Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Come i bambini hanno cambiato la lotta all'inquinamento dell'ILVA

La forza della nonviolenza

Si chiude una settimana che passerà nella storia delle lotte popolari nonviolente italiane. Taranto ha scritto, con i suoi bambini e con il suo dolore, una delle pagine più luminose della resistenza nonviolenta alle ingiustizie. Adesso occorre fare altri passi avanti
9 marzo 2019
Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)
Papà uccidi il mostro, disegno di Federico un bambino di Taranto morto di tumore Si chiude una settimana che passerà nella storia delle lotte popolari nonviolente italiane. Taranto ha scritto, con i suoi bambini e con il suo dolore, una delle pagine più luminose della resistenza nonviolenta alle ingiustizie.
La presenza dei bambini ha dato un'impostazione gandhiana alla lotta e ha garantito che la contrapposizione Popolo/Palazzo assumesse una forte valenza simbolica senza degenerare nella contrapposizione fisica. La folla doveva proteggere i bambini da ogni pericolo e per questo ha messo al centro il loro girotondo e la loro voglia di vivere. Questo ha garantito il successo. La forza della mobilitazione è stata centrata sulla fragilità del bene da proteggere: i bambini e la loro salute. E così ai simboli del potere si è contrapposto il potere dei simboli. Don Tonino Bello avrebbe espresso la sua ammirazione. 
Inoltre è fallito miseramente il tentativo di delegittimare PeaceLink come soggetto credibile e serio di informazione. I dati diffusi da PeaceLink, dopo una settimana di polemiche pretestuose, si sono dimostrati veri. E chi credeva che l'inquinamento stesse diminuendo si è dovuto ricredere.
Ci ha molto ferito il fatto che fossimo accusati di procurato allarme, quando ciò che procura allarme non siamo noi, ma l'inquinamento. Manifestazione del 6 marzo 2019 davanti alla prefettura per l'inquinamento ILVA La narrazione di comodo di un inquinamento che fosse ormai ridotto e sconfitto, oggi appare come una narrazione ingannevole del potere. Una narrazione che è stata sconfitta non solo con la solidità dei dati diffusi da PeaceLink, ma anche dalla forza delle mamme e dei bambini, dei genitori indomiti e coraggiosi, che hanno portato i cartelli e i bambini con una scritta chiara e inequivocabile: "Vogliamo vivere". Una scritta che sintetizza la condatta della Corte Europea dei Diritti Umani, con sede a Straburgo, che ha condannato lo Stato Italiano per non aver protetto la popolazione e per aver violato i diritti umani. Questa colpa di aver violato i diritti umani è pesante come un macigno e tocca anche questo governo, oltre ai precedenti.
Adesso occorre individuare la strada per uscire da questo dramma. Il riesame dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (con l'inserimento di prescrizioni di grande severità) appare come il primo passo e bene ha fatto la Regione Puglia a intraprendere tale strada. Cartello portato in una manifestazione: "Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un bambino"
PeaceLink chiederà nei prossimi giorni al Sindaco i dati della mortalità 2018 per verificare se sussiste un eccesso di mortalità e in quali quartieri. Nell'Osservatorio Salute, concordato fra i cittadini e il Sindaco, va subito incluso l'Osservatorio Mortalità perché può subito fornire la panoramica istantanea dello stato di salute, andando a individuare la speranza di vita dei tarantini, quantificando, disaggregando e comparando i dati.
Siamo di fronte ad una rinascita della consapevolezza, a una forte presa di coscienza della popolazione, a cui va fatta seguire un'informazione tempestiva. La manifestazione dell'8 marzo 2019 a Taranto davanti al Municipio per protestare contro l'inquinamento dell'ILVA
Questa settimana di iniziative è bene che prosegua nelle scuole con ore di educazione ambientale in cui vi sia un'alfabetizzazione ecologica e una formazione alla cittadinanza attiva. Questi bambini che sono scesi in piazza ricorderanno per sempre questa settimana. Sono loro la nostra speranza. Sono loro il nostro fine.
Spezzare le ali a questi bambini e reprimere la voglia di cambiamento dei loro genitori sarebbe gravissimo, straccerebbe il principio di fondo della carta costituzionale: "la sovranità appartiene al popolo". Noi abbiamo visto un sogno negli occhi di tante persone. Occorre rispettare questo sogno, coltivarlo, prenderne cura.
Ogni azione utile va tentata, con la consapevolezza che l'unità dei cittadini è stata e sarà - insieme alla noviolenza - la vera forza del movimento civile che è nato a Taranto.

Articoli correlati

  • "Svegliati amore io", sospesi lavoratori ILVA
    Ecologia
    Lo denuncia il sindacato USB

    "Svegliati amore io", sospesi lavoratori ILVA

    Secondo Rizzo, si "accusa i dipendenti di aver messo in cattiva luce la gestione dello stabilimento, anche se nella serie non si fa riferimento ad Arcelor Mittal". Il sindacato ritiene "gravissimo il continuo tentativo di voler a tutti i costi alimentare un clima di terrore".
    2 aprile 2021
  • Sindacati: “Vi è stato un cedimento della struttura refrattaria dell'altoforno 2"
    Ecologia
    ArcelorMittal: "Non si è verificato alcun cedimento"

    Sindacati: “Vi è stato un cedimento della struttura refrattaria dell'altoforno 2"

    A solo mese della ripartenza e successivamente all'esecuzione degli interventi previsti dalle prescrizioni della Procura della Repubblica di Taranto i sindacati Fim Cisl, Fiom Cgil, Uilm e Usb denunciano il cedimento del rivestimento dell'altoforno appena rifatto
    1 marzo 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • La sentenza del TAR per lo stop degli impianti è stata trasmessa al Consiglio Europa
    Taranto Sociale
    ArcelorMittal

    La sentenza del TAR per lo stop degli impianti è stata trasmessa al Consiglio Europa

    Legamjonici contro l’inquinamento, una delle associazioni ambientaliste di Taranto, ha trasmesso al comitato dei ministri del Consiglio d’Europa la sentenza dello scorso 13 febbraio del Tar di Lecce che ordina ad ArcelorMittal di spegnere gli impianti inquinanti.
    25 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • "Mancano le tute nello stabilimento siderurgico di Taranto"
    Taranto Sociale
    Denuncia della Uilm

    "Mancano le tute nello stabilimento siderurgico di Taranto"

    La denuncia, oltre che ad ArcelorMittal, è inviata anche a Spesal, il servizio sicurezza luoghi di lavoro dell’Asl. “I lavoratori da più tempo - afferma la Uilm - da più tempo non riescono ad approvvigionarsi di tute per poter svolgere la propria mansione”.
    23 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)