chiudere definitivamente l'area a caldo così come è avvenuto a Genova e a Trieste”.
    13 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Per il Tar di Lecce ILVA impone un tributo inaccettabile "in termini di vite e di salute"
    Editoriale
    Ordinato lo spegnimento dell'area a caldo del siderurgico di Taranto

    Per il Tar di Lecce ILVA impone un tributo inaccettabile "in termini di vite e di salute"

    Chiediamo che il nuovo ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, non faccia ricorso contro questa sentenza ma la accolga come una opportunità. La chiusura dell'area a caldo deve essere l'occasione per riprogettare lo sviluppo e porre fine a decenni di sofferenze.
    13 febbraio 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)